EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Perché la Danimarca ha uno dei tassi di bullismo più bassi d'Europa?

Perché la Danimarca ha uno dei tassi di bullismo più bassi d'Europa?
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Valérie Gauriat
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le scuole danesi stanno adottando un approccio multiforme per affrontare la piaga del bullismo: ne abbiamo parlato con insegnanti, studenti e genitori

PUBBLICITÀ

La Sluseholmen Skole di Copenaghen è una delle tante scuole danesi in cui ai bambini viene insegnato fin da piccoli come evitare il bullismo, che qui causa meno danni che altrove in Europa. Meditazione e coccole fanno parte della routine mattutina degli alunni della scuola primaria Sluseholmen Skole. Per l'insegnante Maja Hindsgaul il benessere è fondamentale per l'apprendimento.

"Sono la persona con cui possono parlare in caso di difficoltà. In realtà parlo molto di chi sono e di cosa mi piace, e che va bene se a loro piace abbracciarsi. Anche a me piace - dice Hindsgaul a Euronews - Naturalmente devono imparare a leggere e scrivere e cose del genere, ma possono farlo se si sentono al sicuro. La mia missione è farli sentire al sicuro in modo che possano sviluppare abilità sociali a scuola".

Imparare a convivere fa parte dell'insegnamento. "Cerchiamo sempre di far lavorare insieme i ragazzi in diversi tipi di gruppi, tra generi diversi e non sempre con i migliori amici - dice l'insegnante Louise Ibsen -. Si esercitano anche sulle abilità sociali per comunicare e per trovare un compromesso su idee diverse".

Questi metodi fanno parte dei programmi utilizzati in molte scuole danesi per prevenire il bullismo già a partire dalla scuola primaria. E i bambini sono molto ricettivi. "Tutti hanno pieno rispetto per gli altri - dice un'alunna -. Gli amici ti aiutano se sei vittima di bullismo, perché fermano chi ti sta disturbando e chiamano l'insegnante".

I genitori prendono parte alle decisioni sui programmi scolastici e svolgono un ruolo fondamentale nella prevenzione del bullismo. "Credo che la cosa più importante sia che, se sentite che i vostri figli stanno male, prendiate la cosa sul serio e cerchiate di capire cosa potrebbe essere sbagliato - dice Fatemeh Shahmarvand, un genitore che fa parte del consiglio scolastico -. È importante che noi genitori parliamo con i nostri figli e troviamo il modo di renderli un po' più forti, in modo che imparino a gestire le avversità".

L'impatto di internet e dei confinamenti durante la pandemia

La Danimarca, insieme a Svezia e Finlandia, ha uno dei tassi più bassi di bullismo in Europa. Tuttavia un call center gestito dalla ong danese per i diritti dell'infanzia Børns Vilkår ha visto aumentare il numero di chiamate relative al bullismo e ai pensieri suicidi, in particolare tra i giovani adolescenti.

"Abbiamo chiamate da tutte le fasce d'età per il bullismo, ma sembra essere un problema soprattutto per i ragazzi tra i 10 e i 15 anni - dice l'amministratore delegato di Børns Vilkår, Rasmus Kjeldahl -.- Ed è qui che è estremamente importante per un bambino appartenere a un gruppo. L'atto di bullismo è l'espulsione dal gruppo. La dimensione digitale ha peggiorato la situazione perché il bullismo non si ferma quando si lascia la scuola".

Helle Hansen è una ricercatrice in materia di istruzione e bullismo scolastico. È una degli esperti che hanno progettato i programmi anti-bullismo introdotti nelle scuole danesi 15 anni fa. Questi programmi hanno avuto successo, ma devono essere reinventati alla luce delle nuove realtà.

"È più difficile essere un adolescente. Ci sono stati il Covid e i confinamenti. Si è più soli - dice Hansen -. In generale il benessere dei bambini è messo a dura prova. I giovani o i ragazzi coinvolti in atti di bullismo hanno bisogno di qualcosa. Hanno bisogno di capire il significato di essere qui. La mancanza di significato è uno dei motivi per cui iniziano a fare i bulli".

L'importanza della comunicazione e della governance guidata dagli studenti

Capire gli adolescenti è naturalmente una questione di competenza del preside del liceo Greve Gymnasium, vicino a Copenaghen. Come in molte scuole danesi, sul suo sito web si trova una carta anti-bullismo. Più che le sanzioni, ciò che conta sono le dinamiche di gruppo e il dialogo con gli studenti. Gli studenti hanno voce in capitolo nella strategia anti-bullismo, come in tutte le norme che regolano la vita scolastica.

"Cerchiamo di avvicinarci agli studenti in molti modi e di discutere dell'insegnamento, dei principi pedagogici, di ciò che fanno nelle pause, di ciò che fanno nel tempo libero e, naturalmente, di come interagiscono sui social media. Abbiamo lezioni anche su questo - dice Mette Trangbæk, preside della scuola Greve Gymnasium -. È molto importante avvicinarsi a loro e facilitargli vita, non solo quella in classe ma anche quella nel tempo libero".

Abbiamo avuto una dimostrazione di questo metodo durante una lezione di matematica in una classe dell'ultimo anno. Un gruppo di studenti ha scelto di uscire dall'aula per parlarci di bullismo, con la benedizione di Sanne Yde Schmidt, il loro insegnante.

"Sono un'autorità nel mio campo: matematica e storia. Ma non sono un'autorità su ciò che dovreste fare o pensare. È una responsabilità" - dice Schmidt ai suoi studenti -. Penso che gli atti di bullismo derivino da gerarchie che non funzionano: le persone cercano di prendere il potere maltrattando qualcun altro".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Un adolescente su sei vittima di cyberbullismo. E i casi aumentano

La Danimarca vieta i roghi di Corano, Bibbia, Torah e simboli religiosi

L'Europa che voglio: educazione civica e democrazia, cosa farei da europarlamentare