EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Conflitto a Gaza, la nostra intervista in esclusiva all'ex premier israeliano Olmert

Image
Image Diritti d'autore Sebastian Scheiner/AP
Diritti d'autore Sebastian Scheiner/AP
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'ex leader afferma che la guerra deve continuare fino a quando Hamas non sarà distrutta. Ma Israele dovrà immediatamente annunciare di essere pronta ad aprire i negoziati con l'Anp per una soluzione a due stati

PUBBLICITÀ

Mentre Israele intensifica l'offensiva di terra nella Striscia di Gaza tra gravi preoccupazioni umanitarie, Euronews ha raggiunto per un commento l'ex primo ministro Ehud Olmert, che afferma che la guerra deve continuare fino a quando Israele non raggiungerà il suo scopo: la fine di Hamas.

"Ogni cittadino, ogni bambino, ogni bambina che viene uccisa è terribile. Quindi non voglio discutere sui numeri. Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, per esempio, hanno dato istruzioni agli ambasciatori all'Onu di votare contro il cessate il fuoco. In altre parole, quando hanno avallato il proseguimento delle operazioni militari israeliane cosa si aspettavano? Che non ci fossero delle vittime?". 

E aggiunge: "Non siamo ancora arrivati al cuore di questa operazione. Khan Younis, che si trova nella parte meridionale della Striscia di Gaza, è il vero quartier generale di Hamas. Hanno la leadership, si nascondono, hanno i bunker, hanno le postazioni di comando, hanno le rampe di lancio". 

È interessante che lei dica che Khan Younis è il centro di comando, perché nell'ultima settimana abbiamo definito l'ospedale di al Shifa come il cuore pulsante di Hamas. Eppure non abbiamo visto i tunnel o gli armamenti.

"Avete visto le armi, non avete visto i leader. Ma guardate, ci sono così tante fake news. Ormai fa parte della vita, tutto viene diffuso con noncuranza. Se me lo avessi chiesto due settimane fa, ti avrei detto che il centro è davvero a Khan Younis. Quello che Israele deve sapere è che quando la battaglia militare sarà finita, deve immediatamente annunciare di essere pronto a intraprendere negoziati con l'Autorità Palestinese per una soluzione a due Stati. Questa includerà Gaza come parte dello Stato palestinese".

Dovrebbe esserci un'inchiesta sul perché l'Idf non è arrivata in tempo? Se parla con molte famiglie sono davvero confuse sul perché siano state lasciate sole nel kibbutz per così tanto tempo.

"Dovremo fare un'indagine molto approfondita. Una cosa che so nel profondo è che i responsabili, di fronte al potenziale di un simile attacco, avranno pensato: 'Ma questi arabi inferiori, cosa sanno? Cosa possono fare? Saranno alla nostra altezza? Noi israeliani, la nazione delle startup, con la nostra sofisticazione, la nostra intelligenza, il nostro coraggio?'. Invece loro ci dimostrano di essere alla nostra altezza. Sono solo brutali. Dovremo distruggerli".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nessuna comunicazione da Gaza. Carburante esaurito la Striscia è isolata. L'Unrwa denuncia

Corte Aja: l'occupazione israeliana nei territori palestinesi è illegale

Israele: attacco con droni su Tel Aviv rivendicato dagli Houthi, un morto