Tensioni al confine con il Libano, massiccia mobilitazione militare israeliana

Residenti del nord di Israele evacuano dalle proprie case
Residenti del nord di Israele evacuano dalle proprie case Diritti d'autore Euronews
Di Valerie Gauriat
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I residenti nel nord di Israele hanno già iniziato a evacuare mentre aumentano le tensioni al confine con il Libano. Una massiccia mobilitazione militare da parte di Israele è in corso. Alcune persone non vogliono abbandonare le proprie case

PUBBLICITÀ

Nel nord di Israele, gli abitanti dei villaggi più vicini al confine con il Libano si preparano al peggio. Ecco perché in molti stanno partendo per andare a Gerusalemme.

Il ministero della Difesa israeliano ha ordinato a 28 comunità entro 2 km dal confine con il Libano - la cosiddetta linea blu controllata dalle Nazioni Unite - di evacuare dall'area.
Oltre il 60% della popolazione della zona è già partito.

Alcuni sono determinati a rimanere e a proteggere le proprie case. ""Restiamo qui, stiamo proteggendo la nostra casa, cos'altro possiamo fare?" Dice un residente di Arab al-Aramshe.

Dall'inizio della guerra, la tensione nella zona è cresciuta. Le basi militari sono off limits per le telecamere, ma la mobilitazione delle truppe israeliane è massiccia.

Le fazioni libanesi di Hezbollah sparano quotidianamente, come avvertimento contro un'invasione terrestre israeliana della Striscia di Gaza. Aaron Maruani, un riservista in una stazione di servizio è uno dei pochi soldati disposti a parlare. "Siamo arrivati nel Nord con un numero enorme di soldati e la forza di oggi è una forza che non avevo mai visto. È una vera guerra".

Nella vicina città di Shelomi, il livello di ansia ha raggiunto un nuovo picco per coloro che stanno ancora aspettando di essere evacuati. Smulik Asher e Galit Asher Elbaz sono una coppia nervosa. Dicono di non riuscire a dormire, ogni rumore li fa sobbalzare. Hanno paura per i bambini. Dall'inizio della guerra, 10 giorni fa, molti presunti terroristi hanno attraversato il confine. ""Questa è la mia casa. Ho paura di tornare a casa. Non ha senso che io abbia paura di tornare a casa!" Esclama Smulik.

In molti concordano sul fatto che la guerra si riverserà anche nel nord di Israele.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Casa Bianca: le immagini escludono la responsabilità israeliana per l'attacco all'ospedale di Gaza

Guerra Israele-Hamas, come i bambini sono usati per diffondere disinformazione

Israele: fine settimana di proteste contro Netanyahu, chieste nuove elezioni