Indonesia, più di 200 nuovi rifugiati Rohingya arrivati nella provincia di Aceh

Newly-arrived ethnic Rohingya women, part of a group who was denied landing a few times by local residents, rest at a temporary shelter in Bireun, Aceh province.
Newly-arrived ethnic Rohingya women, part of a group who was denied landing a few times by local residents, rest at a temporary shelter in Bireun, Aceh province. Diritti d'autore Rafka Zaidan/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews Digital
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tra questi, 91 donne e 56 bambini, sbarcati su una spiaggia dell'isola di Sabang, all'estremità di Sumatra

PUBBLICITÀ

Oltre 200 nuovi rifugiati Rohingya sono arrivati nella provincia indonesiana di Aceh, diretti verso un centro di accoglienza temporanea, mentre la gente del posto - ostile - minacciava di rimandarli in mare.

Tra questi, 91 donne e 56 bambini, sbarcati su una spiaggia dell'isola di Sabang, all'estremità di Sumatra, secondo le autorità locali e l'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr).

Sale così a più di mille il numero dei Rohingya arrivati via mare nella zona in appena una settimana.

Si tratta della più grande ondata di arrivi di Rohingya in Indonesia dal 2015.

Di fronte all’accoglienza da parte della popolazione locale, le autorità hanno deciso di trasferire i rifugiati via traghetto in un centro di accoglienza temporanea nella regione di Aceh, mentre l'equipaggio distribuiva cibo ai bambini.

"Il piano è che i rifugiati siano trasferiti in un centro di accoglienza a Lhokseumawe", ha detto Naufal, direttore dell'agenzia sociale Sabang, che, come molti indonesiani, ha un solo nome.

Un altro gruppo di 256 rifugiati arrivati giorni prima, più a est, inizialmente respinto dai residenti locali nel distretto di Bireuen, è stato portato nello stesso centro di accoglienza temporanea nella città di Lhokseumawe.

I Rohingya, una minoranza musulmana, sono perseguitati in Birmania e migliaia di loro rischiano ogni anno la vita in lunghi e costosi viaggi in mare, spesso su imbarcazioni di fortuna, per cercare di raggiungere la Malesia o l'Indonesia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Rohingya: "sì" alla competenza della Corte di Giustizia Internazionale

Gli Usa sulla repressione dei Rohingya in Myanmar: "È genocidio"

Indonesia: si scontrano due treni, ci sono morti e feriti