EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Neverending story: Elon Musk invitato al party fantasy di Giorgia Meloni

Elon Musk parteciperà alla festa a tema fantasy "Atreju" di Giorgia Meloni a Roma questo fine settimana.
Elon Musk parteciperà alla festa a tema fantasy "Atreju" di Giorgia Meloni a Roma questo fine settimana. Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Giulia Carbonaro
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Elon Musk e il leader di Vox Santiago Abascal saranno tra gli ospiti di Atreju, la festa di Fratelli d'Italia della durata di quattro giorni che celebra la gioventù conservatrice italiana e che quest'anno sarà a tema fantasy

PUBBLICITÀ

Quest'anno, la festa di Giorgia Meloni per i giovani conservatori, chiamata "Atreju", avrà un po' più di brio di quanto non ne abbia avuto negli ultimi 26 anni.

Nel 1998, Meloni non era una figura molto conosciuta nella politica italiana. Ma come responsabile della sezione romana di Azione Giovani (il movimento giovanile dell'ormai defunto partito Alleanza nazionale), creò un evento nazionale dedicato alla celebrazione dei giovani conservatori del Paese.

L'evento prende il nome da Atreyu, uno dei personaggi principali del film fantasy del 1984 "La storia infinita". A chi conosce già l'ossessione di Meloni per il genere fantasy, che interpreta costantemente attraverso la sua lente di destra, questo nome non sorprenderà.

E nemmeno il fatto che l'idea di creare "Atreju" le sia venuta dopo aver partecipato negli anni '90 all'Hobbit Camp, un ritiro simile a Woodstock organizzato dal partito post-fascista Movimento sociale italiano per i giovani per celebrare i libri di J.R.R. Tolkien.

Ma questa edizione del festival di destra, che si svolgerà da giovedì 14 a domenica 17 dicembre ed è organizzata da Fratelli d'Italia, sarà diversa da quelle precedenti.

Innanzitutto, Meloni non è più ai margini della politica italiana, ma ai suoi vertici. In secondo luogo, il suo nuovo ruolo le ha permesso di attirare alcune guest star di alto profilo per il suo evento a tema fantasy, tra cui il miliardario della tecnologia Elon Musk e il leader del partito populista spagnolo Vox Santiago Abascal, recentemente al centro di una spiacevole polemica.

Di cosa parla il festival?

Secondo Piero Garofalo, professore di studi italiani presso l'Università del New Hampshire nel Regno Unito, "Atreju" è "meno una convention politica che un evento politico di parte". Il festival, che quest'anno avrà un villaggio natalizio e una pista di pattinaggio sul ghiaccio, propone concerti, mostre, dibattiti e umorismo rivolti ai giovani e si concentra sulla socializzazione piuttosto che sulla politica.

Il tema dell'edizione di quest'anno è "Bentornato orgoglio italiano", un titolo perfettamente in linea con il manifesto elettorale e il mantra costante della Meloni. E se l'evento ha mantenuto la sua tradizionale natura sociale e gioviale, quest'anno la sua importanza politica è innegabile.

"Oggi, con l'ascesa politica di Giorgia Meloni e Fratelli d'Italia e i recenti successi elettorali, 'Atreju' ha acquisito un'importanza sempre maggiore, attirando ospiti di alto profilo - come il primo ministro ungherese Viktor Orbán e il consigliere di Donald Trump Steve Bannon - e l'attenzione dei media", spiega Garofalo a Euronews.

"Il festival serve ora come piattaforma per mostrare la statura internazionale di Giorgia Meloni e l'integrazione della destra italiana nella comunità internazionale", ha aggiunto.

Chi parteciperà?

La lista degli invitati alla festa rispecchia "la crème de la crème" della destra europea e internazionale.

Tra gli ospiti più importanti, Elon Musk (che non è mai stato un conservatore dichiarato, ma che di recente ha agito secondo i valori conservatori), il primo ministro albanese Edi Rama e il leader spagnolo del partito di estrema destra Vox, Santiago Abascal.

Il primo ministro britannico Rishi Sunak, "che condivide con Giorgia Meloni approcci non ortodossi per affrontare l'afflusso di migranti", pare che incontrerà la premier Meloni sabato mattina durante il festival, anche se non necessariamente al festival, dice Garofalo.

Secondo il professore, la partecipazione ad "Atreju" non significa automaticamente solidarietà o sostegno a Giorgia Meloni.

"Ad esempio, anche diversi leader dei partiti di opposizione, tra cui Matteo Renzi, Carlo Calenda, Angelo Bonelli e Michele Emiliano, parteciperanno al festival nella speranza di attirare voti e rendersi rilevanti", afferma.

PUBBLICITÀ

"In effetti, questa partecipazione è un segnale della crescente importanza e visibilità che la piattaforma 'Atreju' offre ai relatori. Detto questo, al di là dei partecipanti, che probabilmente supereranno i 100mila, e dell'ampia copertura mediatica (dovuta in gran parte agli ospiti di spicco), 'Atreju' non è un evento seguito con particolare interesse dal pubblico in generale, anche se sarà certamente al centro della scena questa settimana", ha aggiunto.

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha declinato l'invito della Meloni al festival.

Perché "La storia infinita"?

Il nome dell'evento è un omaggio ad Atreyu, il guerriero a cavallo del drago protagonista del romanzo fantasy tedesco del 1979 di Michael Ende, "La storia infinita", spiega Garofalo.

"Questo nome è stato scelto perché, per gli organizzatori dell'evento, il personaggio fantasy rappresenta la gioventù impegnata che, nell'eterna lotta tra il bene e il male, resiste al nichilismo per preservare gli ideali", spiega.

PUBBLICITÀ

Giorgia Meloni ha sottolineato l'importanza del romanzo in un post su Facebook del 17 febbraio 2019 per commemorare il 40esimo anniversario della pubblicazione del romanzo, scrivendo: 

"Un romanzo molto significativo che ha segnato la mia infanzia. La lotta e la vittoria di Atreju contro il Nulla, un nemico che cerca di logorare l'immaginazione dei giovani spogliandoli dei valori, rappresenta ancora oggi un simbolo ispiratore. Con questo modello in mente, ho sempre portato avanti la mia passione politica!".

"La storia infinita" e Atreyu non sono certo i primi romanzi ed eroi fantasy che Meloni ha cooptato a suo uso politico. Nel corso della sua lunga carriera, ha spesso citato "Il Signore degli Anelli" di J.R.R. Tolkien, che quest'anno è stato oggetto di una grande mostra a Roma.

Tra gli idoli fantasy di Meloni ci sono anche "Game of Thrones" di George R.R. Martin e il personaggio manga e pirata spaziale Capitan Harlock.

PUBBLICITÀ

Un gioco di tradizione

"Il fascino e l'appropriazione del genere fantasy da parte dell'estrema destra post-fascista precede Giorgia Meloni ed emerge come fenomeno riconoscibile nell'Italia degli anni Settanta", spiega Garofalo. "I nazionalisti italiani si pongono come un piccolo sodalizio di detentori della verità che si oppone a una schiacciante forza di offuscamento che avvolge la società".

Secondo Garofalo, le narrazioni fantastiche forniscono una vivida opposizione e rifiuto del mondo moderno, raffigurando "come nobili le lotte delle società tradizionali per preservare un passato idealizzato contro le minacce di cambiamento incarnate da forze esterne".

In questo contesto, l'appropriazione da parte di Meloni del simbolismo fantastico nel discorso politico si inserisce in questa tradizione "proprio perché fornisce una motivazione teleologica per azioni politiche i cui effetti immediati non sono chiaramente riconducibili a obiettivi a lungo termine", afferma Garofalo.

"Quando il simbolo è reale, il risultato finale è reale. Come ha dichiarato Giorgia Meloni: 'Non considero Il Signore degli Anelli un fantasy'".

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia, Elon Musk visita Auschwitz-Birkenau dopo le accuse di antisemitismo per i commenti su X

Atreju, la festa della destra quest'anno celebra il primo anno di governo Meloni

"Gioventù Meloniana", l'inchiesta che mette a rischio la reputazione di Meloni e FdI