EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Lo "Shinkansen": il treno superveloce che fa sognare il mondo

Lo "Shinkansen": il treno superveloce che fa sognare il mondo
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Presentato nel 1964, in occasione dei Giochi Olimpici di Tokyo, lo Shinkansen collega Tokyo a Osaka viaggiando a 210 km/h.

PUBBLICITÀ

Presentato nel 1964, in occasione dei Giochi Olimpici di Tokyo, lo Shinkansen collega Tokyo a Osaka viaggiando a 210 km/h. Per chi non la conoscesse è la rete ferroviaria giapponese di treni ad alta velocità sulla quale viaggiano i cosiddetti “dangan-ressha” i treni proiettile.

Da circa mezzo secolo, la tecnologia “Made in Japan” è in costante movimento dal punto di vista dell’innovazione. Ora la velocità massima raggiunta di questo treno super veloce è di 320 chilometri all’ora. Oltre milione i passeggeri giornalieri.

Velocità ma anche sicurezza. Sono i due must dello Shinkansen. Un mezzo di trasporto estremamente sicuro, che ha festeggiato i suoi primi 50 anni: a Tokyo e in altre città del Giappone si sono svolte cerimonie per rendere omaggio al simbolo della rinascita economica del paese dal dopoguerra in poi.

Altro punto a suo favore è la puntualità. Lo Shinkansen, attraverso una gestione automatizzata del traffico, recupera facilmente sui ritardi, arrivando sempre nei tempi previsti!

Il “treno proiettile” giapponese è anche famoso per il suo straordinario livello di comfort. Un sistema super innovativo permette di inclinarsi in curva, in modo da compensare la forza centrifuga, e minimizzare tutte le vibrazioni.

Nessuna meraviglia dunque se questo Shinkansen è diventato il metto di trasporto preferita da chi ama viaggiare in treno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La tecnologia giappone dei treni super veloci conquista l'Europa

Le aziende giapponesi stanno sviluppando un'economia positiva per la natura: ecco come

L'assistenza nutrizionale del Giappone che aiuta i più vulnerabili in Etiopia