EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Netanyahu: "Hamas non esisterà più a Gaza"

Un cronista palestinese, con la scritta "Press", coinvolto in un attacco israeliano a Tal Al-Zaatar, nel nord della Striscia di Gaza. (11.11.2023)
Un cronista palestinese, con la scritta "Press", coinvolto in un attacco israeliano a Tal Al-Zaatar, nel nord della Striscia di Gaza. (11.11.2023) Diritti d'autore Telegram
Diritti d'autore Telegram
Di Cristiano TassinariEuronews World
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Lega Araba, dopo un vertice di emergenza in Arabia Saudita, ha invitato la comunità internazionale a intervenire e fare pressione su Israele affinché apra corridoi umanitari per portare aiuti nella Striscia di Gaza. Ma sul cessate il fuoco, Netanyahu ribadisce il suo deciso "No"

PUBBLICITÀ

Dopo 37 giorni di guerra, rispondendo alle domande sul futuro della Striscia di Gaza, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato "Hamas non ci sarà più".

Secondo il primo ministro israeliano, l'obiettivo è un "controllo di sicurezza completo da parte dell'esercito di Tel Aviv, con la possibilità di entrare a Gaza ogni volta che vogliamo per eliminare i terroristi che possono riemergere".

Netanyahu durante il discorso. (11.11.2023)
Netanyahu durante il discorso. (11.11.2023)AFP Video

Lo stesso Netanyahu ha respinto con forza le richieste internazionali di cessate il fuoco, affermando che “non c’è altra opzione se non la vittoria”.

"Posso dirvi cosa non ci sarà: non ci sarà Hamas.
E non ci sarà un'autorità civile che educhi i propri figli a odiare Israele, a uccidere gli israeliani, a spazzare via lo Stato di Israele".
Benjamin Netanyahu
74 anni, primo ministro di Israele

Intanto, nelle strade di Gaza City, le brigate Ezzedin al-Qassam - il braccio armato di Hamas - combattono contro l'avanzata israeliana...

Un fermo immagino del video diffuso da Hamas sulla battaglia a Gaza City.
Un fermo immagino del video diffuso da Hamas sulla battaglia a Gaza City.Screenshot

Speranza e cordoglio

L'esercito di Tel Aviv, ha riferito il portavoce Daniel Hagari, ha inviato messaggi di speranza ai familiari dei 239 ostaggi ancora in mano ad Hamas. 
Inoltre, messaggi di cordoglio sono stati inviati alle famiglie dei 361 soldati israeliani che hanno perso la vita nelle operazioni post-7 ottobre, compresi cinque riservisti. 

Diplomazia araba ed europea

La Lega Araba, dopo un vertice di emergenza in Arabia Saudita, ha invitato la comunità internazionale a intervenire e fare pressione su Israele, affinché apra corridoi umanitari per portare aiuti nella Striscia di Gaza.

Dopo il tour diplomatico in Medio Oriente del Segretario di Stato Usa, Antony Blinken, anche la diplomazia europea è al lavoro: la ministra degli Esteri tedesca, Annalena Baerbock, ha avuto colloqui con il primo ministro dell'Autorità Nazionale Palestinese Mohammad Shtayyeh, a Ramallah, e con l'omologo israeliano Eli Cohen, a Tel Aviv.

La ministra tedesca degli Esteri, Annalena Baerbock, con il primo ministro palestinese, Mohammad Shtayyeh. (Ramallah, 11.11.2023)
La ministra tedesca degli Esteri, Annalena Baerbock, con il primo ministro palestinese, Mohammad Shtayyeh. (Ramallah, 11.11.2023)AFP Video
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Arabia Saudita, vertice arabo-islamico per "unificare gli sforzi" su Gaza

Bombe sull'ospedale al-Shifa di Gaza. Il direttore: "Hamas non è qui"

Israele, al volante di un'auto investe e ferisce quattro militari dell'Idf