This content is not available in your region

Il 55% dei rifiuti di plastica del mondo proviene da sole 20 aziende

La plastica monouso è tradizionalmente più difficile da riciclare
La plastica monouso è tradizionalmente più difficile da riciclare   -   Diritti d'autore  AFP
Di Doloresz Katanich
Dimensioni di testo Aa Aa

Un nuovo studio rivela che 20 aziende producono il 55% dei rifiuti di plastica monouso del mondo. La ricerca, condotta dalla Minderoo Foundation, ha tracciato l'intero percoso della plastica, dalla fabbrica allo smaltimento.

Attualmente, la plastica monouso rappresenta la maggior parte della plastica che viene gettata via ogni anno. Stando a Minderoo nel 2019 sono state gettate oltre 130 milioni di tonnellate di plastica monouso: la maggior parte viene bruciata, messa in discarica o, nel peggiore dei casi, gettata nell'ambiente. Spesso finisce nei nostri oceani e nelle spiagge.

Secondo il rapporto aziende come ExxonMobil e Dow, un produttore chimico, sono in cima alla lista insieme a Sinopec, una società petrolifera e chimica. Qeste tre aziende sono responsabili da sole del 16% dei rifiuti plastici monouso globali.

ExxonMobil, l'azienda che contribuisce maggiormente all'inquinamento, ha creato 5,9 milioni di tonnellate di rifiuti, mentre Dow, la più grande azienda chimica del mondo, è arrivata a 5,5 tonnellate. Tre delle venti peggiori aziende hanno sede in Europa e sono responsabili, complessivamente, di 4,6 milioni di tonnellate di rifiuti.

Si stima che nei prossimi cinque anni la prevista espansione della produzione di polimeri vergini ostacolerà le speranze di un'economia circolare della plastica e, di conseguenza, l'uso della plastica monouso potrebbe crescere fino al 30 per cento.

Questo sviluppo influenzerà negativamente i paesi in via di sviluppo, poiché è qui che la maggior parte della plastica monouso finisce. A livello europeo quello sulla plastica monouso è un dibattito in cima all'agenda politica. Sono stati fatti degli sforzi per ridurre i rifiuti marini entro il 2030 assicurando che tutte le bottiglie di plastica siano composto almeno al 30% di materiale riciclato.

"Tracciare le cause alla radice della crisi dei rifiuti di plastica ci permette di contribuire a risolverla - dice Al Gore, ex vicepresidente degli Stati Uniti e fondatore e presidente di The Climate Reality Project -. Proprio come la divulgazione delle emissioni di gas serra è stato il primo passo per creare obiettivi globali di riduzione, la divulgazione dei finanziamenti e della produzione di plastica monouso è necessaria per invertire la tendenza di questo problema crescente".