EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Al bando la carrozza d'oro dei regnanti d'Olanda, è un simbolo razzista

Al bando la carrozza d'oro dei regnanti d'Olanda, è un simbolo razzista
Diritti d'autore AP Photo/Peter Dejong
Diritti d'autore AP Photo/Peter Dejong
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La carrozza d'oro del Re d'Olanda finisce al museo. Troppo esplicita la simbologia razzista che offende le colonie. Una mostra ne racconta storia e origine.

PUBBLICITÀ

Indice puntato contro la "carrozza d'oro" della famiglia reale olandese, considerata simbolo di razzismo e oppressione delle colonie.

Il gioiello reale è nell'occhio del ciclone per l'immagine ritratta su un pannello laterale che ritrae una donna bianca su un trono, con dei neri seminudi inginocchiati ai suoi piedi, che le offrono dei regali.

Il tritacarne del politically correct ha costretto l' attuale re Guglielmo Alessandro a cercare una soluzione diplomatica e l'annuncio  della soluzione finale è stato particolarmente apprezzato: 

La nostra storia ha molto di cui essere orgogliosi. Allo stesso tempo, fornisce elementi per riconoscere gli errori ed evitarli in futuro.La carrozza d'oro potrà essere di nuovo guidata solo quando il paese sarà pronto per questo".
Re Guglielmo Alessandro d'Olanda

Utilizzata per matrimoni e parate ufficiali, la carrozza fu un regalo del popolo di Amsterdam alla Regina Guglielmina nel 1898. La coppia reale la guidava abitualmente all'apertura dell'anno parlamentare a settembre.

L'ultima volta è successo nel 2015, poi è stata restaurata con una spesa di 1,2 milioni di euro.

Dalla scorsa estate e fino alla fine del febbraio prossimo la carrozza sarà esposta al Museo di Storia Urbana di Amsterdam.

Una mostra che oggi ne racconta storia e fabbricazione, e soprattutto ne mette in discussione  la simbologia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Crimini di espressione", arrestato Pablo Hasél: rap contro la monarchia

Monarchia in Europa: anacronistica?

Quanto conta ancora la monarchia britannica?