EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Quale futuro per il trasporto aereo? Con il presidente di Emirates su sostenibilità e Medio Oriente

Quale futuro per il trasporto aereo? Con il presidente di Emirates su sostenibilità e Medio Oriente
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il presidente della compagnia aerea Emirates, Sir Tim Clark, si è intrattenuto con Euronews per parlare del futuro dell'industria dell'aviazione sulla scia della pandemia.

PUBBLICITÀ

La compagnia aerea Emirates ha iniziato la settimana al Dubai Airshow annunciando un potenziamento della sua flotta con un ordine da 47 miliardi di euro per 90 aerei passeggeri Boeing 777X.

Intervistato da Euronews, il presidente di Emirates, Sir Tim Clark, ha dichiarato: "In totale, abbiamo ordinato 245 Boeing e 50 A350 che saranno consegnati a partire dal prossimo anno. Tutto questo è parte integrante dei programmi di espansione della nostra rete nei prossimi 10-15 anni". Dopo alcuni anni di cautela post-COVID, Clark afferma che "la domanda rimane molto robusta" per l'industria dell'aviazione e che "il Medio Oriente va davvero forte in termini di attività economica, con molti investimenti interni, una forte generazione di ricchezza in Arabia Saudita, naturalmente, e negli Stati dell'area".

In termini di sostenibilità, l'industria ambisce ad arrivare all'obiettivo Net Zero entro il 2050. Per quanto riguarda l'impegno di Emirates per la riduzione delle emissioni, ha dichiarato: "Ci siamo dati un obiettivo. Viaggiamo in quella direzione. Finché facciamo la cosa giusta e ci impegniamo al massimo, alla fine si tratta di una data che può andare avanti come all'indietro, quel che serve è iniziare a muoversi".

"Siamo ancora molto lontani dall'avere aerei che volano con carburante a emissioni zero", ha aggiunto. "Possiamo introdurre carburanti sostenibili. Possiamo fare tante cose ed è quello che stiamo facendo".

Guardando alle sfide che le compagnie aeree dovranno affrontare nei prossimi anni, indica nell'incapacità di espandersi al ritmo che vorrebbero la sfida maggiore per Emirates. E i suoi consigli per il futuro: "Il nostro settore è qui per restare. Fare la cosa giusta, concentrarsi sull'ottenere i punti di forza del prodotto. Rimanere concentrati su quello che si intende fornire e aggiungere valore per gli azionisti e per se stessi".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turbolenza su un volo dal Qatar diretto in Irlanda: almeno 12 feriti

Calamità e cospirazione: tutti i leader europei morti in incidenti aerei

Sciopero Lufthansa, cancellato il 90% dei voli: disagi per 100mila passeggeri