EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Serbia, opposizione ancora in piazza contro i presunti brogli di Vucic e del suo partito

Manifestanti in piazza a Belgrado
Manifestanti in piazza a Belgrado Diritti d'autore Darko Vojinovic/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Darko Vojinovic/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Gabriele Barbati
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il voto di domenica ha premiato con la maggioranza dei seggi la coalizione guidata dal Partito Progressista Serbo del presidente Vucic. Osce e Ue hanno sollevato dubbi di irregolarità durante le elezioni

PUBBLICITÀ

Diverse centinaia di persone si sono nuovamente radunate, mercoledì a Belgrado, per protestare contro presunti brogli nelle elezioni che domenica hanno riconfermato al potere la maggioranza parlamentare e politica del presidente Aleksandar Vucic e del suo Partito Progressista Serbo. 

La manifestazione, davanti alla sede della Commissione elettorale nazionale, fa seguito alle richieste del principale schieramento di opposizione, "Serbia contro la violenza", che ha già mobilitato migliaia di persone nei giorni scorsi considerando illegittimi i risultati del voto nazionale e locale.  

Il governo di Belgradoha annunciato mercoledì che si ripeterà il voto parlamentare in trenta seggi (sugli ottomila aperti durante le elezioni), il prossimo 30 dicembre, secondo l'emittente statale Rts.

La coalizione di opposizione ha annunciato, tuttavia, che chiederà l'annullamento delle elezioni a tutti i livelli.

Critiche anche dall'Osce e dall'Europa

I dubbi sulle elezioni serbe sono aumentati dopo che la missione di osservazioneelettorale dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce) ha denunciato una serie di "irregolarità", tra cui l'acquisto di voti e l'uso di schede precompilate.

La Germania ha parlato di situazione inaccettabile per un Paese che ambisce a entrare nell'Unione europea, mentre gli Stati Uniti hanno invitato Belgrado a rispondere alle accuse.

L'Unione europea ha affermato che il "processo elettorale della Serbia richiede miglioramenti tangibili e ulteriori riforme".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Serbia, l'opposizione in piazza a Belgrado denuncia "brogli elettorali"

Serbia, si torna a discutere di un'enorme miniera di litio di Rio Tinto a Jadar

Xi a Belgrado, per Cina e Serbia una visita di successo: firmato accordo di libero scambio