A 10 anni da Euromaidan le testimonianze di chi ha vissuto la rivoluzione ucraina

Euromaidan
Euromaidan Diritti d'autore Efrem Lukatsky/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Una protesta che si è trasformata in rivoluzione: 10 anni fa Euromaidan o Rivoluzione della Dignità, oggi i racconti di chi c'era

PUBBLICITÀ

L'anniversario dei 10 anni della Rivoluzione della Dignità (o Euromaidan) del 2013-2014 è stata un evento spartiacque per la formazione della nazione ucraina come comunità politica.

Al centro delle massicce proteste di piazza la decisione dell’allora presidente Viktor Janukovyč di lasciar cadere la politica di collaborazione con l’Unione europea per riavvicinarsi alla Federazione russa.

Dice Marina Chankova, produttrice e regista di documentari: "Penso che, all'epoca, per qualsiasi ucraino non ci fosse più la possibilità di scegliere se protestare o meno, intendo dire per qualsiasi ucraino consapevole. Sapevamo quello che volevamo e capivamo che il nostro governo, Yanukovych, per qualche motivo, aveva deciso di ingannarci. All'inizio ha detto: 'Sì, ci muoveremo verso l'integrazione con l'Ue', ma poi all'improvviso ha firmato un accordo con la Russia e abbiamo capito che non stavamo andando dove volevamo".

La prospettiva di Yevhenii Monastyrskyi, storico ucraino, è personale: "Per me è una storia molto personale, perché sono di Luhansk, ma nei primi giorni della protesta Maidan pro-Ue mi trovavo a Kiev assolutamente per caso - dice - Sono andato a vedere cosa stesse succedendo ed è il primo momento quello che ricordo molto bene. Perché questo piccolo gruppo di studenti si è riunito la prima notte e poi nei giorni successivi ho semplicemente osservato come, nel bel mezzo della giornata lavorativa, anche altre persone hanno aderito alla protesta".

"Molte persone hanno detto: 'Sono andato a letto a Kiev e mi sono svegliato a Mosca'. E a quel punto le proteste sono esplose in modo massiccio. Era il 1° dicembre 2013 - racconta Peter Dickinson, redattore di Ukraine Alert per il Consiglio Atlantico - Nel giro di poche ore, il giorno successivo, quasi un milione di persone si sono riversate nelle strade del centro di Kiev. Gli edifici sono stati occupati. A Maidan è stata allestita una tendopoli permanente. E quello che era stato un movimento di protesta piuttosto modesto si è trasformato in una rivoluzione".

Sergio Cantone, ex capo ufficio di Euronews a Kiev: "Faceva molto freddo e i manifestanti bruciavano le gomme. Era la guerra del ghiaccio e del fuoco. C'erano muri di fuoco, con fumo nero, un effetto di cortina fumogena. E, naturalmente, le bombe stordenti usate dal Berkut".

Marina Chankova sottolinea il fatto che "diversi manifestanti sono stati uccisi dal nostro governo. È stato un punto di svolta che ha provocato un'indignazione ancora maggiore. In quel momento il popolo ucraino ha avuto la determinazione di andare fino in fondo".

Stessa percezione per Yevhenii Monastyrskyi: "È stato il momento della trasformazione. Il lungo percorso di creazione della società civica, iniziato all'inizio degli anni 2000 (duemila), ha raggiunto il suo primo picco nel febbraio 2014, quando è diventato chiaro che siamo esseri umani, cittadini dell'Ucraina, società civica. Abbiamo raggiunto il momento in cui non possiamo coesistere con questo governo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Euromaidan, i tre mesi che cambiarono il futuro dell'Ucraina

Ucraina, 10° anniversario di piazza Maidan. Due civili uccisi in attacco russo a ospedale

Ucraina, la vita a Maidan a un anno dall'invasione russa