EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Russia e Bielorussia potranno partecipare alle Olimpiadi del 2024?

Sede del Comitato Olimpico Internazionale (CIO)
Sede del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) Diritti d'autore FABRICE COFFRINI/AFP or licensors
Diritti d'autore FABRICE COFFRINI/AFP or licensors
Di Knarik Papoyan
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in russo

Vedremo gli atleti russi e bielorussi in uniforme neutra alle Olimpiadi di Parigi? Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) non ha ancora preso una decisione in merito, mentre le qualificazioni per molte discipline olimpiche sono già in pieno svolgimento.

PUBBLICITÀ

Nulla garantisce la presenza di Russia e Bielorussia ai Giochi olimpici del 2024 a Parigi e a quelli del 2026 a Milano. Cosa c'è in serbo per gli atleti?

"Il_CIO sta cercando di trovare una via di mezzo ammettendo gli atleti di Russia e Bielorussia come atleti neutrali. Ma poiché molte federazioni e comitati olimpici nazionali stanno opponendo resistenza, credo che vedremo una presenza molto limitata di atleti provenienti da questi due Paesi_", afferma Daniel Reich, professore associato alla Georgetown University in Qatar e autore di ricerche su politica e sport.

Lo status di neutralità non è tutto

A marzo, il CIO ha raccomandato che gli atleti russi e bielorussi che non hanno sostenuto pubblicamente la guerra in Ucraina e non sono affiliati all'esercito possano gareggiare esclusivamente in regime di neutralità.

"Il CIO ha chiarito che nessuno di coloro che hanno servito nell'esercito e che hanno sostenuto pubblicamente la guerra potrà partecipare alle Olimpiadi._ Quindi l'asticella è già piuttosto alta, dato che molti atleti russi sono legati all'esercito russo", spiega Reich.

Ma molte federazioni non hanno ancora elaborato i criteri per il ritorno dei russi e dei bielorussi alle loro competizioni. Allo stesso tempo, le raccomandazioni del Comitato Olimpico Internazionale non si applicano ai Giochi Olimpici.

"C'è_troppa resistenza non solo da parte dell'Ucraina, ma anche da parte di alcuni Paesi che organizzano gare di qualificazione, come la Polonia, da parte di alcuni comitati olimpici nazionali, soprattutto europei e nordamericani, e anche da parte di alcune federazioni influenti, come quella di atletica_", afferma Daniel Reich.

La Federazione Russa e la Bielorussia non hanno ricevuto un invito

Tra le dieci federazioni internazionali che hanno seguito la raccomandazione del CIO, la scherma, il ciclismo, il judo e il taekwondo hanno immediatamente sancito il loro ritorno, anche se ciò ha comportato lo spostamento dei Campionati europei di scherma dalla Polonia alla Bulgaria (Varsavia si è rifiutata di rilasciare i visti ai russi), e i Campionati mondiali di judo e taekwondo si sono svolti senza gli ucraini, ai quali il governo aveva chiesto di boicottare i due eventi.

"Non vedremo_atleti russi negli sport di squadra come il calcio e il basket_ ", spiega Reiche, " perché le qualificazioni si sono già svolte. Probabilmente non vedremo atleti russi e bielorussi in sport come l'atletica, dove c'è troppa resistenza al loro ritorno. Ma ci sono sport - come le arti marziali - che permettono agli atleti russi e bielorussi di competere negli eventi di qualificazione".

Questa settimana, a un anno dall'inizio delle Olimpiadi di Parigi, il CIO ha già provveduto al tradizionale invio degli inviti ai Comitati Olimpici Nazionali (CNO). Sono 203 i Paesi invitati, ad eccezione di Russia e Bielorussia, oltre al Guatemala, il cui CNO è stato sospeso dall'ottobre 2022 per problemi di interferenze politiche.

Sport e politica: cose insieme?

Gli esperti ipotizzano che il CIO prenderà una decisione il più tardi possibile, molto probabilmente nella primavera del 2024, e anche gli atleti idonei potrebbero non avere il tempo di qualificarsi. Quanto sono legittime queste azioni? E non violano il principio della separazione tra sport e politica?

Il 28 luglio, il capo del Comitato olimpico russo, Stanislav Pozdnyakov, ha accusato il Comitato olimpico internazionale di agire "nell'interesse dell'Ucraina" dopo che il CIO ha chiesto "sensibilità" nei confronti degli atleti ucraini.

"Il CIO (...) si è schierato dalla parte del conflitto politico e ha iniziato ad agire nell'interesse di questa parte ", ha scritto Pozdnyakov in una dichiarazione pubblicata su Telegram, reagendo alla squalifica di una schermitrice ucraina di sciabola che si è rifiutata di stringere la mano alla sua rivale russa dopo averla sconfitta ai Campionati mondiali di scherma.

Daniel Reich:

"Il presidente Thomas Bach ha ragione quando dice che ci sono circa 70 conflitti nel mondo. Dobbiamo rispondere alla domanda: dove tracciare il confine. /Certo, l'invasione dell'Ucraina è una violazione molto grave dei principi e degli standard internazionali da parte della Russia. Ma ci sono molti altri conflitti.

Lo sport internazionale dovrebbe essere un'arena in cui tutti si incontrano, indipendentemente dalla nazionalità, dall'etnia, dalla religione, dal genere, dall'orientamento sessuale, ecc. Ma naturalmente si tratta di una decisione e di una situazione molto critica. Dobbiamo accettare i sentimenti del popolo e degli atleti ucraini che non vogliono competere con coloro che hanno invaso il loro Paese. /Ma ancora una volta, questo non è l'unico conflitto al mondo. E non dobbiamo dimenticare che molti atleti russi e bielorussi sono contrari alla guerra.

Il CIO sta quindi cercando di trovare un compromesso che possa soddisfare tutti. E spesso quando si cerca di accontentare tutti, c'è chi dice che si è sbagliato tutto".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La leader dell'opposizione bielorussa Tsikhanouskaya: "Lukashenko provoca i Paesi vicini"

Costi in aumento e poca neve: le Olimpiadi invernali sono condannate?

Corea del Nord: il 18 giugno Putin a Pyongyang da Kim Jong-un, è la prima volta dal 2000