EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

OCSE, malattia mentale colpisce milioni di persone con costi elevati

AP Photo
AP Photo Diritti d'autore Ian Langsdon/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Ian Langsdon/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La malattia colpisce milioni di persone con costi economici assai elevati, secondo l'ultimo rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico

PUBBLICITÀ

La malattia mentale colpisce milioni di persone con costi economici elevati, secondo l'ultimo rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

E la pandemia ha solo peggiorato la situazione, influenzando molti fattori.

Il Covid-19 ha influito, infatti, su occupazione, vita sociale, impegno educativo, attività fisica e servizi sanitari.

Ian Langsdon/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoIan Langsdon/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

La malattia di natura mentale genera costi economici pari a circa il 4% del prodotto interno lordoeuropeo, alcuni dei quali sono costi diretti delle cure, mentre più di un terzo sono invece legati a tassi di occupazione inferiori e produttività ridotta.

Secondo il nuovo rapporto, i Paesi dovrebbero fornire un sostegno adeguato alle persone colpite, aumentando urgentemente gli investimenti e la qualità delle cure per ridurre gli elevati costi sociali ed economici che scaturiscono dalla malattia.

Il livello di spesa per la salute mentale è aumentato nei Paesi OCSE nell'ultimo decennio, ma la quota della spesa sanitaria totale dedicata a questo problema talvolta è addirittura diminuita.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

OCSE: "Ripresa economica globale è forte, ma disomogenea"

L'Ocse compie 60 anni

Champagne: vendite in calo per i dazi e la crisi economica, via libera alla raccolta ridotta