EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Gli elettori Gen Z al centro delle elezioni europee: un progetto creativo per ispirare i giovani

Parlamento europeo
Parlamento europeo Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Jonny Walfisz
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'iniziativa Changemakers vuole ispirare la Generazione Z a partecipare attivamente alle elezioni del Parlamento europeo di giugno. Laboratori creativi in quattro città europee si pongono l'obiettivo di far aumentare il numero degli elettorale giovani

PUBBLICITÀ

Come convincere le generazioni più giovani a votare? È questa la sfida che un progetto europeo sta affrontando in vista delle prossime elezioni.

Changemakers è un'iniziativa di ampio respiro dell'Associazione europea dei college universitari (Euca) che organizza programmi per coinvolgere i giovani elettori in tutto il continente. Il suo ultimo progetto, Gen Z Votes, consiste in quattro eventi in diversi Paesi. Durante queste giornate i partecipanti sono in prima linea per sviluppare campagne di informazione sulle prossime elezioni.

Durante gli eventi di Coimbra in Portogallo, Catania in Italia, Salonicco in Grecia, e Dubrovnik in Croazia, 240 partecipanti provenienti da 15 Paesi si riuniscono per cercare idee, filmare e montare contenuti video accattivanti con l'obiettivo di suscitare l'interesse dei propri coetanei. "Questi video vogliono mostrare il potere di voto dei giovani, il come e il perché delle diverse forme di partecipazione civica alle elezioni nazionali ed europee e l'impatto delle politiche dell'Ue sulla vita quotidiana", ha dichiarato a Euronews un portavoce dell'Euca.

L'obiettivo principale dell'Euca è quello di stimolare l'interesse degli elettori più giovani affinché credano nel proprio potere come cittadini europei e lo mettano in pratica durante le elezioni di giugno. "Il modo per raggiungere questo goal è quello di parlare alle nuove generazioni usando il "loro linguaggio" e facendo capire loro che ci si può impegnare in politica semplicemente stando nella loro zona comfort: i social media", spiega l'Euca.

I voti dei giovani sono in aumento

Dopo le prime elezioni del Parlamento europeo nel 1979 l'affluenza alle urne è stata in costante calo. Questa tendenza si è invertita per la prima volta nel 2019, nel corso dell'ultima tornata elettorale in cui l'affluenza ha raggiunto il 50,6% - otto punti percentuali in più rispetto al 2014.

Una delle motivazioni di questo cambio di rotta è da attribuire all'impegno dei ragazzi. In quell'anno i voti dei giovani sotto i 25 anni sono aumentati di 14 punti percentuali. Dopo le ultime elezioni, Belgio e Germania hanno abbassato l'età di voto a 16 anni seguendo Malta e Austria. Anche la Grecia ha abbassato l'età di voto a 17 anni per le prossime elezioni del Parlamento europeo.

"I giovani europei credono fortemente nei valori dell'Ue come la libertà, la democrazia, l'uguaglianza e lo Stato di diritto, quindi le loro principali preoccupazioni sono sicuramente legate alla protezione di questi temi. Le questioni legate alla giustizia sociale, all'uguaglianza e alla discriminazione sistemica hanno acquisito un'importanza significativa tra i giovani adulti", afferma l'Euca. La possibilità di esprimersi su questioni importanti - come la diversità, il cambiamento climatico e la salute mentale - ha fatto emergere un nuovo numero di votanti under 25.

Nonostante la crescente partecipazione dei giovani alle elezioni europee, l'Eurobarometro 2023 prevede che il 21% degli europei tra i 18 e i 25 anni non andrà a votare alle prossime elezioni.

Hackathon e guerrilla marketing

Gli eventi organizzati da Gen Z Votes mirano a ridurre questo divario. I quattro eventi comprendono un workshop di video storytelling, un hackathon (evento in cui esperti informatici di vario titolo si riuniscono per sviluppare un progetto), un'Olimpiade del video e un laboratorio sul guerrilla marketing.

I primi tre workshop si sono già svolti, mentre il laboratorio di guerrilla marketing a Dubrovnik si terrà a fine mese. Dal 25 al 28 aprile, 90 studenti si incontreranno nella città croata per creare delle clip volte a spronare i coetanei a votare.

Gli studenti impareranno tecniche di guerrilla marketing prima di scendere in strada per realizzare i loro contenuti per poi pubblicarli sui social.

Già 350 video arrivati dai gruppi precedenti sono online sulle piattaforme social di Euca. I contenuti rivolti ai giovani pensati da giovani hanno maggiori probabilità di coinvolgere in quanto inseriscono le questioni che per loro sono importanti in un contesto e linguaggio comprensibili.

Il sentimento delle fasce più giovani della popolazione sulle votazioni

Secondo i risultati della European Parliament Youth Survey del 2021, i giovani di età compresa tra i 16 e i 30 anni si informano in egual misura sui social media e sui siti web di informazione (entrambi al 41%).

L'Euca - che rappresenta oltre 18 mila studenti in 17 Paesi dell'Ue - ha constatato che esistono ancora alcuni ostacoli all'impegno dei giovani: "In primo luogo molte persone non conoscono abbastanza l'Unione europea e il suo funzionamento. Considerano l'Ue lontana dalla loro vita quotidiana e hanno una generale mancanza di fiducia nel sistema politico, poiché si sentono sottorappresentati".

"Inoltre, i giovani potrebbero non avere sufficiente accesso a informazioni sul processo di voto, sui candidati e sulle questioni politiche, il che può scoraggiarli dal partecipare. E, infine, provano un senso di disinteresse o di distacco sulla loro influenza sui processi decisionali. Alcuni credono che il loro voto non conti o non faccia la differenza sul risultato delle elezioni".

In un'epoca in cui i social media dominano il modo in cui le persone ricevono le notizie, la campagna Gen Z Votes si concentra sulla lotta alla disinformazione, dando la possibilità ai giovani elettori di partecipare attivamente alla creazione di contenuti promozionali per le votazioni. L'obiettivo è rendere la fascia più giovane uno dei blocchi demografici più forti alle prossime elezioni del Parlamento europeo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Grecia, Syriza presenta i candidati alle elezioni europee scelti con le primarie

Elezioni anticipate in Croazia: il partito di governo favorito dai sondaggi, ma Milanović non molla

Cosa fa il Parlamento europeo?