EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Euroviews. La Cop28 di quest'anno dovrebbe essere l'ultima?

Due operai scendono da uno dei serbatoi di un'azienda petrolifera a Jebel Ali, 40 chilometri a sud di Dubai, novembre 2000
Due operai scendono da uno dei serbatoi di un'azienda petrolifera a Jebel Ali, 40 chilometri a sud di Dubai, novembre 2000 Diritti d'autore AP Photo/Euronews
Diritti d'autore AP Photo/Euronews
Di Dr Marc Nebojsa Vukadinovic, Programme Director, and Isabelle Négrier, Executive director, EuropaNova
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell'autore e non rappresentano in alcun modo la posizione editoriale di Euronews.
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Per raggiungere collettivamente gli obiettivi dell'Accordo di Parigi devono emergere vertici e organizzazioni differenti, più flessibili e regionali, scrivono Marc Nebojsa Vukadinovic e Isabelle Négrier

PUBBLICITÀ

Ogni anno, dal 1995, la Conferenza delle Parti, o Cop, riunisce gli Stati membri delle Nazioni Unite per discutere di questioni climatiche.

Nel 2015, durante la Cop21, l'Accordo di Parigi ha segnato una svolta nella lotta al riscaldamento globale.

Per la prima volta, tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite si sono impegnati a ridurre le proprie emissioni di gas serra, con l'ambizioso obiettivo di mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C entro il 2100.

Non si trattava più di dibattiti, osservazioni o dichiarazioni d'intenti, ma di un vero e proprio impegno, con tanto di cifre, assunto di fronte al mondo intero, sotto gli occhi degli osservatori e delle generazioni future.

È stato anche un grande successo per la diplomazia europea e francese, che è riuscita a far firmare l'accordo alle Nazioni più inquinanti del mondo.

Eppure, eccoci qui

Sono passati otto anni: le successive Cop hanno fatto pochi progressi significativi e la maggior parte dei progressi nella lotta contro il riscaldamento globale viene ora organizzata altrove, in altre istituzioni o eventi, nelle relazioni bilaterali tra gli Stati o semplicemente sotto la pressione dell'opinione pubblica.

Il quadro stabilito dai governi è palesemente chiaro: spetta a loro attuarlo e alle imprese raccogliere la sfida.

Il modello può essere stato efficace nel 2015, ma ora sta mostrando i suoi limiti: da allora non è stato firmato alcun accordo globale
A man in a polar bear costume walks between the delegates during the opening of the COP 23 Fiji UN Climate Change Conference in Bonn, November 2017
A man in a polar bear costume walks between the delegates during the opening of the COP 23 Fiji UN Climate Change Conference in Bonn, November 2017AP Photo/Martin Meissner

Nel frattempo, la Cop è diventata l'emblema di un formato di grandi simposi diplomatici che si è esaurito e i cui limiti intrinseci stanno per essere dimostrati dal prossimo evento negli Emirati Arabi.

Il modello - riunire tutte le Nazioni del mondo, cosa laboriosa e complessa - può essere stato efficace nel 2015, ma ora sta mostrando i suoi limiti: da allora non è stato firmato alcun accordo globale.

Peggio ancora, il modello Cop sembra ora essere controproducente, diventando gradualmente il simbolo di un grande rave diplomatico sullo sfondo del greenwashing. 

La Cop28, che si terrà a Dubai a novembre e dicembre, ne è l'esempio più grottesco.

Emirati organizzano, Emirati inquinano

Sarà difficile convincere l'opinione pubblica europea, asiatica, africana o americana a optare per un modello di crescita più sobrio proveniente dagli Emirati Arabi.

La piccola monarchia petrolifera del Golfo, con una popolazione di appena dieci milioni di abitanti, è il sesto maggior emettitore pro capite di CO2 al mondo, con 22 tonnellate per persona all'anno.

Gli Emirati Arabi Uniti sono anche il settimo produttore di petrolio al mondo, con una produzione e un'esportazione di quasi 4.000 barili al giorno.

È difficile dare la propria benedizione a un evento dedicato alla lotta contro il riscaldamento globale organizzato da uno dei maggiori inquinatori del mondo
The sun rises over the headquarters of the Abu Dhabi National Oil Co. headquarters that dominates the skyline in Abu Dhabi, November 2016
The sun rises over the headquarters of the Abu Dhabi National Oil Co. headquarters that dominates the skyline in Abu Dhabi, November 2016AP Photo/Kamran Jebreili

È difficile dare la propria benedizione a un evento dedicato alla lotta contro il riscaldamento globale organizzato da uno dei maggiori inquinatori del mondo e, come se non bastasse, presieduto da uno dei maggiori inquinatori del Paese, Sultan Al-Jaber, che è sia presidente della Cop28 sia amministratore delegato di Adnoc, la compagnia petrolifera nazionale emiratina.

PUBBLICITÀ

In una lettera aperta ai leader mondiali e all'Onu del 23 maggio, centinaia di parlamentari europei e statunitensi hanno chiesto il ritiro del sultano Al-Jaber dalla presidenza della Cop28, ma senza successo.

Da aberrazione ecologica ad opportunità storica

In queste condizioni, e per evitare di alimentare future disillusioni diplomatiche ed ecologiche, è urgente voltare pagina.

È tempo di optare per nuovi modelli politici per far progredire la lotta contro il riscaldamento globale e spezzare la nostra dipendenza dai combustibili fossili.

Devono emergere vertici e organizzazioni diversi, più flessibili e regionali, per raggiungere collettivamente gli obiettivi dell'Accordo di Parigi.

PUBBLICITÀ
Aiutiamo gli Stati, le imprese e le Ong dei cinque continenti a creare nuove forme di organizzazione, adatte alle loro realtà regionali e realmente efficaci per raggiungere i nostri obiettivi climatici
Participants at the COP22 climate conference pose in support of climate negotiations and Paris agreement, on the last day of the conference, in Marrakech, November 2016
Participants at the COP22 climate conference pose in support of climate negotiations and Paris agreement, on the last day of the conference, in Marrakech, November 2016Mosa'ab Elshamy/Copyright 2016 The AP. All rights reserved.

Nel 2015 l'Europa è stata al posto di comando, aiutando la Cop21 a fornire un quadro per strutturare i nostri obiettivi climatici per il prossimo secolo.

Da questo momento in poi, la diplomazia francese ed europea deve continuare ad assumersi le proprie responsabilità, promuovendo la nascita di nuove istituzioni che finiranno per sostituire i ripetuti accordi della Cop, che uniscono l'insignificanza all'impotenza.

Non diamo la nostra benedizione a questa Cop28, che screditerà la lotta contro il riscaldamento globale.

Al contrario, aiutiamo gli Stati, le imprese e le Ong dei cinque continenti a creare nuove forme di organizzazione, adatte alle loro realtà regionali e realmente efficaci per raggiungere i nostri obiettivi climatici.

PUBBLICITÀ

L'Europa ha l'opportunità di mostrare la sua differenza, di dimostrare i suoi valori e di rendere orgogliosi i suoi cittadini: facciamo la storia e serviamo il pianeta.

Marc Nebojsa Vukadinovic è docente a Sciences Po e direttore di programma di EuropaNova, mentre Isabelle Négrier è un'industriale e direttore esecutivo di EuropaNova.

A Euronews crediamo che tutte le opinioni siano importanti: contattateci all'indirizzo view@euronews.com per inviare proposte o contributi e partecipare alla conversazione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Crisi climatica, e se le risposte arrivassero dalla COP28 di Dubai?

Cop28, la lettera di cento deputati: "Via al-Jaber dalla presidenza"

Gaza: riapre l'ospedale al-Ahli, gli Stati Uniti chiudono il molo galleggiante