EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

63 transgender ricorrono alla Corte europea dei diritti contro documenti d'identità in Ungheria

Il primo ministro ungherese Viktor Orban
Il primo ministro ungherese Viktor Orban Diritti d'autore Szilard Koszticsak/MTI - Media Service Support and Asset Management Fund
Diritti d'autore Szilard Koszticsak/MTI - Media Service Support and Asset Management Fund
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nel 2020 il Parlamento di Budapest ha approvato una norma che impedisce di cambiare sui documenti il genere registrato alla nascita. La rivolta della comunità LGBTQIA+: "Ancora più discriminati"

PUBBLICITÀ

Sessantatré persone transgender hanno avviato una causa presso la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) di Strasburgo contro la decisione dell'Ungheria di eliminare la possibilità di indicare il genere di elezione sui documenti d'identità. 

La decisione è arrivata nel maggio del 2020, in piena emergenza Covid, quando il Parlamento ungherese ha approvato una legge che vieta di cambiare il genere registrato sui documenti alla nascita.  

"La giurisprudenza della Corte di Strasburgo afferma che rientra nella privacy il fatto che le persone scelgano la propria identità e la esprimano liberamente" dice Tamás Dombos della ong Háttér Társaság (Background Society), che ha offerto assistenza legale ai ricorrenti.

Impedire di scegliere la propria identità di genere è una violazione dei diritti umani
Tamás Dombos
Ong Háttér Társaság

Secondo Dombos, un paese che limiti l'espressione dell'identità di genere "violerebbe la protezione della privacy e dunque la Convenzione europea dei diritti dell'uomo".

Dopo il cambiamento della legge sull'identità di genere nel 2020, il governo di Budapest aveva pubblicamente difeso la decisione sostenendo che non influenza il diritto di ognuno di vivere liberamente la propria identità.

Un anno e mezzo fa Liza Kecskés, una delle persone coinvolte nella causa, si è sottoposta a una terapia ormonale per il cambio di sesso. 

Per lei come per la maggior parte delle persone trans, intersessuali o che si definiscono non binarie, la transizione oppure la semplice scelta del genere è un modo per integrarsi nella società, non per distinguersi, spiega Kecskés.

LA LEGGE HA CREATO PIÙ DISCRIMINAZIONE

"In tutti i casi in cui devo provare la mia d'identità, in banca o all'ufficio postale, le persone non capiscono perché nel documento vedono una persona di sesso maschile e con un nome maschile" dice Kecskés. 

"Di solito la gestiscono bene, ma mi è capitato di avere problemi" aggiunge la donna, secondo cui le norme in vigore rendono praticamente impossibile trovare il proprio posto nella società. 

La Background Society si è appellata alla Corte dei diritti dell'uomo di Strasburgo dopo che la Corte costituzionale ungherese lo scorso febbraio ha respinto il ricorso contro la nuova legge. 

L'Ungheria, dove dal 2010 è al governo la destra conservatrice guidata dal primo ministro Viktor Orban, ha approvato in questi anni diverse norme in nome delle protezione dell'infanzia e della famiglia tradizionale che hanno colpito negativamente la comunità LGBTQIA+.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria, presentato al Parlamento un disegno di legge sulla "protezione della sovranità nazionale"

La comunità LGBTQ+ italiana denuncia attacchi del governo ai diritti dei genitori dello stesso sesso

Ungheria sempre più isolata. Viktor Orbán: "Ho finito gli alleati"