EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Euroviews. La sostenibilità ha perso il suo significato con il trionfo della lobby nucleare

Una centrale termonucleare, illustrazione
Una centrale termonucleare, illustrazione Diritti d'autore Ajay Pal Singh Atwal/Unsplash/Euronews
Diritti d'autore Ajay Pal Singh Atwal/Unsplash/Euronews
Di Thomas Stuart Kirkland and Christiana Mauro, Freelance reporters
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell'autore e non rappresentano in alcun modo la posizione editoriale di Euronews.
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Dai sette firmatari del 2021, l'Alleanza nucleare si è allargata a 14 Paesi dell'Ue

PUBBLICITÀ

La Commissione europea, sotto la presidenza di Ursula von der Leyen, ha ufficialmente dichiarato che la politica climatica è la sua priorità numero uno.

Ma alla fine di agosto, presso il Tribunale europeo di Lussemburgo, si è conclusa la prima fase di una delle tre cause legali contro la Commissione europea, che hanno come oggetto un elemento chiave della legislazione europea sul Green Deal.

Queste cause non sono state intentate dagli oppositori della politica di mitigazione del clima, ma da coloro, tra cui l'Austria e alcuni gruppi ambientalisti, che desiderano salvare la legislazione da ciò che considerano fatalmente compromessa.

Le cause mirano a revocare la legge delega complementare sul clima, in vigore dallo scorso gennaio.

Questa integra il Regolamento sulla tassonomia, un elenco di attività economiche considerate sostenibili e quindi ammissibili agli investimenti verdi, includendo, sorprendentemente, il gas naturale e l'energia nucleare.

Cosa ha portato a questa situazione, in cui l'esecutivo dell'Ue, apparentemente impegnato a realizzare il suo piano "Fit by 55" per ridurre in modo sostanziale le emissioni di gas serra entro il 2030, si trova a essere contestato nella sua legislazione verde da uno dei suoi stessi Stati membri?

La risposta prontamente fornita dai critici è che si tratta di una risposta appropriata a uno dei più evidenti trionfi del greenwashing propinato al pubblico.

L'inclusione di gas e nucleare, dicono, viola l'intero scopo del regolamento sulla tassonomia.

Questo dirottamento dello strumento chiave della politica verde dell'Ue è stato apertamente realizzato attraverso una campagna di disinformazione condotta dalla lobby nucleare.

Nel marzo 2021, sette Stati membri nucleari hanno inviato una lettera alla Commissione europea chiedendo l'inclusione dell'energia nucleare nella tassonomia.

L'intervento ha ricevuto all'epoca una certa attenzione da parte dei media, ma non è stato di tipo critico.

JONATHAN NACKSTRAND/AFP or licensors
A worker stands at the turbine room linked to the OL3, the latest among three reactors at the nuclear power plant on the island of Eurajoki, May 2023JONATHAN NACKSTRAND/AFP or licensors

Cosa ha portato a questa situazione, in cui l’esecutivo dell’Ue, apparentemente impegnato a realizzare il suo piano **“Fit for 55”,**per ridurre sostanzialmente le emissioni di gas serra entro il 2030, si trova ora messo alla prova sulla sua legislazione verde da uno dei suoi stessi Stati membri?

La dichiarazione prontamente fornita dalla critica è che si tratta di una risposta adeguata a uno dei più cospicui trionfi del greenwashing imposto al pubblico.

L’inclusione del gas e del nucleare, dicono, viola l’intero scopo del regolamento sulla tassonomia.

Negli ultimi decenni, è emerso qualcosa di più insidioso: una paralisi di fronte al dibattito, una volontà di riportare la controversia scientifica e di presentare entrambe le parti in modo "equo ed equilibrato", dando lo stesso tempo al consenso degli esperti e al clamore dei fanatici.

Il disinteresse dei media

Questo dirottamento dello strumento chiave della politica verde dell’Ue è stato compiuto attraverso una campagna di disinformazione condotta dalla lobby nucleare.

Nel marzo 2021, sette stati membri hanno inviato una lettera alla Commissione europea chiedendo l’inclusione dell’energia nucleare nella tassonomia.

All’epoca l’intervento attirò una certa attenzione da parte dei media, ma lasciando poco margine all'aspetto critico.  

PUBBLICITÀ

Come ha detto il giornalista in pensione Jay Rosen, "non si ricevono molte lamentele se ci si limita a scrivere quello che dicono tutti e si lascia perdere".

Ma questo spesso va a vantaggio della disinformazione, che non è convincere, ma confondere e demoralizzare. In definitiva, disabilita qualsiasi sforzo organizzato per cambiare le cose.

Affermazioni dubbie dei Sette stati nucleari

Un team di giornalisti indipendenti ha scoperto che delle 25 affermazioni fattuali contenute nella lettera, 20 erano fittizie o fuorvianti, comprese le solite affermazioni dubbie sul "prezioso contributo" del nucleare alla neutralità climatica.

Tuttavia, le conclusioni dell'indagine condotta dal pubblico non hanno trovato un editore tra gli organi di stampa europei e sono passate in gran parte inosservate.

La lettera dei Sette Nucleari - Francia, Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia e Slovenia - è stata rafforzata dieci giorni dopo dalla pubblicazione di una bozza di rapporto del Centro comune di Ricerca della Commissione europea.

PUBBLICITÀ
Ludovic Marin/AP
French President Emmanuel Macron speaks during the presentation of "France 2030" investment plan at the Elysee Palace in Paris, October 2021Ludovic Marin/AP

Il Centro è stato incaricato di determinare se l'energia nucleare soddisfa i criteri di inclusione nella tassonomia, in particolare il principio 'Do No Significant Harm'

Questo, nonostante il fatto insignificante che il Ccr sia stato istituito nell'ambito del Trattato Euratom e sia tuttora incaricato di condurre ricerche nucleari sotto l'egida e con i finanziamenti dell'Euratom.

Il rapporto concludeva che non esistevano "prove scientifiche" che il nucleare potesse danneggiare l'ambiente più di altre attività della tassonomia.

La spavalderia della lobby nucleare

La portata dell'influenza dei Sette Nucleari sulla decisione finale di etichettare formalmente il nucleare come sostenibile non è chiara, ma è probabilmente decisiva.

E, forte di ciò, la lobby nucleare dell'Ue si sta comportando con notevole spavalderia.

PUBBLICITÀ

Dai sette firmatari della lettera del 2021, l'Alleanza nucleare si è allargata a 14 Paesi dell'Ue, con l'aggiunta di Bulgaria, Croazia, Finlandia e Paesi Bassi, seguiti da Belgio, Estonia e Svezia (con l'Italia come osservatrice).

Laurent Cipriani/AP2011
A masked protester demonstrating for the halt of the production of nuclear energy in front of Bugey's nuclear plant in Saint-Vulbas, near Lyon, March 2011Laurent Cipriani/AP2011

Rappresentando ora una maggioranza nell'Ue, l'Alleanza è stata in grado di chiedere, in occasione della quarta riunione tenutasi in Spagna l'11 luglio, che l'energia nucleare sia trattata allo stesso modo delle energie rinnovabili per quanto riguarda i finanziamenti dell'Ue e la promozione di progetti comuni.

Sotto la bandiera della "neutralità tecnologica", l'Alleanza ha già esercitato con successo pressioni per l'accettazione dell'"idrogeno rosa" prodotto dal nucleare come "idrogeno verde" ed è riuscita a strappare importanti concessioni nella revisione della Direttiva sulle Energie rinnovabili, che raddoppierebbe quasi la quota di rinnovabili nel consumo energetico complessivo dell'Ue entro il 2030.

Queste concessioni consentono un ruolo maggiore dell'energia nucleare nel raggiungimento di questi obiettivi.

La sostenibilità perde la sua essenza

Ironia della sorte, l'Alleanza nucleare è guidata dalla Francia, la cui stessa legge nazionale - un decreto del 2015 sul marchio "Energia e transizione ecologica per il clima" - esclude l'energia atomica dalla classificazione di investimento verde.

PUBBLICITÀ

In "Diversione dall'azione urgente per il clima", l'esperto nucleare di Wise, Jan Haverkamp, sostiene che l'intensa attività di lobbying dell'industria nucleare a Bruxelles ha avuto "un'influenza diretta sulla velocità con cui viene intrapresa l'azione urgente per il clima", rallentando l'adozione di fonti di energia rinnovabili.

AP Photo/Michel Euler
Environmental activists display a banner as they protest at Pantheon monument in support of the Paris climate accord, in Paris, December 2017AP Photo/Michel Euler

Avendo perso il significato della sostenibilità, tutto è permesso. E così assistiamo al trionfo della lobby nucleare.

Nel panorama post-CCDA, c'è chi ha acquisito una nuova patina verde, consumando tutto l’ossigeno nel dibattito sulla politica climatica fino a quando non scadranno in osceni superamenti dei costi e nella mancata consegna delle loro promesse vanagloriose ma dai risultati illusori. 

T__homas Stuart Kirkland e Christiana Mauro sono reporter freelance che si occupano di Europa orientale.

Ad Euronews crediamo che tutte le opinioni siano importanti: contattateci all'indirizzo view@euronews.com per inviare proposte o contributi e partecipare alla conversazione.

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Aiea, via alla 67esima conferenza sul nucleare: il punto sull'Iran e su Zaporizhzhia

Come la sostenibilità sta plasmando il futuro dell'innovazione tecnologica (e viceversa)

Sostenibilità alimentare: come la mettiamo con gli sprechi dei grandi alberghi?