EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Perché i leader irlandesi sono più duri nei confronti di Israele

Murale pro-palestinesi dell'artista Emmalene Blake Dublino, Irlanda
Murale pro-palestinesi dell'artista Emmalene Blake Dublino, Irlanda Diritti d'autore Niall Carson/PA
Diritti d'autore Niall Carson/PA
Di Andrew Naughtie, Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Una lunga storia anticoloniale e specifici incidenti recenti fanno sì che le relazioni tra Irlanda e Israele siano notevolmente tese rispetto agli standard europei

PUBBLICITÀ

Come altri Paesi europei, l'Irlanda assiste inorridita all'uccisione di migliaia di persone a Gaza, sapendo che tra queste potrebbero esserci anche alcuni suoi cittadini.

Un caso particolarmente scioccante è quello di Emily Hand, una bambina di otto anni che si pensava fosse stata uccisa dai terroristi di Hamas in un kibbutz durante il massacro del 7 ottobre.

Inizialmente il padre era stato informato della sua probabile morte, ma i test del DNA hanno indicato che il suo corpo non era tra i resti recuperati, e ora si pensa che sia viva e in ostaggio a Gaza. Ora il governo irlandese ha assicurato che farà di tutto per assicurarne il rilascio se possibile, ma questo richiede un intenso lavoro diplomatico mentre le ostilità a Gaza continuano.

In Irlanda, il caso di Hand fa parte di una realtà politica complicata. Mentre molti governi europei hanno esitato a criticare i bombardamenti di Israele su Gaza, molti leader irlandesi hanno assunto un tono sensibilmente più duro.

Il Primo ministro irlandese, Leo Varadkar, ha ripetutamente condannato il massacro di 1.400 persone perpetrato da Hamas in Israele, ma ha anche affermato che la risposta di Israele a Gaza assomiglia a "qualcosa di più simile alla vendetta".

In occasione di una conferenza internazionale sugli aiuti per Gaza, ospitata dal presidente francese Emmanuel Macron a Parigi giovedì, Varadkar ha affermato che il mancato rispetto del diritto umanitario "non può essere irrilevante".

Il presidente irlandese Michael D. Higgins ha invece accusato il governo di Benjamin Netanyahu di aver minato le norme internazionali sui diritti umani.

"Annunciare in anticipo che si violerà il diritto internazionale e farlo su una popolazione innocente, riduce a brandelli tutto il codice che esiste dalla Seconda guerra mondiale sulla protezione dei civili", ha dichiarato Higgins a metà ottobre, mentre la campagna aerea a Gaza iniziava a mietere sempre più vittime civili.

Le sue osservazioni sono state criticate dall'ambasciatore israeliano a Dublino, Dana Erlich, che lo ha accusato di essere male informato e ha suggerito che l'impressione generale di Israele sull'Irlanda è quella di un inconsapevole pregiudizio anti-israeliano.

Un altro diplomatico israeliano a Dublino ha postato le sue critiche su X: "L'Irlanda si chiede chi ha finanziato quei tunnel del terrore? Una breve direzione di indagine - 1. Trova uno specchio 2. Dirigilo verso te stesso 3. Voilà". Il post è stato successivamente chiarito e disconosciuto.

Higgins ha anche criticato la Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, che ha definito "sconsiderata" la sua iniziale risposta filoisraeliana all'esplosione delle ostilità.

Continua a chiedere un cessate il fuoco umanitario e una verifica internazionale indipendente del numero di vittime a Gaza - un numero attualmente riportato solo dal ministero della Sanità gestito da Hamas.

Quindi, mentre molti governi dell'Europa occidentale rimangono quasi immobili, perché i leader irlandesi sono notevolmente più ambivalenti nelle loro dichiarazioni pubbliche sulle azioni di Israele?

Una lunga memoria

Innanzitutto, negli ultimi vent'anni, i due Paesi non hanno avuto parecchie relazioni. Nel 2010 è stato rivelato che agenti del Mossad, il servizio di intelligence israeliano, hanno utilizzato passaporti contraffatti per recarsi sotto copertura a Dubai, dove hanno assassinato un leader di Hamas.

Tra i documenti di viaggio falsificati c'erano anche passaporti irlandesi, alcuni dei quali utilizzavano numeri di passaporti autentici rubati.

PUBBLICITÀ

L'episodio ha gettato un'ombra sulle relazioni tra Irlanda e Israele, che le segna ancora oggi. All'epoca, i ministri irlandesi avevano avvertito che le azioni del Mossad avrebbero potuto mettere a rischio i viaggiatori irlandesi. Ma sei anni dopo l'incidente, l'allora ambasciatore israeliano in Irlanda si rifiutò di garantire che la stessa cosa non si sarebbe ripetuta.

Su entrambi i lati del confine tra la Repubblica d'Irlanda e l'Irlanda del Nord, molti nazionalisti irlandesi si sono identificati con la causa palestinese per decenni, vedendo in essa un parallelo con la propria resistenza alla violenza militare dello Stato britannico.

Questa risonanza si sente ancora oggi. Il Sinn Fein, il più grande e antico partito che sostiene la riunificazione irlandese, è ampiamente previsto che guiderà il prossimo governo a Dublino e la sua leader, Mary Lou McDonald, ha espresso in modo molto chiaro le sue opinioni su Israele.

Nel 2021, durante una grave esplosione di violenza israelo-palestinese, ha dichiarato al Parlamento che Israele doveva essere condannato come "regime razzista e di apartheid" e ha fondato la sua richiesta di statualità palestinese nella grande narrazione della storia irlandese.

PUBBLICITÀ

Ma come ha dichiarato a Euronews il senatore irlandese indipendente Tom Clonan, anch'egli ex ufficiale militare, se da un lato l'esperienza di colonizzazione dell'Irlanda la rende una sorta di anomalia nell'Europa occidentale, dall'altro la maggior parte dei suoi politici o della sua popolazione non ha una visione negativa dell'esistenza di Israele.

"Gli irlandesi sostengono Israele e credono nella legittimità dello Stato di Israele", ha dichiarato.

Abbiamo forti legami in termini di commercio e c'è una grande diaspora di irlandesi israeliani". Chaim Herzog, il presidente di Israele per la maggior parte degli anni '80, era un irlandese-israeliano cresciuto a Dublino! Quello che critichiamo sono le azioni del governo Netanyahu.

"Hamas ha commesso un vero e proprio genocidio il 7 ottobre, violando tutte le leggi sui conflitti armati, cosa che continua a fare a Gaza. Ma allo stesso tempo, l'esercito israeliano non è riuscito a garantire un passaggio sicuro agli anziani, ai malati, alle donne incinte e così via, come previsto dalle Convenzioni di Ginevra. Espellere con la forza i civili dalle loro case, sparare su ospedali, scuole e aree civili - tutto questo e altro ancora è vietato.

PUBBLICITÀ

"È a questo che Varadkar si riferiva: alla proporzionalità della risposta, che è uno standard oggettivo nel diritto dei conflitti. Per correttezza nei confronti degli inglesi, ad esempio, quando l'IRA faceva esplodere bombe nel Regno Unito e uccideva civili innocenti, compresi i bambini, il governo britannico non ha ordinato attacchi aerei sui quartieri repubblicani di Belfast!".

Azioni oltre il limite

La leader del Sinn Fein Mary Lou McDonald ha condannato l'attacco di Hamas di un mese fa, ma ha anche criticato Israele per aver "ignorato" le richieste di cessate il fuoco. E come i leader dei partiti alla sinistra del Sinn Fein, chiede anche l'espulsione dell'ambasciatore israeliano a Dublino a causa delle azioni di Israele dal 7 ottobre.

Varadkar ha respinto questa richiesta, sottolineando che nemmeno l'ambasciatore russo è stato espulso e avvertendo che l'espulsione di Erlich "esautorerebbe" Dublino nel tentativo di far uscire da Gaza una quarantina di cittadini irlandesi.

I partner di Varadkar nella coalizione, il partito di centro-destra Fianna Fáil, hanno ospitato Erlich alla conferenza annuale del loro partito lo scorso fine settimana. La sua apparizione è stata accolta con indignazione dalla sinistra, ma il leader del partito e attuale ministro degli Esteri Micheál Martin ha difeso la decisione del governo di non espellerla, sottolineando che una simile decisione avrebbe probabilmente comportato l'espulsione dell'ambasciatore irlandese da Israele proprio mentre si cercava di salvare Emily Hand e gli altri cittadini irlandesi intrappolati nel fuoco incrociato.

PUBBLICITÀ

Nel frattempo, la voce dell'Irlanda in Europa rimane una voce distintiva. Clonan suggerisce che, poiché l'Irlanda stessa ha attraversato un difficile processo di pace in patria, i suoi leader sono forse particolarmente attenti ai doppi standard quando si tratta di proteggere i civili in conflitto.

Sono rimasto molto sconcertato quando Ursula von der Leyen si è recata a Tel Aviv e ha dato un sostegno assolutamente incondizionato a Israele", afferma, "ma bisogna ricordare che quando la Russia ha preso di mira la rete elettrica in Ucraina, ha detto che colpire obiettivi civili in quel Paese era un crimine di guerra".

"Vorrei incoraggiarla a riflettere su questo punto e a guardare le azioni di Israele anche attraverso questo prisma".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Nessun cessate il fuoco": le parole di Netanyahu a un mese dall'attacco di Hamas

Striscia di Gaza: raid israeliano su Khan Younis dopo ordine di evacuazione, decine di morti

Alta tensione tra Israele e Houthi: morti e feriti a Hodeida, abbattuto un missile dallo Yemen