Israele, investimento record di Intel

La sede centrale di Intel Corporation si trova a Santa Clara, in California.
La sede centrale di Intel Corporation si trova a Santa Clara, in California. Diritti d'autore Intel
Di Doloresz Katanich Agenzie:  Reuters
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il produttore di chip ha accettato di investire miliardi in Israele dopo aver ottenuto un generoso incentivo dal governo del Paese.

PUBBLICITÀ

Intel ha confermato un nuovo investimento di 25 miliardi di dollari (22,6 miliardi di euro) in Israele, definito il più grande mai effettuato da un'azienda nel Paese.

Come parte dell'accordo, Intel ha ricevuto una sovvenzione di 3,2 miliardi di dollari (2,9 miliardi di euro) dal governo israeliano per il nuovo impianto di produzione di chip.

La dimostrazione di sostegno e di impegno a lungo termine da parte del produttore di chip statunitense arriva in un momento in cui la guerra di Israele contro Hamas sta entrando in una fase più intensa, innescando una crescente pressione da parte degli Stati Uniti su Israele affinché riduca al minimo i danni ai civili di Gaza.

"Questo investimento, in un momento in cui Israele conduce una guerra contro la malvagità assoluta, una guerra in cui il bene deve sconfiggere il male, è un investimento nei valori giusti e retti che sono sinonimo di progresso per l'umanità", ha dichiarato il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich a Reuters.

Il gigante della produzione di chip è presente nel Paese da oltre 50 anni ed è il più grande datore di lavoro privato ed esportatore di Israele.

I piani di investimento erano già stati annunciati nel giugno 2023 dal Ministero delle Finanze, ma Intel li ha confermati ufficialmente solo martedì. In seguito all'annuncio, le azioni di Intel sono salite di oltre il 5% al Nasdaq.

Il nuovo impianto, che dovrebbe creare migliaia di nuovi posti di lavoro, sarà un'estensione dell'attuale struttura produttiva di Kiryat Gat, a circa 42 km da Gaza, devastata dalla guerra. Il produttore di chip si è inoltre impegnato ad acquistare beni e servizi per 60 miliardi di shekel (15 miliardi di euro) da fornitori israeliani nei prossimi dieci anni.

Il progetto è una "parte importante degli sforzi di Intel per promuovere una catena di approvvigionamento globale più resistente, insieme agli investimenti produttivi in corso e previsti in Europa e negli Stati Uniti", ha dichiarato l'azienda in un comunicato.

Intel non ha voluto precisare quale tecnologia verrà prodotta nel nuovo impianto Fab 38, che dovrebbe entrare in funzione nel 2028.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ecco l'"auto dell'anno 2024": la Renault Scenic E-Tech

L'aspetto fisico dei vostri genitori può avere conseguenze sul vostro portafoglio. Ecco come

Ecco chi è l'uomo più ricco del mondo. Ha superato Elon Musk