"L'Ara com'era", un racconto in 3D

"L'Ara com'era", un racconto in 3D
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

L’Ara Pacis di Roma tra reale e virtuale

PUBBLICITÀ

Dopo il grande successo dei primi tre mesi di programmazione, con 11mila visitatori, "L’ARA COM’ERA", la visita immersiva e multisensoriale dell’Ara Pacis, diventa ancora più coinvolgente. 

Fino al 6 gennio, cittadini e turisti avranno l’occasione di assistere all’innovativo racconto sulle origini di Roma, un archeo-show, ulteriormente potenziato grazie due nuovi punti d’interesse in Realtà Virtuale. Riprese cinematografiche dal vivo, ricostruzioni in 3D e computer grafica, consentono una completa immersione nell'antico Campo Marzio settentrionale per assistere poi al sacrificio, compiuto da veri attori, rimanendo sempre al centro della scena.

I visitatori vengono catapultati nel passato, e immersi in un ambiente a 360°. Potranno ammirare l’Ara Pacis con i suoi colori originali. 

Un racconto che consente la visita a uno dei più importanti capolavomri dell’arte romana, costruito tra il 13 e il 9 a.C. per celebrare la Pace instaurata da Augusto sui territori dell’impero. Ogni serata potrà accogliere fino a 400 persone, rispetto alle 300 della precedente edizione, organizzate in piccoli gruppi. 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Art Paris 2024: La ricca scena artistica francese al centro della scena, spiccano i giovani talenti

Andrey Gugnin vince il primo premio di 150.000 € al concorso internazionale Classic Piano 2024

Il festival Balkan Trafik! esplora la Moldova e le sue minoranze culturali