Guerra in Ucraina, Mosca si dice pronta a "negoziati pacifici" ma parla di una zona cuscinetto

Image
Image Diritti d'autore AP/Russian Defense Ministry Press Service
Diritti d'autore AP/Russian Defense Ministry Press Service
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto di non escludere la creazione di una zona di sicurezza al confine con l'Ucraina per proteggere dai bombardamenti i territori di confine. Ha anche risposto alla proposta di Macron di un cessate il fuoco durante le Olimpiadi

PUBBLICITÀ

Nella notte sono continuati gli attacchi reciproci tra Russia e Ucraina. I sistemi di difesa aerea ucraini hanno distrutto durante la notte 17 dei 22 droni lanciati dalla Russia, che ha lanciato anche sette missili. Nel distretto di Sumy, al confine russo, ci sono stati più di sessanta bombardamenti e una persona è rimasta uccisa

Domenica un attacco di droni contro un'installazione militare nella repubblica separatista della Transnistria, in Moldova, ha distrutto un elicottero e ha appiccato un incendio, hanno detto le autorità della regione filo-russa, attribuendo l’attacco all’Ucraina

L’Ufficio per le politiche di reintegrazione della Moldova ha affermato in una dichiarazione che, dopo aver esaminato le riprese video, “non confermano alcun attacco” alla Transnistria e lo hanno definito “un tentativo di causare paura e panico nella regione”. Ha aggiunto che l’equipaggiamento militare distrutto nel filmato, apparso sui social media, “non funziona da diversi anni”.

La Russia vuole creare una zona cuscinetto in Ucraina

La guerra in Ucraina è stata al centro del discorso post-vittoria elettorale del presidente russo Vladimir Putin domenica sera, che ha affermato che i compiti principali del suo quinto mandato saranno la guerra e "rafforzare la capacità di difesa e militare". 

Durante il suo discorso Putin ha affermato di non escludere la creazione di una zona di sicurezza al confine con l'Ucraina, in seguito all'ultimo scambio di missili e razzi a lungo raggio tra i due Paesi. 

"Non escludo che, tenendo conto dei tragici eventi che accadono oggi, saremo costretti prima o poi, quando lo riterremo opportuno, a creare una zona di sicurezza nei territori oggi sotto il regime di Kiev", ha detto Putin senza specificare quanto sarà ampia questa zona "cuscinetto", ma dicendo che dovrà essere abbastanza grande da impedire alle armi di fabbricazione straniera di colpire il territorio russo.

Lunedì, in una chiamata con i giornalisti, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha confermato le intenzioni del presidente: "Sullo sfondo degli attacchi di droni (ucraini) e dei bombardamenti del nostro territorio, di strutture pubbliche, edifici residenziali, è necessario adottare misure per proteggere questi territori". 

Putin risponde alla proposta di Macron di un cessate il fuoco durante le Olimpiadi

Putin ha anche affermato di non aver sentito parlare del piano del presidente francese Emmanuel Macron di proporre un cessate il fuoco in Ucraina durante le Olimpiadi di Parigi di quest'estate, ma ha aggiunto che il suo Paese è pronto a negoziati pacifici. Gli interessi della Russia avranno sempre la precedenza, ha sottolineato il leader russo, ma ha detto che prenderà in considerazione la richiesta. 

"Non conosco la dichiarazione del presidente francese. Siamo pronti a considerare qualsiasi questione, ma in ogni situazione procederemo sempre in base agli interessi della Federazione Russa e, ovviamente, alla situazione nella zona di contatto militare. Ho sempre detto, e lo ripeterò ancora, che siamo a favore di negoziati pacifici, ma non perché il nemico sia a corto di munizioni, ma siamo a favore se davvero vuole costruire relazioni pacifiche e di buon vicinato tra i due Paesi a lungo termine, invece di prendersi una pausa di un anno e mezzo o di due anni per riarmarsi", ha detto Putin. 

Sabato durante un'intervista a un giornalista ucraino Macron aveva affermato che alla Russia sarà chiesto di osservare un cessate il fuoco in concomitanza con le Olimpiadi di Parigi di quest'estate.

La Cina potrebbe partecipare alla conferenza di pace svizzera

Lunedì l'ambasciatore cinese in Svizzera Wang Shihting ha dichiarato che la Cina prenderà in considerazione la possibilità di partecipare alla conferenza di pace che il Paese elvetico ha intenzione di ospitare nei prossimi mesi per porre fine alla guerra in Ucraina. 

L'ambasciatore ha dichiarato in un’intervista alla Neue Zuercher Zeitung che tutte le parti dovrebbero collaborare per porre fine alla guerra. Il governo svizzero ha affermato che intende tenere la conferenza di pace entro l'estate, dopo che l'idea era stata lanciata a gennaio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni in Russia: Putin stravince, ringrazia i soldati in Ucraina e parla di Navalny

L'Ucraina attacca con droni diverse regioni, due morti. Putin: Vogliono spaventarci durante il voto

Elezioni russe, nei territori occupati in Ucraina sono i soldati a portare le schede