EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Il regista russo Serebrennikov e il privilegio di essere in esilio

Il regista russo Kirill Serebrennikov
Il regista russo Kirill Serebrennikov Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di Gioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Al realizzatore russo, da sempre critico con Putin e già condannato in patria in quello che alcuni oppositori ritengono un processo farsa, è stato concesso di lasciare Mosca e ora si trova a Berlino; addita la propaganda del cremlino ed è pronto a partecipare a Cannes

PUBBLICITÀ

Ha detto chiaro che in Ucraina la Russia si sta autodistruggendo. Un mese fa gli è stato concesso di lasciare Mosca e si è stabilito a Berlino, per questa opportunità è infinitamente grato e probabilmente non metterà più piede in patria finché al potere ci sarà Putin o i suoi accoliti. 

Il regista russo parla dell'invasione dell'Ucraina ed è convinto che se intorno all'operazione c'è consenso è solo frutto di una propaganda senza controllo. Dei russi dice "Sono pacifici, non vogliono iniziare nessuna guerra e allo stesso tempo molti di loro, come ho letto e come vedo, stanno sostenendo questa terribile divisione e queste terribili uccisioni che a volte sembrano autodistruzione. Questo succede oggi e temo sia il risultato di molti anni di terribile propaganda".

Accusato di appropriazione indebita di 129 milioni di rubli, circa 1,6 milioni di euro, nel 2020 in qualità di direttore del centro teatro Gogol di Mosca, finito ai domiciliari, Serebrennikov non ha potuto lasciare la Russia per partecipare al festival di Cannes l'anno scorso.

"L'esilio? E' una specie di privilegio"

Negli ultimi 5 anni i suoi film hanno girato il mondo senza di lui compreso il successo internazionale 'Leto', film sulla rockstar russa Viktor Tsoï e la pellicola dell'anno scorso 'Petrov's flu', un'allegoria della società russa. Ma ora che il regime gli ha consentito l'esilio "Alcuni che probabilmente vogliono andare da qualche parte per lavoro, hanno famiglia, non hanno soldi, non hanno visto, non hanno documenti - dice - è una specie di privilegio avere l'opportunità di partire".

Alcuni che probabilmente vogliono andare da qualche parte per lavoro, hanno famiglia, non hanno soldi, non hanno visto, non hanno documenti è una specie di privilegio avere l'opportunità di partire
Kirill Serebrennikov
regista russo

Serebrennikov sarà alla prossima edizione di Cannes con il film 'la moglie di Chaikovskji' e al festival del teatro di Avignone.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Via alla 56ma edizione del Festival di Avignone

Cannes al via. In cartellone impegno e guerra in Ucraina. E c'è anche Zelenskiy

Russia: gli artisti contro la guerra sfidano Putin