EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Esecuzioni, torture e saccheggi in Africa: i mercenari della Wagner sotto accusa

Questa foto non datata, diffusa da militari francesi, mostra tre mercenari russi, a destra, nel nord del Mali.
Questa foto non datata, diffusa da militari francesi, mostra tre mercenari russi, a destra, nel nord del Mali. Diritti d'autore AP/AP
Diritti d'autore AP/AP
Di Joshua Askew
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Le autorità del Mali sotto pressione per porre fine alle violenze e individuare i responsabili

PUBBLICITÀ

I combattenti del gruppo Wagner, che collaborano con gruppi armati locali, sono stati accusati di aver commesso gravi violazioni dei diritti umani in MaliHuman Rights Watch (HRW) afferma che i mercenari russi e le forze armate del Mali avrebbero "giustiziato sommariamente e fatto sparire diverse decine di civili" dal dicembre del 2022.

Gli affari in Africa del gruppo Wagner

L'organizzazione umanitaria con sede negli Stati Uniti afferma che il gruppo di mercenari avrebbe anche distrutto e saccheggiato proprietà civili e presumibilmente torturato i detenuti di un campo militare. 

I combattenti, guidati da Yevgeny Prigozhin, da anni sono sospettati di aver operato in modo poco chiaro nel continente africano. Il gruppo ha accumulato enormi quantità di capitali "proteggendo regimi africani deboli in cambio delle loro miniere d'oro", ha dichiarato a Euronews Mark Beissinger, professore di politica all'Università di Princeton.

"Ero al mercato quando è iniziata la sparatoria e ho visto tre elicotteri militari volare a bassa quota, uno dei quali ha sparato", ha dichiarato a HRW un uomo di 28 anni, residente nel Mali. "La gente è fuggita in tutte le direzioni. Ho preso la mia moto e sono andato più veloce che potevo. Ho visto due persone cadere a terra dietro di me, colpite dagli elicotteri".

Human Rights Watch ha raccolto decine di testimonianze

Tra marzo e maggio, HRW ha intervistato 40 persone, tra cui testimoni, familiari delle vittime e funzionari, e ha esaminato prove video, scoprendo che le forze armate maliane hanno commesso gravi abusi durante la lotta contro i militanti islamisti nel centro del Paese.

Durante tutte le operazioni, tranne una, i testimoni hanno riferito di aver visto uomini armati che hanno descritto come "russi" o "Wagner".

Un gran numero di combattenti stranieri "bianchi" in uniforme ha effettuato un assalto al villaggio di Séguéla a febbraio, che ha portato a pestaggi, saccheggi e all'arresto di diciassette uomini. Otto dei loro corpi sono stati poi ritrovati privi di vita. "Questi casi rappresentano solo una frazione degli abusi commessi dalle forze armate maliane e dai combattenti stranieri affiliati nell'ultimo anno", ha dichiarato HRW.

La presenza della Wagner nel Mali non è mai stata ammessa ufficialmente

Il Mali non ha mai ammesso ufficialmente la presenza di combattenti Wagner nel Paese, nonostante le crescenti prove delle loro attività, nonché degli abusi commessi. Nel dicembre 2021, il governo ha dichiarato che alcuni istruttori militari russi si trovavano lì come parte di un accordo bilaterale. Ciò ha provocato la condanna degli Stati Uniti e dei suoi alleati europei.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha precedentemente riconosciuto che Wagner "fornisce servizi di sicurezza" in Mali. I mercenari russi hanno colmato il vuoto lasciato dalla Francia, ex potenza coloniale, che in precedenza lavorava per combattere i gruppi jihadisti nella regione, ma si è ritirata nel 2022, anche per via dell'insorgere di un forte sentimento anti-francese nel Paese.

Il ritorno dei mercenari in Africa dopo l'ammutinamento

Rispondendo a HRW il 20 luglio, il ministro degli Esteri maliano ha dichiarato che le forze armate del suo Paese "conducono operazioni militari in completa autonomia". La settimana scorsa, Prigozhin ha affermato che i mercenari del suo gruppo si sarebbero diretti verso il continente africano, dopo l'ammutinamento di breve durata di Wagner. "Ci addestreremo, aumenteremo le nostre capacità e partiremo per un nuovo viaggio in Africa", ha dichiarato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Una società spagnola addestra persone che vogliono combattere in Ucraina

Russia, licenziato il generale "Armageddon": complice del gruppo Wagner?

Niger, la giunta golpista minaccia di uccidere il presidente in caso di intervento militare esterno