Protesta degli agricoltori in Spagna: a Madrid 500 trattori e migliaia di persone in piazza

Centinaia di agricoltori protestano a Madrid
Centinaia di agricoltori protestano a Madrid Diritti d'autore Manu Fernandez/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Ilaria Cicinelli
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Spagna gli agricoltori hanno portato circa 500 trattori nel centro di Madrid fino alla sede del ministero dell'Agricoltura, per chiedere al governo di aiutarli a sostenere gli alti costi di produzione. È la più grande protesta organizzata in Spagna dagli agricoltori finora

PUBBLICITÀ

Centinaia di agricoltori hanno guidato i loro trattori nel centro di Madrid mercoledì, per protestare contro le politiche agricole dell'Unione Europea e della Spagna. In particolare, chiedono misure adeguate per sostenere l'aumento dei costi di produzione.

La manifestazione più grande in Spagna dall'inizio delle proteste

La protesta, la più grande che abbia avuto luogo nella capitale spagnola dopo oltre due settimane di manifestazioni quotidiane in tutto il Paese, è arrivata fino alla sede del ministero dell'Agricoltura.

Molti dei manifestanti sventolavano bandiere spagnole e alcuni agricoltori portavano striscioni che recitavano "Non c'è vita senza agricoltura" e "Agricoltori in estinzione".

Il gruppo dell'Unione dei Sindacati ha dichiarato di aver portato nella capitale 500 trattori e molti altri agricoltori li hanno raggiunti. Tuttavia la maggior parte dei mezzi agricoli potrebbero essere costretti a rimanere fuori città a causa delle restrizioni imposte dal governo.

Le importazioni extra Ue meno costose dei prodotti locali

Proteste simili hanno avuto luogo in tutta l'Unione nelle ultime settimane. Gli agricoltori lamentano che le politiche dell'Ue sull'ambiente sono un onere finanziario importante e rendono i loro prodotti più costosi rispetto alle importazioni extra Ue.

Un'apertura da parte della Spagna e della Commissione europea rispetto ad alcune concessioni è arrivata nelle ultime settimane, ma gli agricoltori affermano che ciò non basta. 

Oltre alle politiche dell'Ue, gli agricoltori spagnoli sostengono che non viene ancora applicata una legge per garantire prezzi equi agli acquirenti dei supermercati all'ingrosso, mentre i prezzi al consumo salgono vertiginosamente.

Anche in Francia le proteste degli agricoltori mettono sotto pressione il governo

Anche nella vicina Francia, il più grande produttore agricolo dell'Ue, il governo del presidente Emmanuel Macron è sottoposto a **forti pressioni da parte degli agricoltori.**Infuriati, chiedono l'aiuto del governo per sostenere gli elevati costi di produzione.  

Macron dovrebbe partecipare all'apertura della principale fiera agricola annuale francese, questo fine settimana, a Parigi. In vista di questo evento, il primo ministro Gabriel Attal ha cercato, questo mercoledì, di convincere gli agricoltori che il governo sta accelerando gli sforzi  per rendere il settore agricolo più redditizio. Ha anche promesso misure per rendere più facile e meno costose le assunzioni di lavoratori stagionali, anche dall'estero.

Attal ha anche detto che il suo governo sta lavorando per proteggere l'agricoltura francese dalle importazioni dall'Ucraina di pollo, uova, zucchero e cereali.

"La solidarietà con l'Ucraina è ovviamente essenziale, ma non può andare a scapito dei nostri agricoltori", ha dichiarato il primo ministro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Repubblica Ceca: la protesta degli agricoltori contro le politiche agricole dell'Ue

Migranti, alle isole Canarie arrivano sempre più minori non accompagnati: si moltiplicano i centri

Barcellona: trattenuta nave da crociera con 1.500 passeggeri, 69 boliviani con visti Schengen falsi