Politica UE. Inquinamento atmosferico: Parlamento Ue e Stati membri lavorano a un accordo

Michael Probst / AP
Michael Probst / AP Diritti d'autore Michael Probst/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Michael Probst/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Marta Pacheco
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il Belgio spera di mediare un accordo tra i governi e gli eurodeputati su nuovi limiti più severi per l'inquinamento atmosferico nell'Ue, con un'ultima tornata di colloqui prevista per il 20 febbraio

PUBBLICITÀ

I governi nazionali e il Parlamento europeo sono in disaccordo su quanto e quanto velocemente inasprire i limiti dell'inquinamento atmosferico in Europa. Il Belgio, detentore della presidenza del Consiglio dell'Ue, spera di raggiungere un accordo in un quarto round di colloqui in segreto a Bruxelles la prossima settimana, probabilmente l'ultima possibilità di far passare la legislazione prima delle elezioni europee di giugno.

La data di entrata in vigore di nuovi limiti più severi per una serie di inquinanti è al centro di una disputa tra i legislatori dell'Ue che stanno negoziando una proposta di revisione della Direttiva sulla qualità dell'aria ambiente. I governi sono favorevoli a un periodo di transizione che potrebbe ritardare l'attuazione fino al 2040, come rivela un documento visionato da Euronews.

Obiettivo inquinamento zero nel 2050

La Commissione europea ha proposto nel 2022 di rivedere la legislazione sull'aria del blocco, introducendo un obiettivo di inquinamento zero per il 2050 e standard di qualità dell'aria per il 2030 più vicini - ma non in linea - con le linee guida dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Anche il Parlamento ha convenuto che si tratta di una scadenza troppo ravvicinata, ma ha appoggiato il termine del 2035 quando ha adottato la sua posizione negoziale lo scorso settembre.

Cosa prevede la legge sulla qualità dell'aria

La legge sulla qualità dell'aria prevede che i Paesi dell'Ue mantengano le concentrazioni di specifici inquinanti nell'aria, come il particolato nocivo (PM) o gli ossidi di azoto (NOx), al di sotto di determinati valori limite. Quando questi valori limite vengono superati, i governi devono adottare piani di qualità dell'aria per garantire che l'aria venga rapidamente allineata agli standard dell'Ue.

Il Parlamento ha dichiarato che prenderebbe in considerazione la possibilità di accettare un periodo di introduzione graduale di dieci anni se l'esenzione fosse accompagnata da "condizioni molto più rigorose" e misure di salvaguardia. Anche altre questioni, come la durata dell'elaborazione dei piani, l'attuazione e l'aggiornamento, dividono i colegislatori.

Disaccordo tra Parlamento e Consiglio europeo

Il Parlamento e il Consiglio divergono anche sul livello di inquinamento atmosferico che dovrebbe essere tollerato nell'Ue. Nel caso del particolato fine (PM2,5), il Consiglio è d'accordo con la proposta della Commissione di ridurre la media annuale massima da 25 a 10 µg/m³ entro il 2030. Ma gli eurodeputati stanno spingendo affinché il blocco si allinei alle ultime raccomandazioni dell'Oms, che fissano il massimo a soli 5 µg/m³.

Pur affermando di essere consapevole del delicato equilibrio raggiunto nel mandato iniziale del Consiglio, la Presidenza belga ha detto ai governi che un accordo sarà possibile solo se saranno disposti a mostrare "una certa flessibilità" nell'avvicinarsi alla posizione del Parlamento.

"La Presidenza è consapevole che questi requisiti comporteranno un ulteriore onere amministrativo per gli Stati membri, ma è anche convinta che sarà necessario fare alcune concessioni al Parlamento sul rinvio della scadenza e sulle esenzioni per preservare gli elementi essenziali per il Consiglio", si legge nel documento negoziale interno.

Il possibile compromesso tra Parlamento e Consiglio Ue

Un diplomatico di una delle delegazioni nazionali presso l'Ue ha suggerito un potenziale compromesso. "Accetteremmo la proposta della presidenza sui piani per la qualità dell'aria se si riducesse l'onere amministrativo", ha dichiarato la fonte a Euronews.

Alcuni governi vorrebbero anche delle esenzioni dal rispetto dei limiti di inquinamento per i casi in cui il reddito delle famiglie e il Pil sono inferiori alla media dell'Ue per le famiglie a basso reddito e il Pil nazionale è inferiore alla media dell'Ue, una proposta respinta dal Parlamento. La presidenza belga suggerisce invece aggiustamenti sul riscaldamento domestico nelle zone a basso reddito e disposizioni che consentano a uno Stato membro di conformarsi producendo piani per raggiungere le soglie di inquinamento entro il 2040.

Romania, Lettonia, Polonia, Malta, Cipro e Bulgaria "hanno deplorato" lo sforzo della Presidenza belga di accogliere le preoccupazioni del Parlamento durante la riunione preparatoria di mercoledì 14 febbraio che ha gettato le basi per i negoziati interistituzionali che si terranno a Bruxelles la prossima settimana, ha dichiarato la fonte diplomatica.

Olga Rueda Molina, consigliere politico del negoziatore principale del Parlamento, Javi López, ha dichiarato a Euronews che un riavvicinamento è possibile. "Siamo fiduciosi di poter fare progressi nei negoziati e di poter affrontare quella che è la più grande minaccia ambientale per la salute pubblica: l'inquinamento", ha dichiarato.

Le critiche dagli attivisti ambientali

Gli attivisti per l'aria pulita criticano la posizione del Consiglio nei negoziati. Sophie Perroud, coordinatrice delle politiche dell'Ue presso la Health & Environment Alliance (HEAL), ha criticato il tentativo di far passare una serie di esenzioni, notando che nega l'urgenza di affrontare l'inquinamento atmosferico.

La riduzione delle emissioni di inquinanti atmosferici in Europa è fondamentale, secondo l'Agenzia europea dell'ambiente (Aea), che quest'anno ha avvertito che il 97% dei cittadini dell'Ue è esposto a livelli eccessivi di PM2,5, che sono stati collegati all'asma e a una serie di malattie cardiovascolari.

"La sanzione di ritardi decennali si tradurrebbe in un continuo danno alla salute, che potrebbe essere prevenibile, e in un aumento delle disuguaglianze sanitarie, per non parlare dell'elevato onere economico dei costi sanitari per i Paesi già sotto pressione economica", ha dichiarato Perroud a Euronews. "Non può essere questo il messaggio che l'Ue invia ai cittadini proprio prima delle elezioni europee".

I delegati governativi e il gruppo parlamentare di negoziatori si riuniranno a Bruxelles martedì prossimo, 20 febbraio, per una serie di colloqui che il Belgio spera di poter concludere con un accordo sulla legislazione sulla qualità dell'aria prima delle elezioni europee di giugno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cosa sta facendo l'Europa per ridurre l'inquinamento atmosferico?

L'inquinamento atmosferico influenza la concentrazione dei bambini

Quanto sono verdi i programmi dei partiti in lizza alle elezioni europee