EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Gli ostacoli inaspettati del Recovery Fund

La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, a sinistra, e il Primo Ministro spagnolo Pedro Sanchez tengono l'accordo Next Gen EU
La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, a sinistra, e il Primo Ministro spagnolo Pedro Sanchez tengono l'accordo Next Gen EU Diritti d'autore Bernat Armangue/Copyright 2021 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Bernat Armangue/Copyright 2021 The AP. All rights reserved.
Di Mared Gwyn Jones
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il Recovery and Resilience Facility (Rrf) è il più grande investimento nella storia europea, ma il denaro proveniente dal fondo per la ripresa post-Covid19 non sta fluendo nell'economia come previsto

PUBBLICITÀ

Lo strumento è stato considerato un passo avanti storico per la solidarietà economica dell'UE, consentendo alla Commissione europea di emettere un debito congiunto per conto degli Stati membri al fine di rilanciare un'economia affetta da pandemia con investimenti verdi e digitali.

Tuttavia, all'approssimarsi della metà del percorso - i pagamenti devono essere distribuiti tra il 2021 e il 2026 - sono stati erogati solo 153,38 miliardi di euro (21,1%) dei 723,8 miliardi di euro a disposizione degli Stati membri in prestiti e sovvenzioni.

Le strozzature burocratiche, il cambiamento delle priorità politiche e l'alta inflazione sono state citate come ragioni per cambiamenti imprevisti nelle ambizioni dell'UE dopo la pandemia.

Ma gli esperti non sono d'accordo se le deviazioni nel piano di spesa siano un'opportunità persa o semplicemente un buon senso economico.

Una tempistica impegnativa

"È matematico. È scientifico. Alcuni progetti non saranno completati entro il 2026", ha dichiarato a marzo il ministro italiano per gli Affari europei Raffaele Fitto. All'Italia è stata assegnata la tranche maggiore dei fondi, pari a 191,5 miliardi di euro, pari al 10,79% del suo PIL.

Mentre i piani di spesa di tutti gli Stati membri sono stati approvati dalla Commissione, otto devono ancora ricevere i pagamenti, tra cui l'Ungheria e la Polonia, i cui fondi sono bloccati a causa delle controversie con Bruxelles sulle riforme democratiche.

L'erogazione dei fondi è in fase di stallo, nonostante il capo della Commissione Ursula von der Leyen abbia recentemente esortato i Paesi a "mettere i soldi sul campo". Nell'ultimo anno sono stati erogati solo 53 miliardi di euro, rispetto agli oltre 100 miliardi di euro dei 12 mesi precedenti.

Per alcuni, il ritardo nei pagamenti è naturale, perché i Paesi hanno bisogno di un po' di respiro per garantire che il denaro sia speso bene.

"Spendere denaro è difficile. Fare le riforme è difficile. Fare le riforme per qualificarsi a spendere i soldi su un orologio fisso è davvero difficile. È quindi impressionante che stiano facendo tanti progressi", ha dichiarato a Euronews Erik Jones, direttore del Robert Schuman Centre for Advanced Studies.

"Quando sono stati concordati i piani per il 2020, tutti temevano una recessione profonda e duratura e volevano far uscire i soldi dalla porta in fretta", secondo Daniel Gros, membro del consiglio di amministrazione del Centre for European Policy Studies (CEPS).

"Ma alla fine la recessione è stata di breve durata. È meglio per tutti che ci prendiamo un po' di tempo per respirare e rivalutare le priorità di spesa quando le circostanze cambiano", ha aggiunto.

La scorsa settimana, l'agenzia di rating S&P Global ha indicato la vigilanza sulla corruzione, le norme UE sugli aiuti di Stato e l'alta inflazione come possibili ragioni per i ritardi, concludendo che la Spagna - il cui stanziamento di 69,5 miliardi di euro è il secondo più grande - e l'Italia potrebbero aver bisogno di più tempo.

"I soldi devono uscire dalla porta entro la fine del 2026. Questo calendario non può essere spostato. Quindi tutti stanno lavorando il più velocemente possibile, ma in molti casi la larghezza di banda non c'è", ha detto Jones.

Accumulare troppa spesa all'ultimo minuto potrebbe creare volatilità sui mercati finanziari. Sebbene ufficialmente non vi sia alcuna flessibilità sulla scadenza del 2026 per gli investimenti, fonti che hanno familiarità con la questione hanno rivelato che sono in corso discussioni su una possibile estensione.

Un nuovo esperimento

Il RRF è il primo esempio di finanziamento basato sui risultati, in cui i Paesi devono raggiungere le cosiddette "pietre miliari e obiettivi", tra cui riforme legislative e investimenti verdi, per accedere ai fondi. I dati più recenti rivelano che finora solo l'11% delle tappe e degli obiettivi sono stati raggiunti negli Stati membri.

PUBBLICITÀ

Gli esperti ritengono che i progressi nel raggiungimento degli obiettivi saranno naturalmente più lenti con l'avanzare dei pagamenti.

"Nel 2021 e nel 2022, la velocità degli esborsi è stata rapida e in linea con la tempistica prevista. Ora stiamo entrando in una fase più impegnativa in cui i Paesi devono realizzare gli investimenti", ha dichiarato Francesco Corti, ricercatore del CEPS.

Giovedì scorso, l'Italia è riuscita a sbloccare un terzo pagamento di 18,5 miliardi di euro dopo un duello durato mesi con Bruxelles sui suoi obiettivi. I tentativi creativi di Roma di dimostrare un investimento nella forestazione urbana contando le sementi procurate, piuttosto che gli alberi piantati, sono stati respinti da Bruxelles.

Sia l'Italia che la Spagna hanno destinato una parte significativa dei fondi alla costruzione di nuovi asili e scuole elementari. Con le procedure di appalto pubblico che richiedono mesi per essere approvate e i costi di costruzione elevati a causa dell'inflazione e delle interruzioni della catena di approvvigionamento, raggiungere rapidamente questi obiettivi di investimento si sta rivelando una sfida.

PUBBLICITÀ

"Gli investimenti devono affrontare la doppia sfida dell'aumento dell'inflazione e dell'interruzione delle catene di fornitura. È ragionevole che gli Stati membri chiedano maggiore flessibilità o di modificare i loro piani", ha dichiarato Corti.

Rintracciare il denaro è "complicato

Inoltre, secondo Monika Hohlmeier, presidente della Commissione per il controllo dei bilanci del Parlamento europeo, è complicato capire verso quali progetti confluisce il denaro. "Vogliamo sapere quanto denaro ha raggiunto l'economia reale [...] Vogliamo vedere le cifre reali", ha dichiarato a maggio.

La Commissione si è impegnata a pubblicare i 100 maggiori beneficiari di fondi in ogni Stato membro. Ma le informazioni disponibili sono frammentarie, con i dati attualmente mancanti per 16 Paesi.

"Dovremmo impegnarci per una maggiore trasparenza nella spesa, in modo che anche le ONG e i giornalisti possano vigilare sul denaro dei contribuenti dell'UE", ha dichiarato Krzysztof Izdebski della Open Spending EU Coalition, "senza dati è difficile per loro svolgere tale ruolo".

PUBBLICITÀ

"Abbiamo anche verificato se i Paesi stessi vogliono spendere i fondi in modo trasparente. I risultati sono contrastanti: ad esempio, la Lituania e la Bulgaria stanno facendo grandi cose, ma la Slovenia e la Romania sono riluttanti a condividere queste informazioni. Abbiamo bisogno di un approccio più unificato", ha aggiunto.

Le lacune nella rendicontazione sollevano domande legittime su possibili frodi e corruzione. La Corte dei conti europea (CCE) ha riscontrato "margini di miglioramento" nelle misure antifrode della Commissione: "L'esecutivo dell'UE non ha previsto di esaminare come i Paesi controllano che i progetti di investimento finanziati dal RRF siano conformi alle norme comunitarie e nazionali", ha dichiarato un portavoce.

"La conformità dei progetti finanziati a tali norme è in un certo senso autocontrollata dagli Stati membri", ha aggiunto il portavoce, "per questo abbiamo avvertito che questo nuovo modello di spesa presenta una lacuna in termini di garanzia e responsabilità".

Una crisi energetica imprevista

Recentemente è stato chiesto ai Paesi di aggiungere i cosiddetti "capitoli UE REPower" ai loro piani di ripresa per finanziare progetti volti a ridurre la dipendenza dall'energia russa e ad accelerare la transizione verde, con un totale di 225 miliardi di euro disponibili per gli investimenti.

PUBBLICITÀ

L'agenzia di rating DBRS ha rivelato questa settimana che Eni, Enel e altri gruppi energetici italiani controllati dallo Stato beneficeranno di un trasferimento parziale dei fondi RRF al piano REPower EU.

Secondo l'ONG Climate Action Network (CAN) Europe, ciò ha reso disponibili 67 miliardi di euro per progetti di combustibili fossili, tra cui il gas naturale liquefatto (LNG) e, nel caso di Ungheria, Cechia e Slovacchia, infrastrutture petrolifere.

"Possiamo aspettarci che un numero significativo di progetti di GNL e di gasdotti venga incluso nei rispettivi capitoli REpower dell'UE", ha dichiarato Olivier Vardakoulias di CAN Europe.

"Questo emendamento al regolamento del RRF costituisce un grave passo indietro nel processo di progressiva esclusione dei progetti sui combustibili fossili dall'ammissibilità dei fondi UE", ha aggiunto.

PUBBLICITÀ

Alcuni esperti ritengono che sia necessario incanalare i fondi verso un maggior numero di progetti energetici.

"Il mondo è cambiato in un modo che non poteva essere previsto. Abbiamo bisogno di una seconda linea di risorse energetiche come polizza assicurativa. È meglio prevenire che curare", ha dichiarato Daniel Gros.

Finora, 17 Stati membri hanno modificato i loro piani, tra cui i più recenti sono stati l'Austria e il Belgio. Alcuni Paesi, come la Repubblica Ceca, sono già stati elogiati per aver eliminato dai loro piani di ripresa i controversi investimenti in oleodotti e gasdotti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sbloccata dalla Commissione europea la terza rata del Pnrr

Cos'è il dispositivo per la ripresa e la resilienza dell'Ue?

Cos'è il piano di ripresa dell'Europa e come funziona?