EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Elezioni amministrative in Polonia: test per il governo di Tusk

seggio elettorale in Polonia
seggio elettorale in Polonia Diritti d'autore Czarek Sokolowski/AP
Diritti d'autore Czarek Sokolowski/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Cittadini polacchi chiamati alle urne per eleggere gli amministratori locali. Il voto è considerato un test per il governo di Donald Tusk e per verificare quanto ancora sia influente Diritto e Giustizia

PUBBLICITÀ

Gli elettori di tutta la Polonia sono chiamati alle urne domenica per le elezioni locali, il primo test elettorale per il governo di coalizione del primo ministro Donald Tusk a quasi quattro mesi dalla sua salita al potere.

Gli elettori eleggeranno i sindaci e i membri dei consigli comunali e delle assemblee provinciali, un importante esercizio di autogoverno che è uno dei grandi risultati della trasformazione democratica che la Polonia ha compiuto quando ha abbandonato il comunismo 35 anni fa.

Il ballottaggio si terrà due settimane dopo, il 21 aprile, nel caso in cui i candidati sindaci non ottengano almeno il 50 per cento dei voti al primo turno.

Testa a testa tra la coalizione di Tusk e il partito Diritto e Giustizia

I sondaggi d'opinione pubblicati nei giorni precedenti il voto hanno mostrato un testa a testa tra le due maggiori formazioni politiche: La Coalizione Civica di Tusk, una coalizione elettorale guidata dal suo partito centrista e favorevole all'Unione europea Piattaforma Civica, e Diritto e Giustizia, partito nazional-conservatore che ha governato il Paese dal 2015 fino all'anno scorso.

Diversi altri gruppi seguono i due principali, tra cui la coalizione Terza Via, la Sinistra e il partito di destra radicale Confederazione.

Il governo di coalizione di Tusk, che comprende la Terza Via e la Sinistra, ha vinto le elezioni nazionali di ottobre. Il risultato, ottenuto con un'affluenza record, ha sancito la fine di otto anni di governo di Diritto e Giustizia, accusato dall'Unione europea di aver violato gli standard democratici con le sue modifiche al sistema giudiziario e ai media pubblici.

Diritto e Giustizia alla prova delle urne

Il voto è anche un test per Diritto e Giustizia, che ha ottenuto una serie di vittorie elettorali e ha dominato la scena politica per anni, godendo di un forte sostegno nelle aree rurali conservatrici. Tuttavia, le sue politiche di linea dura nei confronti delle persone Lgbtq+ e la sua restrizione del diritto all'aborto sono state respinte da molti elettori giovani e donne che si sono recati al voto in autunno.

Tra i candidati c'è il sindaco di Varsavia Rafał Trzaskowski, un alleato di Tusk che cerca un secondo mandato. È favorito per la vittoria, ma non è chiaro se potrà vincere domenica o se dovrà affrontare il ballottaggio tra due settimane.

Il mandato uscente per i funzionari locali è stato il più lungo dal 1989, dopo che Diritto e Giustizia lo ha esteso da quattro a cinque anni e ha poi ritardato le elezioni di mezzo anno, temendo che lo svolgimento delle elezioni locali insieme a quelle per il Parlamento nazionale avrebbe danneggiato le sue possibilità.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Amministrative in Polonia: agli exit poll tiene la Coalizione Civica ma è PiS il primo partito

Operatore polacco morto nell'attacco al convoglio di Wck: è crisi diplomatica tra Israele e Polonia

Polonia: accusa di spionaggio, destituito il comandante di Eurocorps