EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Cile, un uomo ritrova la madre biologica dopo 42 anni

Abbraccio tra madre e figlio dopo 42 anni di separazione forzata
Abbraccio tra madre e figlio dopo 42 anni di separazione forzata Diritti d'autore AP.
Diritti d'autore AP.
Di Debora Gandini
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Maria Angelica Gonzalez e suo figlio furono vittime della tratta di bambini durante la dittatura di Augusto Pinochet

PUBBLICITÀ

Un abbraccio che possa compensa 42 anni di assenza, sarà mai possibile? Questa è la domanda che si è posto Jimmy Lippert Thyden, che ha viaggiato dagli Stati Uniti al Cile per vedere per la prima volta la sua madre biologica.

Maria Angelica Gonzalez e suo figlio furono vittime della tratta di bambini durante la dittatura di Augusto Pinochet. Ora, grazie alla Ong “Nos Buscamos”, Jimmy ha scoperto che la sua adozione negli Stati Uniti è stata falsificata e che la sua famiglia biologica lo aspetta da sempre.

"Come puoi abbracciare qualcuno in un modo da compensare 42 anni di totale assenza? Questo è quello che stiamo facendo in questo momento. 42 anni rubati a tutti noi."

L’Ong ha scoperto che Jimmy era nato in un ospedale di Santiago e che a sua madre era stato detto che il piccolo era morto e che il suo corpo era stato seppellito da qualche parte. Grazie ad un test del Dna, l’uomo non solo ha confermato di essere cileno al 100%, ma è riuscito a entrare in contatto con il suo cugino di primo grado e, subito dopo, con la sua madre biologica.

Constanza del Rio, fondatrice dell’Ong Nos Buscamos, spiega che negli ultimi 9 anni hanno già ottenuto più di 450 ricongiungimenti tra coloro che sono stati adottati e le loro famiglie biologiche, un problema che ha colpito soprattutto le famiglie povere.

"Semplicemente rubavano bambini e li vendevano. Non era per salvarli dalla povertà o dalla fame o altro. Quello era la storia che raccontavano, quello che volevano far credere. La vera storia era che questi bambini erano stati rapiti e erano figli di famiglie povere, donne povere che non sapevano, non sapevano come difendersi."

Sebbene Jimmy sia riuscito a ricongiungersi con la sua famiglia biologica, riconosce che tutta questo è davvero molto complicato. Una ferita difficile da rimarginare. E’ necessario una sorta di meccanismo per aiutare finanziariamente le famiglie a visitare il loro paese d'origine.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Rio de Janeiro: presi in ostaggio su un bus, liberati dalla polizia militare

Israele in marcia per gli ostaggi: si negozia per tregua con Hamas e sul futuro di Gaza

Haiti, liberate le suore rapite ma il Paese attende ancora la missione Onu