EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Cinema: istruzioni per l'uso se il mondo dovesse collassare

Cinema: istruzioni per l'uso se il mondo dovesse collassare
Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dibattiti online per la programmazione 2.0 della rassegna, a causa del coronavirus

PUBBLICITÀ

Di conio nuovo, ma molto efficace. "Collapsologia" è il neologismo introdotto dal ricercatore Pablo Servigne, ospite al Festival Internazionale del Cinema di Ginevra sui Diritti Umani, per la prima volta esclusivamente online a causa del coronavirus. Serviva una parola nuova per scenari inediti: un significante che definisse le azioni necessarie alla sopravvivenza in un mondo che collassa

"Il clima è un parametro importante - spiega Servigne - ci sono crolli nella bioversità, nelle popolazioni animali, nel sistema. E poi ci sono tutte le tensioni geopolitiche, la questione delle risorse, del petrolio, del nucleare e della finanza, che è estremamente fragile. Lo vediamo oggi con il coronavirus, che è un evento una tantum, ma che mostra tutta la nostra fragilità, la vulnerabilità del nostro mondo, questo moderno mondo interconnesso con flussi tesi e un'economia paradossalmente potente e fragile".

Cambiamenti climatici, dunque, e urgenza ecologica. Il film 'Aquarela' era lo spunto al dibattito, ma non è stato proiettato in pubblico in ottemperanza alle misure restrittive, approvate per prevenire la diffusione di Covid-19.

Secondo Pablo Servigne, "quello che stiamo scoprendo oggi è che si può essere catastrofici, cioè si può pensare, sentire la fine del mondo o la fine di un mondo, ed essere rivolti verso l'azione, verso un desiderio di più democrazia e più giustizia sociale. Ci sono diverse scale: la scala individuale, la scala comunitaria. Le piccole scale sono fondamentali. Se non abbiamo questo potere di base, non abbiamo nulla. Ma se non si ha, almeno dall'alto, la legittimità, il sostegno, il finanziamento, non si ha nulla. Bisogna avere una convergenza tra le due cose".

I dibattiti del Festival sono disponibili integralmente sul sito web del festival e sul canale YouTube.

Nel tweet: " #FIFDH20 | Il Festival annuncia il suo programma 2.0🔥

Dopo la cancellazione degli eventi pubblici dell'edizione 2020, il #FIFDH torna con un programma ripensato. 27 dibattiti e interviste saranno trasmessi in diretta su internet. Programma dettagliato ⤵️ https://fifdh.org/programme-20"

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

“Tenet” salverà il mondo e il cinema, dopo le batoste del covid?

FIFDH 2020: il festival del cinema e dei diritti umani quest'anno è 2.0

Cinema: Festival di Ginevra e Forum sui Diritti umani versione 2.0