EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

"Un missile può arrivare da un momento all'altro": ma i commercianti di Kramatorsk hanno riaperto

Un soldato frequenta un negozio militare a Kramatorsk, in Ucraina, mercoledì 13 settembre 2023.
Un soldato frequenta un negozio militare a Kramatorsk, in Ucraina, mercoledì 13 settembre 2023. Diritti d'autore Hanna Arhirova/AP
Diritti d'autore Hanna Arhirova/AP
Di Euronews - Associated Press - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Nonostante le devastazioni della guerra, i proprietari delle attività commerciali di Kramatorsk, una città in prima linea nella regione ucraina di Donetsk, stanno dimostrando una notevole capacità di "adattamento alla guerra", come raccontano gli stessi imprenditori

PUBBLICITÀ

In una città dove gli edifici danneggiati sono ovunque, una pizzeria distrutta si distingue come un doloroso ricordo di vita, distrutta in un istante.

Il 27 giugno scorso, un missile balistico russo ha colpito il ristorante RIA Pizza, a Kramatorsk, nell'Ucraina orientale, uccidendo 13 persone, tra cui la celebre scrittrice ucraina Victoria Amelina e diversi adolescenti (anche due gemelle di 14 anni, Yulia e Anna Absenchenko).
Sette delle vittime erano membri del personale.

La scrittrice, 37 anni, si trovava nel ristorante-pizzeria, al momento dell'attacco, con lo scrittore colombiano Héctor Abad Faciolince, e l'ex Alto Commissario per la Pace della presidenza della Colombia, Sergio Jaramillo.
Abad Faciolince, Jamarillo e la giornalista colombiana Catalina Gomez hanno riportato lievi ferite, mentre Victoria Amelina ha riportato fratture multiple al cranio.
La scrittrice, secondo quanto ha reso noto il "Pen Club Ucraina", è deceduta il 1° luglio all'ospedale di Dnipro.

Oggi, al posto dell'ingresso di RIA Pizza, sono stati depositati fiori freschi e biglietti.
Una maglietta, parte dell'uniforme dei camerieri, è appesa vicino al memoriale improvvisato, con la scritta "Non dimenticheremo mai".

"Come imprenditore, ovviamente, mi dispiace per la perdita della mia proprietà, ma c'è qualcosa che non può essere restituito: le vite umane", ha dichiarato Dmytro Ihnatenko, il proprietario di RIA Pizza.

Quel poco che è rimasto nella pizzeria distrutta.
Quel poco che è rimasto nella pizzeria distrutta.Hanna Arhirova/AP

L'edificio bombardato a Kramatorsk sottolinea i rischi enormi per le attività in questa città in prima linea, nella regione di Donetsk. Ma questo non ha scoraggiato molti altri imprenditori, che hanno riaperto le porte ai clienti.

L'Amministrazione comunale stima che a Kramatorsk siano aperti 50 ristoranti e 228 negozi, il triplo rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Si ritiene che la maggior parte di essi siano attività esistenti che avevano chiuso nei primi giorni della guerra e che ora hanno riaperto.

"Capiamo che è un rischio e lo corriamo perché questa è la nostra vita", racconta Olena Ziabina, amministratrice del ristorante White Burger di Kramatorsk.
"Ovunque siamo, dobbiamo lavorare. Noi lavoriamo qui. È una scelta consapevole".

Un piccolo memoriale, davanti alla pizzeria colpita a Kramatorsk.
Un piccolo memoriale, davanti alla pizzeria colpita a Kramatorsk.Hanna Arhirova/AP

La catena White Burger operava principalmente nelle regioni di Donetsk e Lugansk, prima della guerra. Ma dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022, ha potuto riaprire solo a Kramatorsk.
Per sopravvivere, la catena ha aperto due nuovi ristoranti nella capitale, Kiev, e a Dnipro.

Il ristorante di Kramatorsk è il più redditizio della catena, anche se i prezzi sono inferiori del 20% rispetto al ristorante della capitale.

Dopo l'attacco a RIA Pizza, gli operatori di White Burger non hanno pensato di chiudere il ristorante di Kramatorsk, dice Olena Ziabina.
"Ho pianto molto", ha detto, ricordando il giorno in cui ha saputo dell'attacco.

L'economia di Kramatorsk si è "adattata" alla guerra.
La città ospita il quartier generale regionale dell'esercito ucraino e molti caffè e ristoranti sono frequentati principalmente da soldati, giornalisti e operatori umanitari.

Le donne ucraine vi si recano spesso per ricongiungersi, per qualche ora, con mariti e fidanzati.

Soldati ucraini in un ristorante a Kramatorsk. (13.9.2023)
Soldati ucraini in un ristorante a Kramatorsk. (13.9.2023)Hanna Arhirova/AP

I soldati scherzano sul fatto che Kramatorsk è la loro Las Vegas, che offre tutti i "lussi" di cui hanno bisogno, come il buon cibo e il caffè. Ma i ristoranti offrono, in realtà, solo birra analcolica, a causa della vicinanza della città al campo di battaglia.

Le strade di Kramatorsk sono per lo più vuote, ad eccezione delle auto militari.
I residenti che sono rimasti evitano i grandi raduni e i luoghi affollati.

PUBBLICITÀ

Tuttavia, la situazione è ben lontana dai primi giorni di guerra, quando i negozi, i ristoranti e i caffè di Kramatorsk erano tutti chiusi. Decine di migliaia di persone rimasero senza lavoro e le fabbriche furono chiuse.

"Probabilmente, grazie ai militari, possiamo ancora restare in questa città", ha raccontato Oleksandr, che ha chiesto di essere identificato solo con il suo nome di battesimo, per motivi di sicurezza.

È cofondatore di uno dei numerosi negozi militari di Kramatorsk che servono i soldati. Oleksandr ha detto che aumenta i prezzi di solo un grivna (3 centesimi di euro) rispetto al prezzo del produttore. L'obiettivo non è quello di guadagnare, ma di fornire ai militari l'equipaggiamento necessario.

Le nuove opportunità comportano rischi enormi

Molti residenti apprezzano le nuove opportunità di lavoro offerte dalla riapertura di negozi e ristoranti.

PUBBLICITÀ

"Ma ci sono meno possibilità per i non più giovanissimi", spiega Tetiana Podosionova, 54 anni. Ha lavorato per 32 anni presso l'impianto di costruzione di macchine di Kramatorsk, che però è stato chiuso a causa dei rischi per la sicurezza all'inizio della guerra.

"Speravo di lavorare in fabbrica fino alla pensione", dice Tetiana, amaramente.
La maggior parte dei posti di lavoro sono ora in ristoranti e negozi, dove lei non ha esperienza.
Alla fine, ha trovato lavoro all'Amazing Fish Aquarium, che ha ripreso le attività mesi dopo l'inizio della guerra.
L'acquario ha centinaia di pesci esotici e decine di pappagalli e rimane aperto per intrattenere i residenti.

Dmytro Ihnatenko davanti a quel che resta del suo ristorante.
Dmytro Ihnatenko davanti a quel che resta del suo ristorante.Hanna Arhirova/AP

Ma ogni attività riaperta comporta dei rischi. 
Dmytro Ihnatenko, il proprietario di RIA Pizza, viene ancora al suo ristorante distrutto, ogni giorno quando è a Kramatorsk.
Non sa perché. Sembra stanco. La sua voce è un sussurro.

Lui, come molti imprenditori, ha interpretato il successo della controffensiva ucraina nella vicina regione di Kharkiv, l'anno scorso, come un segno che la vita poteva tornare a Kramatorsk.

PUBBLICITÀ

"Sembrava più sicuro qui", racconta Dmytro, in piedi tra le macerie del suo ristorante. "E invece...".

Non ha intenzione di ricostruire il ristorante, nè di riaprirlo, un giorno.

La sua tragica esperienza mostra le difficoltà che i proprietari di attività commerciali devono affrontare per tenere aperte le porte, in tempo di guerra.
"E come si fa? Un missile può arrivare in qualsiasi momento".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Raid russo su Kramatorsk, peggiora il bilancio delle vittime

Ucraina, sale il bilancio dei morti nell'attacco missilistico di Kramatorsk

Missili a cena, i russi colpiscono un ristorante a Kramatorsk