EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Xi a Biden: "Il pianeta Terra è abbastanza grande per entrambi"

Joe Biden e Xi Jinping
Joe Biden e Xi Jinping Diritti d'autore Doug Mills/New York Times
Diritti d'autore Doug Mills/New York Times
Di Maria Michela Dalessandro
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Xi Jinping e Joe Biden si incontrano a San Francisco dopo un anno. "Progressi importanti", sottolinea il presidente americano. Ma resta il nodo Taiwan

PUBBLICITÀ

Non si incontravano faccia a faccia da un anno, Xi Jinping e Joe Biden, i leader più potenti al mondo, dal G20 di Bali del novembre 2022 quando si erano ripromessi di mantenere contatti regolari per migliorare i rapporti tra i due Paesi. 

Così non è stato, soprattutto dopo le accuse di Washington a Pechino per aver inviato un pallone spia nei cieli americani a inizio 2023. 

Nonostante Xi abbia sottolineato che non possa essere realistico pensare che una delle due potenze militari ed economiche possa "rimodellare l'altra", ha anche detto che "il pianeta Terra è abbastanza grande perché entrambi i Paesi possano avere successo".

I due presidenti non si sono solo stretti la mano davanti alla stampa dopo l'atteso bilaterale in una residenza poco fuori San Francisco, in California, ma hanno parlato di ripresa del dialogo a tutti i livelli, anche militari. "In modo che la competizione non sfoci in conflitto" e si possa "gestire responsabilmente la competizione" fra i due Paesi, ha detto Biden a Xi. 

Tra i temi caldi del colloquio durato quasi quattro ore, a margine dell’incontro dei leader dell’Asia–Pacific economic cooperation (Apec), la situazione a Taiwan. Xi ha garantito che non sono previste azioni militari da parte della Cina, chiarendo che la speranza è quella di una "riunificazione pacifica". 

Biden ha chiesto invece che Pechino non interferisca sulle elezioni che si terranno nell'isola a gennaio. L'omologo cinese ha rilanciato chiedendo al leader americano di smettere di fornire armi a Taiwan.

Come riportato dalla Casa Bianca, Biden ha insistito sul mantenimento della "pace e della stabilità" nel Mar Cinese Meridionale, sottolineando che la posizione USA sulla politica di una sola Cina non è cambiata e che anzi è rimasta coerente attraverso i decenni e le amministrazioni.

Il presidente ha ribadito che gli Stati Uniti si oppongono a qualsiasi cambiamento unilaterale dello status quo da entrambe le parti e che si aspettano che le differenze tra le due sponde dello Stretto siano risolte con mezzi pacifici. Biden ha anche "invitato alla moderazione" sull'utilizzo di "attività militari da parte della Cina all'interno e intorno allo Stretto di Taiwan". 

Nonostante siano state concesse ai giornalisti solo quattro domande, il presidente degli Stati Uniti ha risposto a un'altra più spinosa, sul fatto che consideri Xi ancora come un "dittatore", un termine che aveva usato in una campagna di raccolta fondi all'inizio di quest'anno. 

"Beh... Lo è" ha detto Biden, aggiungendo su Xi Jinping che "si tratta di un leader che guida un paese comunista".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cina - Usa, una stretta di mano per il disgelo

Apec, attesa per il bilaterale tra Xi Jinping e Joe Biden: il primo faccia a faccia dopo un anno

Stretta di mano tra Biden e Xi a Bali, alla vigilia del G20