Sparatoria alla Oxford High School: condannato il padre del tiratore, prima volta negli Usa

Processo a James Crumbley, il padre di Ethan, autore della sparatoria alla Oxford High School nel Michigan, Usa
Processo a James Crumbley, il padre di Ethan, autore della sparatoria alla Oxford High School nel Michigan, Usa Diritti d'autore Captura de vídeo de AP
Diritti d'autore Captura de vídeo de AP
Di Ilaria Cicinelli
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

È stato condannato James Crumbley, padre di Ethan Crumbley, autore della sparatoria alla Oxford High School nel Michigan, dove sono morti quattro studenti. La madre già condannata a febbraio. È la prima volta negli Usa che i genitori sono ritenuti responsabili per gli omicidi del figlio minorenne

PUBBLICITÀ

Non ha premuto il grilletto ma è stato condannato per omicidio colposo James Crumbley, 47 anni, padre di Ethan Crumbley, l'autore della sparatoria del 2021 alla Oxford High School, non lontano da Detroit, in Michigan, nella quale sono morti quattro studenti.

È la prima volta che negli Stati Uniti una coppia di genitori viene riconosciuta responsabile di una sparatoria di massa avvenuta per mano del figlio minorenne. In un processo separato lo scorso febbraio, la madre dell'assassino, Jennifer Crumbley, di 45 anni, era stata già condannata per lo stesso reato.

Il figlio della coppia Ethan Crumbley, 15 anni all'epoca dei fatti, ha preso la pistola semi automatica del padre e si è recato a scuola dove ha aperto il fuoco sparando una ventina di colpi sui compagni e uccidendo Justin Shilling, 17 anni, Madisyn Baldwin, 17 anni, Hana St. Juliana, 14 anni, e Tate Myre, 16 anni. Altri sei studenti e un membro della facoltà sono rimasti feriti. 

Ethan sta attualmente scontando una condanna all'ergastolo per omicidio e terrorismo.

I genitori avevano il dovere di impedire a Ethan di nuocere agli altri

I pubblici ministeri affermano che Jennifer e James Crumbley avevano il dovere, ai sensi della legge statale, di impedire al figlio di danneggiare gli altri. 

Dopo la lettura del verdetto l'uomo è stato consegnato agli agenti della polizia, che lo hanno riportato in prigione. I familiari di alcune delle vittime erano presenti in aula.

Più tardi, nel corso di una conferenza stampa, il procuratore della contea Karen McDonald è stata accanto a loro e ha elogiato il loro "incrollabile coraggio" attraverso una tragedia e un dolore straordinari.

"Questo verdetto non riporta indietro i loro figli, ma segna un momento di responsabilità e si spera che sia un altro passo per affrontare e porre fine alla violenza delle armi", ha detto McDonald. "James Crumbley non è sotto processo per quello che ha fatto suo figlio", ha detto McDonald alla giuria mercoledì. "James Crumbley è sotto processo per quello che ha fatto e per quello che non ha fatto".

Gli elementi in mano all'accusa nel processo Crumbley

L'accusa si è concentrata in particolare su due elementi, alla base del processo. Il primo riguarda la reazione avuta dai genitori poche ore prima della sparatoria, alla vista di un disegno morboso sul compito di matematica di Ethan, che ritraeva una pistola e un uomo ferito, a cui ha aggiunto frasi inquietanti tra cui "i pensieri non si fermano. Aiutatemi. La mia vita è inutile". Dopo un breve incontro a scuola James e Jennifer Crumbley hanno rifiutato l'invito a riportare Ethan a casa. Un consulente, preoccupato per le idee suicide, disse loro di cercare aiuto per il ragazzo entro 48 ore.

Ethan aveva detto al consulente Shawn Hopkins di essere triste per la morte del cane e della nonna e per la perdita di un amico che si era improvvisamente trasferito. Ha affermato che il disegno era semplicemente un appunto per un videogioco e che non aveva intenzione di commettere violenza. 

Il consulente aveva consigliato ai genitori di trascorrere la giornata con il ragazzo ma questi hanno escluso quest'opzione. 

Nessuna precauzione per l'accesso all'arma

Il secondo elemento chiave dell'accusa riguarda l'accesso dell'adolescente a una pistola Sig Sauer 9 mm acquistata dal padre solo quattro giorni prima. Nessuno dei due adulti aveva controllato lo zaino del figlio. Nello stesso giorno, poco più tardi, Ethan ha estratto l'arma dallo zaino e ha iniziato a sparare. Nessuno aveva controllato lo zaino, anche se un amministratore della scuola aveva scherzato sulla sua pesantezza.

Gli investigatori hanno trovato una custodia di pistola e una scatola di munizioni vuote sul letto dei genitori. Un cavo che avrebbe potuto bloccare la pistola era ancora in una confezione, non aperta.

L'avvocato difensore Mariell Lehman ha detto che il padre di Ethan "ovviamente si sente malissimo" per quanto accaduto a scuola. Lehman ha cercato di sottolineare ai giurati che James Crumbley non ha acconsentito all'accesso alla pistola da parte del figlio. "Non sapeva di dover proteggere gli altri da suo figlio... Non aveva idea di cosa il figlio avesse intenzione di fare", ha detto.

Lui e sua moglie rischiano una condanna minima di dieci anni di carcere. Torneranno in tribunale il 9 aprile per la lettura della sentenza.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Primarie Usa: Joe Biden e Donald Trump vincono la nomination, correranno di nuovo per la Casa Bianca

L'ambasciata Usa a Mosca avverte: ci sarà un attacco imminente

Stati Uniti: Boeing perde un pneumatico durante il decollo