EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

35 morti e 115 feriti per l'esplosione alla stazione di servizio in Daghestan

I pompieri provano a domare le fiamme dopo l'esplosione
I pompieri provano a domare le fiamme dopo l'esplosione Diritti d'autore HANDOUT/AFP or licensors
Diritti d'autore HANDOUT/AFP or licensors
Di Ilaria Cicinelli
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il bilancio dei morti potrebbe aumentare, undici feriti sono in gravi condizioni. Due dei serbatoi alla pompa di benzina della stazione sono scoppiati. L'esplosione sarebbe stata provocata da un vicino incendio, che si è propagato fino all'area di rifornimento

PUBBLICITÀ

35 morti, di cui tre bambini, e 115 feriti, questo il tragico bilancio dell'esplosione nella stazione di servizio alla periferia di Makhachkala, la capitale della Repubblica russa del Daghestan.
Undici feriti, tra cui due bambini, sarebbero in gravi condizioni e alcuni di loro sono stati portati d'urgenza a Mosca per ricevere le cure mediche necessarie. Makhachkala, che conta circa 600mila abitanti, si trova sul Mar Caspio, a circa 1600 chilometri a sud di Mosca. 

L'esplosione è avvenuta nella sera del 14 agosto alle 21:40 circa (ora locale), quando un incendio, scoppiato in un'autofficina, si è propagato fino a una vicina stazione di servizio, innescando la conflagrazione. Due degli otto serbatoi della stazione di rifornimento sarebbero esplosi, causando l'ampio rogo. L'incendio ha interessato un'area di circa 500 metri quadri. 

Le autorità del Daghestan hanno dichiarato che le famiglie dei morti riceveranno 1 milione di rubli ciascuna, circa 10.000 dollari, e i feriti tra i 200.000 e i 400.000 rubli (tra i 2.000 e i 4.000 dollari). È stata avviata, inoltre,un'indagine penale per stabilire le cause e le circostanze dietro alla tragedia. Il 15 agosto è stato dichiarato giorno di lutto in Daghestan e il presidente della Federazione russa, Vladimir Putin, ha espresso le sue sentite condoglianze.

Sempre nella sera del 14 agosto, un'esplosione nella Siberia occidentale ha ucciso due persone e ne ha ferite altre cinque. Le autorità hanno dichiarato che l'esplosione è avvenuta in tarda serata in una miniera di petrolio nella regione di Khanty-Mansiysk. 

L'esplosione in Daghestan è stata la più letale in Russia dall'aprile 2022, quando un incendio in una struttura di ricerca della difesa a Tver, una città a 160 chilometri a nord di Mosca, ha ucciso 22 persone e ne ha ferite un'altra dozzina.

All'inizio di questo mese, un'esplosione in una fabbrica a nord di Mosca, che produce apparecchiature ottiche per le forze di sicurezza russe, ha ucciso una persona e ne ha ferite altre 84.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Fiamme in una stazione di servizio del Daghestan

La Russia aumenta i tassi d'interesse dall'8,5 al 12%

Il crollo del rublo trascina in basso l'economia russa