EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

La libertà di mostrare il seno: ecco il gesto della cantante spagnola Amaral sul palco

La cantante Eva Amaral al Festival Sonorama 2023 sabato 12 agosto.
La cantante Eva Amaral al Festival Sonorama 2023 sabato 12 agosto. Diritti d'autore EFE/Paco Santamaría
Diritti d'autore EFE/Paco Santamaría
Di Lucia Riera Bosqued
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Diverse artiste spagnole stanno portando in scena una "rivoluzione" per la libertà delle donne, nonostante i continui attacchi sessisti che subiscono.

PUBBLICITÀ

"Nessuno può toglierci la dignità della nostra nudità, la dignità della nostra fragilità, della nostra forza". Sono state queste le parole pronunciate sul palco dalla cantante spagnola Eva Amaral prima di togliersi parte del vestito, lasciando il seno scoperto.

La sua esibizione al Sonorama Ribera 2023 ha segnato la celebrazione dei 25 anni di carriera musicale nella città di Burgos, Aranda de Duero, entusiasmando il pubblico con le canzoni del suo nuovo album e con brani leggendari della sua carriera.

È stato "uno dei momenti più belli della mia carriera", ha dichiarato l'artista spagnola, anche grazie a questo gesto che ha riacceso i dibattiti sul maschilismo, ancora presente in molti ambiti della società.

"Perché siamo in troppe, e non potranno ignorare la vita che vogliamo, una vita dove non avrò paura di dire quello che penso", ha continuato, recitando il testo di una delle sue canzoni più riconoscibili, "Revolución" ("Porque somos demasiadas y no podrán pasar por encima de la vida que queremos heredar, donde no tenga miedo a decir lo que pienso").

Sono molti gli artisti e artiste che scelgono di usare il corpo femminile come arma di protesta. La cantante Rocío Saiz è impegnata in questa lotta da più di dieci anni ed è "stufa di ricevere minacce e insulti" attraverso i social network.

"C'è un problema molto serio in questa società", lamenta Saiz, "Hanno sempre mal sopportato le cose che facciamo. Il fatto che abbiamo un lavoro, che pensiamo con la nostra testa, che votiamo... E ora gli dà fastidio che facciamo quello che vogliamo sul palco. Non ci lasciano vivere liberamente, vogliono controllarci", ha dichiarato la cantante.

Per Rocío, per Rigoberta...

Oltre che una rivendicazione femminista, l'esibizione in topless della Amaral è stata un atto di solidarietà con le artiste Rocío Saiz, Rigoberta Bandini e Zahara, in un momento in cui queste ultime sono sotto i riflettori.

"Questo è per Rocío, per Rigoberta, per Zahara, per Miren, per Bebe, per tutte noi", ha detto la Amaral prima di togliersi il top.

"Da una posizione privilegiata, che non ha bisogno di alcun tipo di marketing, Amaral si è immedesimata nelle compañeras che lottano in basso", celebra Saiz, consapevole dei rischi che gli artisti corrono a causa del loro attivismo. Racconta che questo le è valso persino l'ostilità di alcuni membri della sua famiglia.

Il suo concerto durante l'LGTBI Pride di Murcia è stato censurato. Quando si è tolta la maglietta, scoprendo il petto, cosa che fa ormai da dieci anni, la polizia ha interrotto l'esibizione e l'ha costretta a rivestirsi.

Ma la censura peggiore, dice, è quella invisibile.

"Ci sono molte colleghe che hanno preso posizione e sono state penalizzate. Il tuo nome finisce sulla lista nera, e così vieni direttamente scartata".

Rigoberta Bandini è solita mostrare il seno sul palco quando esegue la canzone "Ay mamá", la sua canzone per il Benidorm Fest 2022. Si tratta di un chiaro appello femminista che onora la maternità e l'allattamento al seno, e anche se non è riuscita a portarla all'Eurovision, la canzone è diventata un successo.

Il testo della canzone recita: "Non so perché le nostre tette facciano così paura. Senza di esse non ci sarebbe umanità e non ci sarebbe bellezza. "(" No sé por qué dan tanto miedo nuestras tetas / Sin ellas no habría humanidad ni habría belleza... ")

La cantante Zahara è stata criticata per la copertina del suo album "Puta" (2021), in cui appare vestita come la Vergine Maria. È stata accusata di offesa religiosa e il manifesto del suo concerto a Toledo è stato censurato dopo una petizione del partito di ultradestra Vox.

Tuttavia, la sua immagine era una denuncia "di come ci si aspetta che siamo perfette, della pressione che sentiamo per essere madri, di come ci si aspetta che siamo sante e di tutte le volte che siamo state chiamate puttane", ha spiegato Zahara durante la sua performance.

Il corpo come arma politica

Il video della Amaral, che è stato condiviso e commentato innumerevoli volte, ha riaperto il dibattito sulla necessità, nel XXI secolo, di azioni femministe. Sebbene figure sociali e politiche spagnole come il Ministro per l'Uguaglianza Irene Montero e la Vicepresidente del Governo e Ministro del Lavoro Yolanda Díaz abbiano lanciato messaggi di solidarietà ad Amaral, il gesto della cantante ha anche scatenato polemiche, con centinaia di commenti sessisti che hanno invaso i social network.

Rocío Saiz vede un'involuzione radicale dei diritti delle minoranze in Spagna e un crescente odio nei confronti delle donne, delle persone sottoposte a profilazione razziale, delle persone che sfidano gli standard eteronormativi, degli immigrati...

PUBBLICITÀ

"Penso che gli uomini del XXI secolo abbiano paura di perdere i privilegi, che le donne se ne vadano da casa, che certi comportamenti non siano più permessi", dice la cantante e attivista. Per questo "la loro risposta è la violenza e la paura".

Per Saiz si tratta di "una lotta ideologica del patriarcato", che deve essere combattuta con il corpo, le parole, i libri, le idee e l'educazione. "Chiunque pensi che il messaggio sia che qualcuno si tolga la maglietta e mostri le tette non ha capito nulla", afferma Saiz, "Quello che stiamo cercando di dire è che non ci è permesso essere padrone del nostro corpo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Canto lirico italiano patrimonio Unesco, evento all'Arena di Verona

Le migliori cose da fare e vedere in Europa questa settimana

Il Festival di Cannes 2024 in foto: 15 momenti indimenticabili sul red carpet