EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Usa, passo indietro di Christie: non correrà alle primarie del Partito repubblicano

L'ex governatore del New Jersey Chris Christie
L'ex governatore del New Jersey Chris Christie Diritti d'autore Mike Derer/AP2009
Diritti d'autore Mike Derer/AP2009
Di Stefania De Michele
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Prima del passo indietro, i sondaggi davano Christie al 3,6 per cento, al quarto posto sui cinque candidati alle primarie.

PUBBLICITÀ

L'ex governatore del New Jersey Chris Christie ha annunciato mercoledì la fine della sua campagna per la candidatura repubblicana alle presidenziali del 2024, segnando l'uscita di scena del più esplicito critico dell'ex presidente Donald Trump nelle primarie del GOP.

Christie ha annunciato il suo ritiro dalle primarie del partito Repubblicano, che cominceranno il 15 gennaio in Iowa, durante un incontro in New Hampshire.

Christie: "Non posso vincere, mi ritiro"

"Non ho possibilità di vincere e quindi sospendo la mia campagna per la presidenza degli Stati Uniti - ha detto Christie - Il mio obiettivo è quello di essere una voce contro l'odio, la divisione e l'egoismo, ciò che il nostro partito è diventato sotto Donald Trump. Ma ho sempre detto che se in questa corsa non sarei più riuscito a vedere un percorso per raggiungere questo obiettivo, mi sarei ritirato".

Prima del passo indietro, i sondaggi davano Christie al 3,6 per cento, al quarto posto sui cinque candidati alle primarie. La sua campagna si è basata sull'opposizione a Trump, che resta il favorito nelle preferenze interne.

Nel tweet di Christie una promessa: "In nessun modo permetterò a Donald Trump di diventare di nuovo Presidente degli Stati Uniti. Questo è più importante della mia ambizione personale".

Non era chiaro se Christie abbia intenzioni di appoggiare immediatamente uno degli altri candidati.
L'ex governatore del New Jersey è stato sentito criticare Nikki Haley su un livestream durante la campagna: "Verrà distrutta, non è all'altezza" aveva detto. Anche gli scambi telefonici con il governatore della Florida, Ron DeSantis, non hanno dato ulteriori indicazioni.

Primarie repubblicane, il dominio di Trump

Attualmente, sempre secondo i sondaggi, Trump dovrebbe incassare oltre il 60 per cento dei voti. Il governatore della Florida Ron DeSantis non scalfisce il dominio di Trump e si assesta intorno al 12,5 per cento mentre l’ex governatrice della South Carolina ed ex ambasciatrice alle Nazioni Unite, Nikki Haley, è all'11,5 per cento dei consensi repubblicani.

Christie aveva annunciato la sua candidatura a giugno, ma la sua campagna elettorale non ha mai avuto picchi di consenso e visibilità.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Trump fa ricorso contro l'esclusione dalle primarie del Maine: non candidabile per insurrezione

Donald Trump non parteciperà ai dibattiti delle primarie repubblicane: "Il pubblico sa già chi sono"

Stati Uniti, al coro di Dem che chiede il ritiro di Biden si sarebbero aggiunti Obama e Pelosi