EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Mercato del lavoro: il paradosso spagnolo

In questa foto di archivio di martedì 28 aprile 2020, un uomo guarda gli avvisi sulla finestra di un ufficio di collocamento a Madrid.
In questa foto di archivio di martedì 28 aprile 2020, un uomo guarda gli avvisi sulla finestra di un ufficio di collocamento a Madrid. Diritti d'autore Paul White/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Paul White/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Di Laura Llach
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La Spagna è "condannata" alla disoccupazione? Sebbene il suo mercato del lavoro stia battendo nuovi record, con il numero di disoccupati ai minimi da 15 anni, la Spagna è ancora primo per tasso di disoccupazione nell'UE.

PUBBLICITÀ

Dopo essere stato insoddisfatto del suo lavoro per mesi, Francisco Gómez, 36 anni, ha ricevuto una lettera di licenziamento. Lavorava a Barcellona come avvocato dal 2018. Gómez aveva chiesto una promozione che si è bloccata a causa di un cambio di gestione. Non era d'accordo con la nuova politica dell'azienda e ad aprile, al rientro dal congedo per malattia, hanno deciso di licenziarlo. È stata la prima volta che si è trovato disoccupato, e da allora sta cercando di trovare un nuovo lavoro.

Sebbene il mercato del lavoro spagnolo abbia battuto nuovi record negli ultimi mesi, con il numero di disoccupati ai minimi da 15 anni, il Paese continua a detenere il primato della disoccupazione in Europa.

Le cifre registrate nel Paese dell'Europa meridionale sono eccezionali e superano per la prima volta la soglia dei 21 milioni di lavoratori, secondo i dati pubblicati dal Ministero dell'Inclusione la scorsa settimana.

Tuttavia, il tasso di disoccupazione della Spagna, pari all'11,6%, è ben lontano dalla media della zona euro, che si attesta al 6,4%, e dei 27 Paesi dell'UE, pari al 5,9%.

Questi numeri rendono più difficile il reinserimento nel mercato del lavoro di coloro che cercano un lavoro, come Francisco Gómez, che sta cercando lavoro da quattro mesi e non è ancora riuscito a trovarlo, anche se rimane ottimista.

"All'inizio è stata molto dura, mi alzavo e cercavo di risollevarmi il morale. Dubitavo persino dell'azienda e delle mie capacità. Ma ora mi sento più ottimista", racconta a Euronews.

"Sono consapevole che ci sono persone che possono stare peggio di me. Non ho una famiglia, né figli, quindi non ho questo peso finanziario", aggiunge.

JAVIER SORIANO/AFP or licensors
A protestor holds a banner reading,"violence is earning 600 euros", during a demonstartion called by the UGT and CCOO unions against unemploymentJAVIER SORIANO/AFP or licensors

Qual è il paradosso spagnolo?

Secondo Eurostat, il numero di disoccupati in Spagna non era così basso dall'agosto 2008.

Tuttavia, il numero di disoccupati di lunga durata si attesta al 6,2%, con un aumento di un punto rispetto al 2020, come si evince dagli ultimi dati pubblicati dall'Istituto nazionale di statistica.

"Cercare un lavoro richiede tempo. Le aziende pagano stipendi bassi rispetto alle responsabilità che richiedono, e l'affitto in grandi città come Madrid o Barcellona è molto costoso. Questo rende le cose difficili", afferma Gómez.

Il paradosso spagnolo emerge quando si guardano i dati disponibili a livello europeo: la Spagna è in testa all'UE in termini di crescita dell'occupazione, ma è anche in testa alla classifica del numero di disoccupati.

"Questo avviene perché il tasso di disoccupazione della Spagna era molto più alto. Solo sei anni fa, il divario tra la Spagna e gli altri Paesi europei era colossale. Si sta gradualmente riducendo", spiega Raymond Torres, direttore di Economia internazionale presso Funcas, un think tank spagnolo.

Per l'esperto, i dati mostrano che il Paese si sta muovendo nella giusta direzione.

"Negli ultimi 40 anni, quando l'economia spagnola si indeboliva, la disoccupazione saliva alle stelle. È vero che nel periodo di ripresa sono stati creati più posti di lavoro rispetto ad altri Paesi europei, ma in media la disoccupazione in Spagna è stata maggiore".

Paul White/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Prices of goods at a street market in Madrid.Paul White/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

La Spagna è "condannata" alla disoccupazione?

Mentre la Spagna continua a lottare per scendere nella classifica, molti si chiedono se la disoccupazione sarà sempre il suo grande punto debole.

Al momento, la Spagna ha più disoccupazione della Grecia (11,1%), della Svezia (7,9%) o della Lituania (7,5%) ed è molto indietro rispetto a Paesi le cui statistiche mostrano i dati migliori, come Malta (2,6%), Polonia (2,6%) o persino i Paesi Bassi (3,5%).

"Non credo che ci sia una maledizione specifica o che la Spagna sia condannata a una disoccupazione sempre così alta", afferma Torres, che sostiene che misure come la riforma del lavoro del 2021, introdotta per porre fine all'instabilità del lavoro e all'occupazione temporanea, possono aiutare a convergere verso dati simili a quelli degli altri Paesi europei.

L'ultima riforma del lavoro, una scommessa del governo socialista, sembra per il momento dare i suoi frutti. A solo un anno dalla sua entrata in vigore, il numero di contratti temporanei è diminuito del 30% e la misura ha incrementato l'occupazione permanente.

PUBBLICITÀ

Tuttavia, Torres ritiene che la Spagna abbia ancora del lavoro da fare. Le sue due sfide principali risiedono nelle politiche attive, come il sistema di ricollocamento dei disoccupati, e nell'alto tasso di disoccupazione giovanile.

"La Francia ha avuto lo stesso problema della Spagna in termini di reinserimento dei disoccupati nel mercato del lavoro e, grazie alle riforme, la disoccupazione è stata gradualmente ridotta", sottolinea.

La Spagna è anche il Paese con il più alto numero di giovani sotto i 25 anni senza lavoro (27,4%), davanti a Svezia (24,9%) e Grecia (23,6%).

"Questo è un aspetto che non funziona ancora bene nel Paese. Il sistema educativo non è sufficientemente interconnesso con il mercato del lavoro. Inoltre, la Spagna ha ancora un tasso di abbandono scolastico molto più alto rispetto ai Paesi del Nord Europa come la Germania", afferma Torres.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

A quanti anni si è troppo vecchi per i pubblici uffici? S'infiamma il dibattito sull’età in politica

Spagna: crolla la terrazza di un ristorante a Maiorca, morti e feriti

Spagna riconosce lo Stato di Palestina, le reazioni a Madrid