Dall'Armenia una campagna elettorale contro Putin: la storia dell'attivista russo Yuri Alekseyev

Yuri Alekseyev, attivista politico e blogger
Yuri Alekseyev, attivista politico e blogger Diritti d'autore AP
Diritti d'autore AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'attivista russo Yuri Alekseyev ha lanciato una campagna elettorale contro il presidente Putin dall'Armenia. Costretto a lasciare la Russia dopo l'invasione dell'Ucraina, a causa della dura repressione dei critici della guerra, ora protesta davanti all'ambasciata russa a Yerevan

PUBBLICITÀ

Prima dell'invasione su larga scala dell'Ucraina, Yuri Alekseyev viveva in una capanna nella foresta, in Russia. Appena saputo dello scoppio del conflitto Yuri ha esposto uno striscione che recitava "No alla guerra". Le autorità russe lo hanno arrestato e dopo 15 giorni di carcere ha capito che sarebbe stato costretto a lasciare il Paese per evitare di venire mandato in prigione per periodi più lunghi. 

Ora Yuri ha deciso di portare avanti la sua protesta dall'Armenia, dove si è trasferito nel maggio del 2022. Con le elezioni presidenziali alle porte in Russia, lo si può spesso vedere davanti all'ambasciata di Mosca a Yerevan, la capitale armena, invitare le persone a votare contro Putin mentre impugna un cartello con su scritto "Sono russo, Putin è un assassino". 

In Russia chi esprime il proprio dissenso e protesta pubblicamente contro la guerra è represso dalle autorità. Le persone che usano il termine "guerra" piuttosto che la denominazione scelta dal Cremlino, "operazione speciale", rischiano di finire in prigione.

Per approfondire la storia video in testa all'articolo

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Russia disturba il segnale Gps nei Paesi nordici della Nato

Russia: dal 15 al 17 marzo urne aperte, Putin si prepara a vincere le presidenziali

Putin: "La Russia è pronta a una guerra nucleare ma non pensiamo di ricorrere all'arsenale"