EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Mixed by Erry :I re degli hackers hackerati da Amazon: La storia dei fratelli Frattasio

Logo amazon
Logo amazon Diritti d'autore PHILIPPE LOPEZ/AFP or licensors
Diritti d'autore PHILIPPE LOPEZ/AFP or licensors
Di Luca Palamara
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Da produttori di musicassette illegali hanno creato un impero discografico: ora sono in causa con Amazon che avrebbe rubato il loro logo

PUBBLICITÀ

Un giovane disoccupato che voleva diventare DJ nella Napoli di fine anni '70 è finito per diventare il re degli hacker e il pioniere dello streaming, delle playlist e degli algoritmi. Sembra la trama fantasiosa di un film ma in realtà è una storia vera. 

Davide contro Golia oggi è la storia dei fratelli Frattasio contro Amazon. Nati e cresciuti  nel quartiere popolare di Forcella a Napoli, ancora minorenni e senza alcuna preparazione sono riusciti a creare dal nulla un impero discografico. Negli anni '80, il marchio Mixed by Erry indicava le musicassette prodotte da questi intraprendenti fratelli con le registrazioni piratate di cantanti Italiani e internazionali. 

All’apice del loro successo, i fratelli Frattasio avevano più di 100 collaboratori, locali di distribuzione e appartamenti privati per la produzione. Vendevano fino a 200mila cassette a settimana, sia in Italia che all’estero. Tutto grazie a una legislazione sul copyright di fatto ancora assente. 

I fratelli Frattasio sono riusciti a creare un impero attraverso la produzione e la commercializzazione illegale di cassette di musica pop di autori italiani e stranieri. Sfruttando le numerose lacune della legislazione italiana sul diritto d'autore dell'epoca e anche la scarsa attenzione delle forze dell'ordine nei confronti di questi reati (che prima non erano conosciuti in Italia), i fratelli Frattasio diventano ricchi e popolari in pochissimi anni proprio sfruttando i diritti d'autore di artisti e cantanti, prima di essere perseguiti e incarcerati. 

“Quando abbiamo iniziato queste leggi non esistevano", racconta Angelo Frattasio, "Stando in un quartiere come Forcella dove si facevano reati in tutte le maniere, quando ci capitava che facevano un blitz e venivano in uno nostro deposito dove noi stavamo vendendo cassette la polizia ci guardava e ci diceva ‘ok sono i fratelli by Erry, lasciali stare sono dei bravi ragazzi’ e se ne andavano”.

Dopo aver pagato il loro conto con la giustizia, i fratelli Frattasio hanno registrato il marchio ‘Mixed by Erry’ nel 2016, ma poi di recente hanno scoperto che Amazon ha cominciato a vendere vestiti e oggetti con il loro marchio senza autorizzazione e si sono rivolti a un avvocato.

Dopo oltre 50 anni, sono ancora vivi e vegeti e stanno facendo causa ad Amazon per l'uso del loro logo "Mixed by Erri" sul suo sito web. Hanno inventato l'hacking musicale in Italia, ma ora sono stati hackerati dal più potente e ricco distributore di musica del mondo.

“La prima cosa che ci siamo detti tra di noi è il karma: perché da pirati a piratati”, ha commentato Enrico Frattasio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

I colossi tech in difficoltà: da Apple ad Amazon è taglio ai costi

Calcio, Lamine Yamal festeggia con il fratellino: dalla foto con Messi al trionfo agli Europei

Trump subito presidente: celebrità musica Usa reagiscono all'attentato al candidato repubblicano