EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Nell'Unione dei 27 diminuisce la fiducia sulle prospettive economiche (resta stabile l'inflazione)

frame
frame Diritti d'autore Olivier Matthys/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Olivier Matthys/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Di euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

I dati diffusi da Bruxelles indicano anche un ridimensionamento delle aspettative per quanto riguarda l'andamento dell'occupazione

PUBBLICITÀ

Prosegue la fase di rallentamento dell'inflazione. 

Secondo gli ultimi dati Eurostat, il tasso d'inflazione annuale dell'Eurozona è rimasto stabile ad agosto al 5,3%, come a luglio, nonostante il calo dei prezzi dell'energia e un leggero rallentamento dell'impennata dei prezzi dei generi alimentari. 

Il dato è superiore alle attese degli analisti di Factset e Bloomberg, che in media si aspettavano un rallentamento al 5,1%. L'inflazione nei 20 Paesi che condividono la moneta unica rimane ben al di sopra dell'obiettivo del 2% fissato dalla Banca centrale europea.  

Ad agosto l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,4% su base mensile e del 5,5% su base annua, da +5,9% del mese precedente. Lo comunica l'Istat sulla base delle stime preliminari. 

La decelerazione si deve tra l'altro al rallentamento su base annua dei prezzi dei beni energetici non regolamentati (da +7,0% a +5,7%), che comprendono carburanti, gas e luce a mercato libero, degli alimentari non lavorati (da +10,4% a +9,2%) e lavorati (da +10,5% a +10,1%).

L'economia resta debole

In questo quadro diminuisce la fiducia nelle prospettive dell'economia europea sia nel settore produttivo che da parte dei consumatori. I dati resi noti dalla Commissione europea riportano una flessione dell'indice Esi di 1,2 punti nell'Eurozona e di 0,6 punti nell'Ue. 

La flessione registrata in Italia è stata di 1,1 punti, inferiore solo a quelle di Francia (-2,5) e Germania (-2,4). In calo ad agosto di 0,9 punti nell'Eurozona e nell'Ue anche la stima flash della fiducia dei consumatori.

I dati diffusi da Bruxelles indicano anche un ridimensionamento delle aspettative per quanto riguarda l'andamento dell'occupazione soprattutto nei settori dei servizi, dell'edilizia e del commercio al dettaglio.

L'indice Eei è sceso di un punto nell'Ue e di 1,3 punti nell'Eurozona. Segnali contrastanti, invece, per quanto riguarda le previsioni sull'andamento dei prezzi: si è arrestata la tendenza al declino in atto dall'autunno scorso nei settori dei servizi e del commercio mentre nell'industria e nell'edilizia le attese sono per rialzi.

A luglio 2023, il tasso di disoccupazione destagionalizzato dell'area dell'euro è stato pari al 6,4%, stabile rispetto a giugno 2023 e in calo rispetto al 6,7% di luglio 2022, sempre secondo i dati Eurostat. 

L'ufficio statistico stima che 12,928 milioni di persone nell'Ue, di cui 10,944 milioni nell'area dell'euro, erano disoccupati a luglio 2023. Rispetto a giugno 2023, la disoccupazione è aumentata di 35 mila unità nell'Ue e di 73 mila nell'area dell'euro. 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La corsa alla guida della Banca europea per gli investimenti

Auto elettriche, litio inquinante e costoso: dal manganese allo zinco, ecco le alternative

Elezioni europee: le sfide per le banche europee