Gerusalemme Vecchia: tensione alle stelle alla moschea Al Aqsa, migliaia di soldati

Militari controllano gli accessi alla moschea Al Aqsa, nella Vecchia Gerusalemme
Militari controllano gli accessi alla moschea Al Aqsa, nella Vecchia Gerusalemme Diritti d'autore Maya Alleruzzo/Copyright 2023 The AP All rights reserved
Di Valerie Gauriat
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Israele ha schierato migliaia di soldati nelle strade della città vecchia che portano alla moschea Al Aqsa. Molti accessi vietati ai palestinesi. Nemmeno un turista per le strade. I fedeli costretti a pregare fuori

PUBBLICITÀ

Misure di sicurezza straordinarie in vigore a Gerusalemme Est, dove 2.500 poliziotti sono stati schierati per la preghiera del venerdì nella città vecchia. Il numero di fedeli recatisi alla moschea di Al Aqsa è stato insolitamente basso. Le attività al momento sono ferme.

“La situazione è molto difficile. Ci sono chiusure, restrizioni, anche per procurarsi alimenti, verdure, carne. Tutto è difficile, i prezzi sono altissimi. E la città è vuota. È vietato l’ingresso alle donne, ai bambini e ai giovani. Come posso lavorare?" Si dispera Wadi'a Halawani, un commerciante del posto.

Anche i turisti hanno abbandonato le strade. Lo stesso vale per la maggior parte degli ebrei della Città Vecchia. I controlli di sicurezza sono costanti, dicono i residenti palestinesi. La tensione aumenta quando ci si avvicina alla moschea di Al Aqsa. I soldati monitorano gli accessi, bloccando parecchie persone. 

Soldati israeliani controllano le strade vicino alla moschea Al Aqsa
Soldati israeliani controllano le strade vicino alla moschea Al AqsaAHMAD GHARABLI/AFP or licensors

Coloro a cui è stato impedito l'accesso alla moschea hanno pregato all'esterno.“Sono selvaggi", dice una donna palestinese a Euronews, "Hai visto con i tuoi occhi come mi hanno afferrato e aggredito per impedirmi di entrare”.

Alla fine la preghiera del venerdì si è conclusa senza gravi incidenti. Le strade della vecchia Gerusalemme sono di nuovo silenziose. Ma la tensione è alle stelle. E molti temono che l’antagonismo di lunga data tra le comunità ebraica e araba possa peggiorare.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, ospedale Al-Shifa verso il collasso: il 60% dei morti e feriti sono donne e bambini

Vita sotto assedio a Gaza City: senza luce, acqua e carburante. E sotto i bombardamenti di Israele

Gaza al buio, ospedali al collasso attivano i generatori di emergenza. Altri 51 morti nella notte