EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Veronika Harcsa, dal jazz alle hit radiofoniche

Veronika Harcsa, dal jazz alle hit radiofoniche
Diritti d'autore 
Di Debora Gandini
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Veronika Harcsa, la cantautrice ungherese alla conquista di Londra. In autunno esce il nuovo album, un mix di elettronica e jazz

PUBBLICITÀ

In Ungheria è una delle cantanti più popolari, specie tra gli appassionati di jazz. Il suo nome è Veronika Harcsa, la sua voce e il suo talento hanno incantato il pubblico al Valley of Arts Festival di Kapoltch.

“All’inizio ho imparato a cantare sulle note della musica jazz, anche se preferisco definirmi solo una cantante generica perché mi piace qualsiasi tipo di musica, non solo il jazz. La cosa più importante è avere spontaneità sul palco, improvvisare, immergermi nelle note con i miei musicisti, interagire con le loro idee e scambiare opinioni con loro”, ha dichiarato la cantante.

Harcsa Veronika – Too Early https://t.co/YIcCQDZOSc vía YouTube</a></p>&mdash; GUILLERMO CRESPO (CrespNejustan) August 6, 2016

Veronika Harcsa spazia dal jazz, alla musica elettronica e alternativa, fino al pop, con influenze di musica classica. A 33 anni la si può definire una cantautrice a 360 gradi. La sua carriera è iniziata nel 2005 con il suo quartetto jazz. Nel giro di poco tempo la sua voce ha conquistato pubblico e critica. Un successo inaspettato. Ma la giovane artista non era soddisfatta. A 30 anni ha deciso di volare a Bruxelles e studiare ancora.

“Ho incontrato maestri da cui ho imparare molto in quel momento, in quella particolare situazione della mia vita. Nessuno mi conosceva lì, niente popolarità, nessuna mia hit era trasmessa in radio, ho dovuto dimostrare chi fossi partendo da zero, insieme a tutti gli altri studenti, è stata un grande lezione per me”, ha proseguito la Harcsa.

Una lezione che l’ha aiutata a migliorare le sue doti vocali, giá incredibili e particolari. “Sto ancora lavorando su questo per esprimere sul palco la mia personalità nel modo più naturale. Per me è molto importante essere anche un pò bizzarra. In questo mi incoraggia molto il mio pubblico. C‘è bisogno di un po’ di follia in questo mondo e non mi riferisco alla follia in senso negativo, naturalmente; dobbiamo stupire prima noi stessi, dobbiamo trovare il modo di sentirci liberi e per questo essere un po’ folli è un metodo efficace, a me piace metterlo in pratica.”

Al momento Veronika Harcsa sta lavorando a un progetto di musica elettronica, Bin-Jip, insieme al chitarrista Bálint Gyémánt#. In autunno uscirà il loro nuovo album. Da Budapest a Londra. Un nuovo inizio per un’artista dalle mille sfaccettature.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il distretto culturale che trasforma lo spazio artistico di Abu Dhabi

Il Gamesummit 2024 prevede emozionanti gare e spettacoli e interessanti dibattiti sui videogiochi

"Tutto del Classic Violin Olympus è unico!": l’intervista a Pavel Vernikov