This content is not available in your region

Dubai: Krylov e Sunwoo sul palco dell'11esima edizione di InClassica

euronews_icons_loading
Dubai: Krylov e Sunwoo sul palco dell'11esima edizione di InClassica
Diritti d'autore  euronews
Di Rebecca McLaughlin-Eastham

Dubai ospita anche quest'anno il Festival Internazionale InClassica, giunto alla sua undicesima edizione. Una celebrazione della musica classica: in cartellone 50 solisti, 3 orchestre, 11 direttori d'orchestra e 26 spettacoli, in scena all'Opera di Dubai fino al 2 giugno. 

Tra le stelle di InClassica c'è il direttore d'orchestra Dmitry Yablonsky. "Quando inizia la musica, in generale, ci si dimentica di avere mal di schiena o ai piedi - ha detto Yablonsky a Euronews -. Vedere questa splendida sala, con la sua acustica, e condividere la musica con il pubblico a Dubai è un'idea sublime di Konstantin Ishkhanov, che è il presidente del festival e dell'intero progetto".

Il repertorio di questa stagione comprende classici di Verdi, Beethoven e Debussy, a cui si aggiungono le opere contemporanee di Alexey Shor, compositore in residenza del festival. Direttori d'orchestra, compositori, musicisti, virtuosi e artisti che si sono riuniti qui a Dubai per InClassica 2022 arrivano da ogni angolo del pianeta. E la lingua che parlano è universale.

È quella della parentela e della diplomazia culturale. Una lingua, ci dice il violinista Sergej Krylov, che le composizioni melodiche di Shor parlano alla perfezione. "Apprezzo la sua musica per l'armonia, per il fraseggio, per molte ragioni diverse - dice Krylov -. La globalizzazione della musica è molto importante. Il cambiamento e l'interscambio delle culture è molto importante. Questo festival rappresenta questo modo internazionale di pensare la musica, è pieno di idee brillanti che collegano culture diverse".

Tra gli artisti più attesi uno dei solisti più importanti del mondo, il sudcoreano Yekwon Sunwoo. Per questo pianista pluripremiato, suonare rappresenta una forma di evasione in un mondo che corre veloce. "A volte nella vita, specie quando è così frenetica, tra viaggi e tutto il resto, si dimenticano le cose più importanti - dice Sunwoo -. Suoniamo molti pezzi in continuazione, ma mi impongo di essere sempre onesto e sincero. 

Artisti emergenti si esibiscono accanto a stelle di livello mondiale. A tenere il tempo è il direttore d'orchestra italiano Gianluca Marciano, noto per il suo entusiasmo e per il suo stile energico. "Beh, è sempre bello sentire tante belle definizioni di sé - dice Marciano -. Le recensioni sono importanti perché mi piace rivedere la partitura, la mia esecuzione, e capire come potrei fare meglio. Dobbiamo essere autocritici e analizzare ogni sera dopo un concerto quello che abbiamo fatto, perché il nostro pubblico è la cosa più importante".