This content is not available in your region

Il premier iracheno Haider al-Abadi nega di aver autorizzato attacchi aerei iraniani in Iraq contro Isil

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Il premier iracheno Haider al-Abadi nega di aver autorizzato attacchi aerei iraniani in Iraq contro Isil

A Bruxelles il primo ministro iracheno ha chiesto alla Nato di formare le truppe irachene per contrastare i terroristi dell’esercito islamico. A margine della riunione, Charles Salamé di Euronews ha intervistato in esclusiva il premier iracheno.

“La comunità internazionale si deve prendere delle responsabilità. Questo è il punto”- ha detto Haider al-Abadi.” Abbiamo presentato due domande oggi. La prima è di mantenere gli aiuti all’Iraq, la seconda è di creare un fondo monetario per aiutare l’Iraq a ricostruire le regioni distrutte dall’esercito islamico. E abbiamo chiesto ai paesi della coalizione presenti di aumentare la pressione per vietare ogni finanziamento all’Isil.”

Charles Salamé, euronews:
“E per quanto riguarda la coordinazione degli attacchi aerei? Si parla attacchi di aerei iraniani”.

Haider al-Abadi, primo ministro iracheno”
“Nessun attacco puo’ essere sferrato senza il nostro permesso, che sia della coalizione internazionale o di un altro paese. Io personalmente non ho dato alcun ordine o autorizzazione perché degli aerei iraniani potessero entrare nel nostro spazio aereo. Nego che questo sia successo con il nostro consenso.

C‘è una coalizione internazionale e a questa coalizione internazionale è il governo iracheno che dà il suo permesso. Qualsiasi attacco in Iraq deve essere richiesto dal governo iracheno e dalla direzione congiunta con le forze della coalizione, sotto la direzione delle forze armate irachene, presiedute dal primo ministro iracheno.
Non abbiamo dato alcuna autorizzazione affinché degli aerei iraniani partecipassero a questi attacchi, né a degli aerei turchi o di altri paesi che non siano quelli dalla coalizione. Per questo ho dei dubbi su queste informazioni.”