Mar Rosso, nave italiana abbatte due droni Houthi: "Italia tra i nemici"

Il cacciatorpediniere della Marina Militare italiana Caio Duilio
Il cacciatorpediniere della Marina Militare italiana Caio Duilio Diritti d'autore Marina Militare italiana
Di Maria Michela Dalessandro
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Due droni colpiti dalla nave Caio Duilio nelle prime ore di martedì. Il 2 marzo scorso la nave della Marina Militare italiana ha sventato un altro attacco degli Houthi lanciato dallo Yemen. Crosetto: "La missione Aspides è fondamentale"

PUBBLICITÀ

Nell’ambito dell'operazione dell'Unione Europea Aspides, nella notte tra l'11 e il 12 marzo la nave della Marina Militare italiana Caio Duilio ha abbattuto due droni aerei. Lo ha comunicato lo Stato maggiore della Difesa italiana nella mattinata di martedì. 

L'organo delle forze armate italiane, che fa parte dell'area tecnico-operativa del ministero della Difesa, sottolinea come il compito dell'Operazione Aspides è quello di difendere la libertà di navigazione e le rotte commerciali. Dopo il suo intervento la Duilio ha ripreso la sua attività nel Mar Rosso

Gli Houthi replicano: l'Italia sta con i nemici "ma non è obiettivo"

"L'abbattimento di nostri droni da parte della marina militare italiana costituisce una nuova conferma che l'Italia si è voluta schierare a fianco dei nostri nemici e a difesa di Israele" ha dichiarato all'Ansa un funzionario del dipartimento dei media del governo Houthi a Sana'a, Abdennaser Mahamed.

Il funzionario ha precisato tuttavia che "l'Italia per il momento non è un nostro obiettivo diretto".

Il ministro della Difesa Crosetto: "Aspides è fondamentale"

C'è una evoluzione continua delle modalità di attacco degli Houthi, i ribelli yemeniti filo-iraniani. Il commento all'intervento della Marina italiana nel Mar Rosso arriva direttamente dal ministro della Difesa, Guido Crosetto, a Verona per l'evento su trasporto e logistica LetExpo 2024. Senza però far trapelare molto di più rispetto alla notizia diramata dallo Stato maggiore.

La zona è diventata pericolosa. Gli attacchi Houthi sono passati nelle ultime settimane alle navi militari, che sono presenti esclusivamente per garantire il passaggio dei mercantili
Guido Crosetto
Ministro della Difesa

"Non posso entrare nei particolari per motivi di sicurezza, ma questa notte gli attacchi sono stati condotti in modo diverso rispetto alle altre volte. Sono stati bravi gli uomini e le donne del Duilio ad abbattere due droni, ma è una sfida che si evolve di settimana in settimana", ha affermato Crosetto.

Raid Usa in risposta all'attacco al mercantile Pinocchio

Lunedì gli Houthi hanno preso di mira l'ennesimo mercantile, con bandiera liberiana, a sud-ovest del porto yemenita di Salif, secondo il Comando militare centrale Usa (Centcom, che ha responsabilità per il Medio Oriente). 

I ribelli yemeniti avevano annunciato nuovi attacchi con l'inizio del mese islamico del Ramadan, cominciato lunedì.

Il Centcom ha confermato di avere distrutto un drone sottomarino e 18 missili balistici antinave appartenenti al gruppo yemenita, mentre  secondo l'agenzia di stampa statale Saba, raid anglo-statunitensi hanno colpito lo Yemen settentrionale causando undici vittime.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mar Rosso: gli Houthi attaccano i cacciatorpediniere degli Usa

Cosa sono la missione Ue Aspides e le altre operazioni nel mar Rosso: il ruolo dell'Italia

Mar Rosso: nave italiana abbatte un drone degli Houthi, preoccupa la Rubymar