EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Crisi energetica, chi paga le bollette di luce e gas più alte d'Europa?

L'Europa è stata colpita da una crisi energetica.
L'Europa è stata colpita da una crisi energetica. Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Servet Yanatma
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I prezzi al netto delle imposte su luce e del gas hanno subito un'impennata dopo l'invasione dell'Ucraina. Sono in calo ma restano alti

PUBBLICITÀ

I costi dell'elettricità e del gas, che hanno subito un forte aumento dopo l'invasione russa dell'Ucraina, si stanno ora stabilizzando in Europa, dopo aver raggiunto un picco nella prima metà del 2023.

Mentre i prezzi al netto delle imposte stanno diminuendo, alcuni Paesi hanno già congelato le misure di sostegno alle famiglie, con conseguente aumento dei prezzi al consumo.

L'Ue sembra essere più pronta per l'inverno rispetto all'anno passato, ora che ha in gran parte sostituito l'energia russa, ma vale la pena notare che c'è disparità tra i prezzi dell'elettricità e del gas naturale tra i singoli Paesi, sia all'interno che all'esterno del blocco.

Quali sono i Paesi con i prezzi più alti e più bassi in Europa? E di quanto sono aumentati i prezzi dell'elettricità e del gas naturale dall'invasione su larga scala dell'Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022?

Nella prima metà del 2023, i prezzi medi dell'elettricità per le famiglie, comprensivi di tutte le imposte, nell'UE sono aumentati da 25,3 euro per 100 kWh a 28,9 euro per 100 kWh, rispetto allo stesso periodo del 2022.

Anche i prezzi medi del gas naturale sono saliti da 8,6 euro per 100 kWh a 11,9 euro per 100 kWh nello stesso periodo. Si tratta dei prezzi più alti registrati da Eurostat, l'ufficio statistico ufficiale dell'UE.

Se si considerano le variazioni percentuali rispetto all'anno precedente, i prezzi dell'elettricità nell'UE sono aumentati del 14,5% nella prima metà del 2023, mentre i prezzi del gas sono aumentati del 37,9%. Queste cifre sono inferiori rispetto alla seconda metà del 2022, quando le variazioni percentuali su base annua hanno raggiunto il loro picco.

I dati suggeriscono che i prezzi dell'elettricità e del gas si stanno stabilizzando nell'Ue, secondo Eurostat, anche se i prezzi finali al consumo con le tasse sono leggermente più alti rispetto alla seconda metà del 2022: i prezzi al netto delle tasse dell'elettricità e del gas naturale stanno diminuendo, ma i Paesi stanno in parte ritirando le misure di sostegno ai prezzi dell'energia, il che spiega l'aumento.

Nella prima metà del 2023, i prezzi dell'elettricità comprensivi di imposte per i consumatori domestici nello Spazio economico europeo (SEE) variavano da 11,4 euro per 100 kWh in Bulgaria a 47,5 euro per 100 kWh nei Paesi Bassi.

I Paesi Bassi sono seguiti da Belgio (43,5 euro), Romania (42 euro) e Germania (41,3 euro).

In nove Stati membri dell'UE i prezzi dell'elettricità sono stati superiori alla media europea.

Poiché la Francia ha la quota più alta di nucleare nel suo mix elettrico (68,9% nel 2021) nell'UE, i suoi prezzi dell'elettricità sono stati significativamente inferiori alla media UE, con 23,2 euro per 100 kWh nella prima metà del 2023.

Non è stato così per il Belgio, dove la quota del nucleare nella produzione di elettricità è stata del 50,6%. Il Belgio si è piazzato al secondo posto nella classifica dei prezzi più cari dell'elettricità.

I Paesi candidati all'UE hanno l'elettricità più economica

Se si considerano anche i Paesi candidati all'adesione all'UE, la Turchia ha registrato il prezzo dell'elettricità più basso, con 8,4 euro per 100 kWh. I sei Paesi in fondo alla classifica sono tutti candidati all'UE, con prezzi che variano poco tra loro.

I prezzi medi del gas per uso domestico nella prima metà del 2023 sono stati i più bassi in Ungheria (3,4 euro per 100 kWh), Croazia (4,1 euro) e Slovacchia (5,7 euro) e i più alti nei Paesi Bassi (24,8 euro), Svezia (21,9 euro) e Danimarca (16,6 euro).

PUBBLICITÀ

La media UE è stata di 11,9 euro. In otto Stati membri dell'UE i prezzi del gas erano più alti della media europea, il che fa pensare che le famiglie di questi Paesi pagassero molto di più.

I prezzi del gas erano più bassi in Turchia (2,5 euro) se si includono i Paesi candidati all'UE. Contrariamente ai prezzi dell'elettricità, i Paesi candidati non avevano i prezzi del gas più bassi, come dimostrato da Macedonia del Nord (10,4 euro) e Bosnia-Erzegovina (5,9 euro).

Nella prima metà del 2023, i Paesi Bassi hanno registrato i prezzi di elettricità e gas più cari dell'UE.

I prezzi dell'elettricità e del gas sono aumentati in quasi tutti i Paesi dell'UE

Secondo i dati Eurostat, nella prima metà del 2023 i prezzi dell'elettricità per le famiglie sono aumentati in 22 Paesi dell'UE rispetto alla prima metà del 2022, mentre i prezzi del gas sono saliti in 20 dei 24 membri dell'UE.

PUBBLICITÀ

Perché i prezzi dell'elettricità olandesi sono saliti quasi del 1000%?

I Paesi Bassi hanno registrato l'aumento più consistente di anno in anno dei prezzi dell'elettricità, pari al 953%. Secondo Eurostat, questo straordinario aumento è legato a diversi fattori: non solo le misure di sgravio fiscale dal 2022 sono state interrotte nel 2023, ma allo stesso tempo le tasse sull'elettricità per le famiglie sono raddoppiate.

Tuttavia, nel 2023 il governo dovrebbe inserire un tetto massimo di prezzo che ridurrà in modo significativo i prezzi a tutti i livelli.

I Paesi Bassi sono seguiti da Lituania (88%), Romania (77%) e Lettonia (74%).

I prezzi dell'elettricità sono invece diminuiti in cinque Stati membri dell'UE, con la Spagna che ha registrato un calo significativo del 41%, seguita dalla Danimarca con il 16%.

PUBBLICITÀ

I prezzi del gas sono aumentati di oltre il 100% in alcuni Paesi

I prezzi del gas naturale sono aumentati in modo sostanziale in diversi Paesi europei, con un incremento superiore al 100% in Lettonia, Romania e Austria. Seguono i Paesi Bassi (100%), la Turchia (92%) e l'Irlanda (73%).

Italia, Estonia e Croazia hanno registrato cali inferiori all'1%. La Macedonia del Nord, un paese candidato, ha registrato il calo maggiore, pari al 14%. Tutte queste variazioni sono basate sulle valute nazionali.

Le importazioni di energia dall'Ue dalla Russia sono diminuite drasticamente

Eurostat ha registrato un drastico cambiamento nella quantità di energia che l'Ue ha importato dalla Russia da quando questa ha lanciato la sua guerra contro l'Ucraina. L'enorme crescita delle energie rinnovabili e del gas proveniente dalla Norvegia e dagli Stati Uniti ha contribuito a compensare il drastico calo dell'energia russa.

Il cambiamento più evidente riguarda il gas naturale.

PUBBLICITÀ

Le importazioni di gas naturale dalla Russia rappresentavano quasi il 50% del totale prima della guerra. Nel 2022 questo dato è diminuito significativamente, scendendo al 12% in ottobre.

Resta da vedere se il recente scoppio della guerra tra Israele e Hamas avrà un effetto simile e duraturo sulle forniture energetiche e sui prezzi europei.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le misure dell'Ue per affrontare la crisi energetica funzionano?

Euro in ribasso dopo la vittoria della sinistra alle legislative francesi

L'Ue vuole imporre dazi doganali sui prodotti a basso costo veduti da piattaforme come Temu e Shein