Botte alla compagna, arrestato il trapper romano Gallagher

Nel 2019 finì in manette per aver rapinato alcuni fan
Nel 2019 finì in manette per aver rapinato alcuni fan
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 29 OTT - Per due anni, dal 2021 al 2023, avrebbe picchiato la compagna, anche quando era incinta. Per questo il trapper romano Gallagher, all'anagrafe Gabriele Magi, è finito ai domiciliari con l'accusa di maltrattamenti e lesioni. A riportare la notizia è il dorso romano del Corriere della Sera che riferisce anche le parole dell'avvocato dell'artista, Gian Maria Nicotera, secondo il quale "le accuse saranno ridimensionate, anche perché il racconto andrà vagliato con attenzione". Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, Magi aggredì una prima volta la compagna nel 2021, quando la donna viveva ancora a casa con i suoi. Successivamente, con la convivenza e la scoperta dell'arrivo di un figlio, le violenze si sono fatte sempre più frequenti. Nell'estate del 2022 - riporta il quotidiano - diede un calcio alla compagna rompendole una costola. Durante la gravidanza, inoltre, Gallagher arrivò a spintonare la ragazza contro un termosifone, fortunatamente senza conseguenze per lei e per il feto. Ma non è la prima volta che il 29enne ha problemi con la giustizia. Nel 2019 finì in manette con l'accusa di aver rapinato alcuni fan che gli avevano chiesto un selfie. Nel 2020, invece, fu vittima dell'attacco da parte di una band rivale che fece irruzione nel suo studio aggredendolo. Le immagini fecero il giro del web e gli autori arrestati. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia, stabilita la data delle prossime elezioni presidenziali: Putin vicino al quinto mandato

L'Italia esce dalla Belt and Road Initiative della Cina, Pechino: "No a denigrazioni"

Golfo di Napoli, la plastica riutilizzabile meglio del polistirolo per combattere l'inquinamento