EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Scade l'ultimatum dei golpisti nigerini: ambasciatore e soldati francesi devono andarsene

Manifestazioni antifrancesi in Niger
Manifestazioni antifrancesi in Niger Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di euronewe e ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tutti allo stadio di Niamey per chiedere che ambasciatore e militari francesi lascino rapidamente il Paese

PUBBLICITÀ

Una fetta non disprezzabile di nigerini sostiene i golpisti che hanno ordinato all'ambasciatore francese di andar via. Ben 20 mila persone si sono radunate sabato nello stadio di Niamey sventolando le bandiere nazionali ma anche quelle di Russia e Algeria; chiedono che il presidio militare francese lasci il paese insieme alla delegazione diplomatica di Parigi.

L'ultimatum di venerdì

Venerdì i golpisti hanno concesso all’ambasciatore francese 48 ore per lasciare il Paese. Parigi ha rifiutato, affermando che la Giunta "non ha l'autorità" per esprimere una simile richiesta. Il colonnello Ibro Bachirou Amadou, membro senior del Consiglio nazionale per la salvaguardia della patria (CNSP) del Niger, è stato chiaro arringando la folla: "Abbiamo detto ai francesi di lasciare il nostro Paese, di andarsene via. Ma siete voi che li scaccerete. Per scacciarli non andate all'ambasciata. Se la mobilitazione continua, se ne andranno ." 

La giunta al potere in Niger ha chiesto formalmente ai francesi di liberare il campo entro 48 ore, quindi l'ultimatum scade domenica. Peraltro sono state smentite le voci che analoghe richieste sono state fatte verso le delegazioni di Germania, Nigeria e Stati Uniti mentre l'ambasciatore francese è stato dichiarato persona non grata. Il comunicato dei nuovi padroni del Niger parla di applicazione della convenzione di Vienna del 1961 per far partire l'ambasciatore di Francia  se non rispetterà il limite delle 48 ore.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Macron: "L'Ambasciatore francese resta in Niger. La Francia è dalla parte giusta della storia"

Niger, a rischio 28 milioni di dosi di vaccino a causa dei tagli all'elettricità

Niger, Ecowas incontra i leader golpisti e il presidente Bazoum: "Non parleremo per sempre"