Una casa per 500mila rifugiati ucraini: il premio Nansen dell'Unhcr alla famiglia polacca Grochowski

Wladyslaw Grochowski and his wife
Wladyslaw Grochowski and his wife Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Oltre a ospitare mezzo milione di persone in fuga dalla guerra, la famiglia Grochowski ha promosso l'integrazione degli ucraini nel Paese, sostenendo anche le fasce più deboli della società polacca

PUBBLICITÀ

Wladyslaw Grochowski e sua moglie Lena sono stati premiati dalle Nazioni Unite per il loro impegno nel fornire alloggi sicuri ai rifugiati.La loro rete di hotel Arche offre 500mila  posti letto gratuiti in Polonia.

" Il 24 febbraio abbiamo accolto i primi rifugiati nell'hotel di Lublino. Il giorno successivo sono stati creati sedici centri di crisi in tutti e 16 gli hotel. Abbiamo accolto tutti coloro che sono venuti da noi. Sono orgoglioso di aver gestito tutto questo, è stata una bella sfida", racconta Grochowski.

Da rifugiata a lavoratrice

Una sfida vinta per cui Kateryna Darynska, rifugiata ucraina ora dipendente della Fondazione Lena Grochowska, è riconoscente: "Era il due aprile, quando abbiamo attraversato il confine. Siamo arrivati a Janów, in albergo. Era notte, le due del mattino", ricorda. "Quando vai con tutta la famiglia, con una sola valigia, e non sai dove finirai, perché il viaggio è talmente lungo che non sai nemmeno dove andrai a dormire. Quando siamo arrivati, c'erano i cuochi, molti dipendenti e abbiamo ricevuto cibo caldo. Poi siamo andati nella nostra stanza e ci siamo messi a letto. Non sapevamo cosa fare, ma siamo stati accolti calorosamente, abbiamo ricevuto sostegno da perfetti sconosciuti. C'era un intero autobus di sfollati provenienti da diverse città dell'Ucraina. Ci hanno dato da mangiare, ci hanno dato la biancheria, ci hanno dato tutto. È stato così importante per noi".

Per Grochowski si è trattato di una reazione naturale: "Mi sento responsabile per queste persone, perché se avessi di più, forse potrei permettermi di fare di più. Sarebbe un peccato se non riconoscessi i bisogni di chi ha meno".

Il riconoscimento dell'Unhcr

La famiglia sostiene i rifugiati da 2 anni. Questo è uno dei motivi per cui l'Unhcr le ha conferito il premio Nansen.

"Non hanno dato solo aiuti ai rifugiati. Hanno dato potere ai rifugiati aiutandoli a trovare lavoro, a seguire corsi di formazione, a integrarsi, insieme ad altre persone in difficoltà. Hanno sostenuto anche i polacchi in difficoltà. In secondo luogo, hanno mobilitato la comunità imprenditoriale. Hanno lavorato con le città, con le organizzazioni umanitarie, quindi è un approccio che coinvolge l'intera società e che va a vantaggio dei rifugiati", Andreas Kirchhof, consigliere senior per le relazioni esterne dell'UNHCR.

La famiglia Grochowski si è fatta portavoce della situazione dei migranti al confine tra Polonia e Bielorussia e ha risposto offrendo, ad esempio, un alloggio anche a queste persone in movimento

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il ritorno di Tusk in Europa

Oggetto non identificato nei cieli polacchi: si tratterebbe di un razzo russo

Polonia, non si ferma la protesta dei camionisti. Bloccato il valico di Medyka