EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Vivienne Westwood regina di Francia. A Lione una mostra dedicata alla stilista ribelle

Vivienne Westwood regina di Francia. A Lione una mostra dedicata alla stilista ribelle
Diritti d'autore Luca Bruno/AP
Diritti d'autore Luca Bruno/AP
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Vivienne Westwood regina di Francia. A Lione una mostra dedicata alla stilista ribelle. La personale sarà aperta al pubblico al Museo dei Tessuti e delle Arti Decorative fino al 17 gennaio 2021. Sotto i riflettori oltre 200 pezzi, tra abiti, accessori, oggetti cult, e documenti dell'icona punk

PUBBLICITÀ

Quest'estate è stata in prima linea per sostenere e difendere Julian Assange. Vivienne Westwood non è solo una delle più grandi stiliste contemporanee, ma anche un'attivista e una delle icone del movimento punk.

Per celebrare il suo lavoro Il Museo dei Tessuti e delle Arti Decorative di Lione ha dedicato a questa regina delle passerelle una mostra particolare, e la prima personale che la Francia le dedica. Un’esposizione, in scena fino al 17 gennaio 2021. Un vero e proprio avvenimento: sotto i riflettori oltre 200 tra abiti, accessori, quadri, e documenti.

"In questa mostra è racchiusa la storia della passione di un collezionista per una stilista eccezionale. Un incontro tra la moda e quello che ha già in mostra da noi, sottolinea la Direttrice del Museo dei Tessuti di Lione, Esclarmonde Monteil. "Tutto ciò che conserviamo, che possono essere pezzi molto antichi, che risalgono anche al Medioevo, pezzi che hanno più di seicento anni, sono oggetti che vogliono dare un valore aggiunto a questa creazione contemporanea.”

"Non importa se è punk, new romantic, se si tratta di sartoria o couture. Lei ha osato con ogni stile."
Lee Price
Collezionista- ex collaboratore di Vivienne Westwood

Alcuni pezzi in esposizione sono del tutto inediti, provenienti dalla collezione privata dell’inglese Lee Price, oggi residente a Lione, ex collaboratore della Westwood, che in 30 anni ha riunito capi e oggetti della stilista, dagli inizi negli anni ‘70 fino alla sua attrazione per pittura francese rococò e le silhouette vittoriane. Come ci racconta Price Vivienne Westwood racchiude tutto, non importa se è punk, new romantic, se si tratta di sartoria o couture. "Lei ha osato con ogni stile. Così come i suoi abiti. Spero che questo aspetto venga colto dagli spettatori che andranno alla mostra. C'è qualcosa da scoprire, qualcosa che tutti possono apprezzare.”

L’allestimento della mostra isponde a criteri eco-reponsabili, con il riutilizzo di materiali già impiegati per precedenti avvenimenti. La mostra "Vivienne Westwood, Art + Fashion + Subversion" resterà aperta al pubblico fino al 17 gennaio 2021. Un’occasione per il Museo dei Tessuti di Lione di diventare uno dei punti di riferimento nella cultura della moda-

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Art Paris 2024: La ricca scena artistica francese al centro della scena, spiccano i giovani talenti

Andrey Gugnin vince il primo premio di 150.000 € al concorso internazionale Classic Piano 2024

Il festival Balkan Trafik! esplora la Moldova e le sue minoranze culturali